Equilibrio tra lavoro e vita privata

L'eccesso di lavoro tipico dei nostri tempi sta minando la vita di molti. Dopotutto, abbiamo tutti bisogno di un sano equilibrio tra lavoro e vita privata.
Equilibrio tra lavoro e vita privata

Ultimo aggiornamento: 08 novembre, 2021

I tempi che corrono portano innovazioni in ambito lavorativo, come tecniche per aumentare la produttività, dinamiche di team building o nuovi programmi per prevenire molestie sul lavoro. Tra questi spicca il work-life balance, ovvero l’equilibrio tra lavoro e vita privata.

Uno degli aspetti distruttivi di questa nuova era è la mancata delimitazione tra lavoro e vita quotidiana. Fattori come i social network, la flessibilità dei turni di lavoro e l’aumento dei lavoratori autonomi rendono praticamente un’utopia lavorare in un arco di tempo ristretto durante la giornata.

In questo articolo presentiamo il concetto di work-life balance e come applicarlo. Essere informati in merito consente di ottenere un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata.

Qual è il giusto equilibrio tra lavoro e vita privata?

Work-life balance è un termine in inglese che si riferisce all’equilibrio tra il tempo e le risorse dedicate al lavoro retribuito e il tempo e le risorse dedicate ad altre occupazioni vitali. Sia il lavoro sia il tempo libero sono necessari per garantire il benessere fisico e psicologico.

Una persona con un buon equilibrio tra lavoro e vita privata non supera le ore di lavoro stabilite, distribuite in modo da conciliare la vita personale con quella lavorativa.

Ciò significa godere di un ambiente di lavoro sano e una retribuzione sufficiente per soddisfare i propri bisogni vitali. Oltre a ciò, risulta necessario investire denaro e sforzi nell’assicurare giuste condizioni per i lavoratori.

Alcune aziende mascherano il work-life balance con metodi discutibili: registrare gli straordinari come giorni di riposo o far passare le attività di team building come momenti di svago.

Donna che lavora con il computer.

Perché è importante l’equilibrio tra lavoro e vita privata?

Una corretta gestione del tempo e delle risorse dedicate al lavoro e alla vita quotidiana è sinonimo di benessere e produttività. Vediamo a seguire i punti più importanti da tenere a mente nell’equilibrio tra lavoro e vita privata:

  • Se non si stabiliscono degli orari, il lavoro diventa l’unica attività importante. In altre parole, se non si rispetta una tabella di marcia precisa, la sensazione di aver lasciato in sospeso delle attività sarà costante. Ciò porterà a lavorare tutto il giorno.
  • Prevenire la sindrome da burnout e i disturbi depressivi e d’ansia è essenziale affinché il lavoratore goda di buona salute e sia produttivo. Se l’individuo non ha l’opportunità di prendersi cura di tutti gli aspetti della sua vita, prima o poi smetterà di produrre, che lo si voglia o meno.
  • La vita è più che lavorare ed essere responsabili. Non è sufficiente concedere alle persone il tempo sufficiente per adempiere alle proprie responsabilità. Anche il riposo e il tempo libero sono necessari per mantenere la mente e il corpo in buone condizioni.

Prendiamo in esempio un lavoratore freelance. Poiché i suoi guadagni dipendono direttamente da quanto lavora, tenderà a estendere le ore di lavoro a quasi tutto l’intero periodo di veglia. Non saper fissare un orario (così come la precarietà del lavoro) finirà per generare noia, ansia e stress cronico.

Anche la salute fisica ne risente quando l’equilibrio tra lavoro e vita privata non viene rispettato. Le lesioni a seguito di posture errate adottate per diverse ore, allo sforzo fisico eccessivo o alla ripetizione dello stesso compito sono un’epidemia del mondo del lavoro.

Come si raggiunge tale equilibrio?

L’azienda e il lavoratore hanno delle responsabilità in termini di raggiungimento di un sano equilibrio tra lavoro e vita privata.

Le proposte che suggeriamo a seguire aiutano a capire meglio in che modo azienda e lavoratore dovrebbero collaborare al fine di trarne entrambi vantaggio:

  • Stabili degli orari: sia in azienda sia un lavoratore autonomo devono stabilire orari fissi, in quanto ciò è sinonimo di salute. Limiti flessibili in quanto ai turni di lavoro favoriscono lo sfruttamento.
  • Proteggere la salute: è facile cadere nell’errore che il corpo e la mente possono produrre all’infinito. Esistono soluzioni che lo consentono a breve termine (farmaci psicotropi, antinfiammatori, fisioterapia, ecc.). Tuttavia, si verifica un logorio progressivo e impercettibile che deteriora la salute, dunque la produttività.
  • La vita privata non riguarda solo la famiglia: bisogna poter conciliare qualsiasi ambito della propria esistenza con il lavoro; allo stesso modo anche chi non ha figli presenta bisogni vitali.

Raggiungere una sano equilibrio tra lavoro e vita privata è possibile se le aziende si impegnano e fanno la loro parte; è altresì importante il controllo consapevole dell’individuo. È facile cadere in condotte e dinamiche che sabotano il benessere e i diritti personali.

Donna che lavora.

I nuovi tempi del telelavoro

Una menzione speciale va fatta al telelavoro. In quanto modalità emergente, ci sono ancora molti aspetti da regolamentare.

Le richieste aumentano perché la persona non deve spostarsi, ma non sempre risulta economicamente conveniente e gli orari in molti casi non sono fissi.

Situazioni come queste ostacolano il raggiungimento di un sano equilibrio tra lavoro e vita tradizionale, inoltre il rischio è maggiore rispetto al lavoro tradizionale. In ogni caso, appare evidente che conciliare tutti gli aspetti vitali è vantaggiose per tutte le parti.

Potrebbe interessarti ...
Maleducazione sul lavoro e conseguenze
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Maleducazione sul lavoro e conseguenze

Spesso siamo testimoni di episodi di maleducazione sul lavoro. Con questi comportamenti si crea un ambiente di lavoro altamente negativo.



  • Irawanto, D. W., Novianti, K. R., & Roz, K. (2021). Work from home: Measuring satisfaction between work–life balance and work stress during the covid-19 pandemic in indonesia. Economies9(3), 96.
  • Dousin, O., Collins, N., Bartram, T., & Stanton, P. (2021). The relationship between work‐life balance, the need for achievement, and intention to leave: mixed‐method study. Journal of advanced nursing77(3), 1478-1489.
  • Arief, N. R., Purwana, D., & Saptono, A. (2021). Effect of Quality Work of Life (QWL) and Work-Life Balance on Job Satisfaction through Employee Engagement as Intervening Variables. The International Journal of Social Sciences World (TIJOSSW)3(01), 259-269.
  • Jammaers, E., & Williams, J. (2021). Care for the self, overcompensation and bodily crafting: The work–life balance of disabled people. Gender, Work & Organization28(1), 119-137.
  • Greenblatt, E. (2002). Work/life balance: Wisdom or whining. Organizational dynamics31(2), 177-193.