Eliminare il bisogno di approvazione

Le persone che hanno un disperato bisogno di approvazione spesso provano molto disagio. Se siete tra queste, vi invitiamo a scoprire alcune strategie per superare questo bisogno.
Eliminare il bisogno di approvazione

Ultimo aggiornamento: 29 gennaio, 2022

Tutti noi, in misura maggiore o minore, abbiamo bisogno della nostra dose di approvazione esterna, poiché siamo esseri sociali per natura. C’è però una linea che separa il sano dal patologico e dobbiamo tenerne conto se non vogliamo stabilire legami di dipendenza. Vediamo, dunque, come eliminare il bisogno di approvazione.

Ci sono persone che sembrano avere un bisogno urgente di sostenere le proprie azioni attraverso gli altri. Quando si teme di essere originali, genuini, insomma di essere se stessi, di non ottenere l’approvazione altrui, c’è un problema.

Bisogna considerare che l’opinione altrui a volte è anche influenzata da terzi. Ciò significa che è volubile, anonima e stravagante.

Come disse Steve Jobs non lasciamo che il rumore delle opinioni altrui offuschi la nostra voce interiore“. Una frase saggia facile da capire, ma difficile da mettere in pratica, poiché vogliamo piacere agli altri ed essere lusingati.

Bisogna trovare un equilibrio per evitare che il benessere personale dipenda dall’opinione altrui.

Bisogno di approvazione sin dalla nascita

Per capire perché alcuni adulti dipendono dall’approvazione, dobbiamo tornare all’infanzia. Nelle prime fasi della vita abbiamo bisogno dell’approvazione esterna, ovvero di quel senso di sicurezza fornito dalle figure di attaccamento.

Se non otteniamo la loro approvazione, di fatto, con molta probabilità svilupperemo problemi di autostima.

Madre che approva l'atteggiamento di sua figlia.

Se la madre dice al figlio che è un disastro, non si fida di lui e invece di vedere le sue virtù, si concentra sui difetti, da grande avrà una scarsa autostima e cercherà negli altri quell’approvazione che non ho ricevuto.

Ma questa non è l’unica causa di bassa autostima, poiché influiscono anche le opinioni di compagni di classe, amici o insegnanti.

La famiglia è solitamente il pilastro più importante, ma a volte un bambino può sviluppare e formare una sana autostima grazie all’approvazione di altri membri importanti al di fuori della famiglia.

Secondo Vernieri (2006), l’immagine di sé è l’accettazione positiva di ciò che si riflette sugli altri, che si basa sull’esperienza personale e sulla cura di sé e che si costruisce lungo tutta la vita, dalle esperienze vissute e dalle relazioni con gli altri.

Tuttavia, è logico che anche in età adulta si cerchi un po’ di approvazione, perché riafferma e dà sicurezza. Tuttavia, la linea tra la ricerca sana di approvazione e quella problematica è sottile.

Un modo per identificare da quale parte della line ci troviamo è analizzare se le nostre decisioni e comportamenti variano in base alle opinioni esterne.

Quando il bisogno di approvazione diventa dipendenza?

Potremmo parlare di dipendenza quando affidiamo le redini della nostra vita ad altri, quando il nostro benessere dipende dalle loro opinioni e valutazioni. La domanda sarebbe: vogliamo o abbiamo bisogno del parere altrui?

Presentiamo alcune condotte allarmanti che potrebbero indicare che dipendiamo dall’approvazione esterna:

  • Non dare un’opinione diversa, bensì cercare di essere gentile per compiacere e non infastidire la persona che si ha davanti.
  • Variare il proprio stato emotivo in base all’opinione altrui. Se ci fanno i complimenti e ci approvano, ci sentiamo euforici e felici, ma se ci criticano e ci disapprovano, ci sentiamo tristi e indegni.
  • Non saper dire “no” e fare continui favori agli altri prima di ascoltare i nostri bisogni.
  • Eccessiva preoccupazione per avere un bell’aspetto. Una cosa è prendersi cura di noi stessi e farlo spesso, un’altra è avvertirla come una necessità e non tollerare di vederci spettinati, senza trucco o con un aspetto che consideriamo poco curato. Le persone che non hanno bisogno di approvazione non hanno problemi a mostrarsi al  naturale.
  • Non essere spontanei o autentici per paura del rifiuto. Se davanti alla società ci mostriamo troppo perfetti e perdiamo la nostra naturalezza e spontaneità, potrebbe essere che in fondo abbiamo paura di essere rifiutati. Cerchiamo quindi di passare inosservati per evitare di ricevere critiche.
Mani incatenate ed eliminare il bisogno di approvazione.

Come eliminare il bisogno di approvazione patologico?

Possiamo eliminare il bisogno di approvazione modificando i nostri pensieri e le nostre convinzioni. Non basta capirlo, ma è necessario riflettere a fondo e credere nei seguenti punti:

Non possiamo piacere a tutti

Chiunque tu sia, qualunque virtù tu abbia, non piacerai mai a tutti. Ci saranno sempre persone che ci criticheranno e ci disapproveranno, e questo accadrà a ogni essere umano su questo pianeta. Pertanto, il bisogno di piacere a tutti è impossibile.

Anche gli artisti più famosi hanno i loro detrattori. I Beatles, considerati uno dei migliori gruppi della storia, non tutti. Lo stesso accade con Picasso, Miró, Dalí, Mondrian, Kandinsky, ecc. Anche con scrittori come Bukowski, Kerouac, Wilde.

Non importa quanto siamo conosciuti, non importa quantiseguaci possiamo avere, ci sarà sempre qualcuno a cui non piacerà quello che facciamo, e questo non dovrebbe disturbarci, dal momento che il gusto è qualcosa di soggettivo.

Nessuno ci conosce come noi stessi

Un altro pensiero errato è credere che gli altri siano in possesso della verità. Le persone che hanno bisogno di approvazione credono più nelle opinioni esterne che nelle proprie.

Nessuno ci conosce bene quanto noi, e spesso accade che si formino opinioni sbagliate senza basi razionali. Pertanto, non dovremmo dare così tanto potere a ciò che gli altri pensano di noi, perché possono essere sbagliati. Solo noi stessi siamo quelli che possono avere criteri stabili di concetto di sé.

Prendere le proprie decisioni

Ogni volta che dobbiamo prendere una decisione, dovremmo porci questa domanda, in base a cosa stiamo prendendo questa decisione? Siamo influenzati dall’opinione e dai desideri altrui? Cosa vogliamo, se mettiamo da parte l’opinione sociale? Decidiamo secondo i nostri criteri, non secondo quelli degli altri.

Non siamo né più né meno di nessuno

Non siamo né più né meno preziosi degli altri. Siamo tutti uguali, non importa quanto abbiamo successo, i nostri beni o la nostra fiducia in noi stessi.  L’unica cosa importante è chi siamo, i valori umani che ci definiscono.

Le disapprovazioni non equivalgono al rifiuto

Solitamente, qualsiasi critica viene presa come un disprezzo della nostra persona, quando in realtà spesso è un rifiuto di un gusto, stile di vita, opinione, ecc.

Per esempio, qualcuno potrebbe disapprovare un altro per un gusto musicale o per motivi politici. motivi. Ciò non significa che ci stiano rifiutando come persona, ma che si tratta di non essere d’accordo con i gusti.

María Nieves Vera (2009), professoressa presso l’Università di Granada, Spagna, offre alcune strategie per accettare positivamente le critiche:

  • Reagire con calma alle critiche per mettere in pratica la pazienza e imparare a non sentirti attaccati.
  • Riflettere sul fatto che una critica è solo un’opinione e quindi non deve mettere in gioco la propria autostima.
  • Approfittare di una critica per valutare se è costruttiva o è un tentativo di manipolazione. Nel primo caso possiamo imparare da essa, invece di rovinare il nostro rapporto con la persona che ce l’ha fatta.
  • Se la critica è costruttiva ma le parole sono dolorose, possiamo approfittarne e insegnare alla persona che ci ha criticato un modo più corretto di esprimere la sua opinione.
  • Nel caso in cui provino a manipolarci, il modo migliore per ostacolare i piani dell’altra persona è reagire con calma.
  • Reagire in modo irascibile può mostrare le nostre debolezze all’altra persona. Quindi, ancora una volta, meglio restare calmi e rilassati. Rimanere calmi ci permette di uscire vittoriosi da una situazione che di solito si rivela spiacevole.

Spesso la critica agli errori commessi viene presa come una disapprovazione della persona. Quello che è stato rifiutato era semplicemente un modo sbagliato di agire, ma quell’errore non definisce una persona, poiché ogni essere umano commette errori e si evolve grazie a loro.

Chi non la cerca o non ne ha bisogno tende a ricevere più approvazione

Amici che ridono.

Sembra un paradosso, eppure le persone che non pensano all’approvazione tendono a essere più accettate.

La spiegazione di ciò risiederebbe nel fatto che di solito siamo attratti da chi si mostra autentico, sebbene non coincida con le nostre opinioni.

Sii te stesso senza cercare quell’approvazione, sii autentico senza preoccuparti dell’opinione esterna, poiché provare a piacerti otterrà l’effetto opposto.

Rafforzare  l’autostima

Una delle maggiori cause del bisogno di approvazione è la debole autostima. Rinforzarla ci aiuterà a eliminare il bisogno di approvazione.

Quando pensiamo di valere e abbiamo un’opinione positiva di noi, la disapprovazione non ci farà male, la vedremo come qualcosa di naturale che accade nella vita.

Oltre a ciò, cci renderemo conto che l’essenziale è credere in sé a prescindere da quello che accade all’estero.

Accetta le differenze per eliminare il bisogno di approvazione

Non siamo tutti uguali, ognuno di noi ha i propri gusti, opinioni, stile di vita, ecc. Essere diversi non significa essere migliori o peggiori.

Incontreremo persone opposte con cui non andremo d’accordo, ma non dovremmo mai vederlo come disapprovazione, ma come differenza.

Fotografia per gentile concessione di Svetlana Undalova

Potrebbe interessarti ...
Vi preoccupa molto l’opinione altrui?
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Vi preoccupa molto l’opinione altrui?

Non date troppo peso all'opinione altrui, vivete secondo i vostri desideri



  • Kimble C, Helmreich R. Self-esteem and the need for social approval. Psychon Sci [Internet]. 1972 [consultado 3 jun 2022]; 26: 339–342: Disponible en: https://doi.org/10.3758/BF03328637
  • Lobel T & Levanon I. Self-esteem, need for approval, and cheating behavior in children. Journal of Educational Psychology [Internet]. 1988 [consultado 3 jun 2022]; 80(1): 122–123. Disponible en: https://doi.org/10.1037/0022-0663.80.1.122