Esprimere i sentimenti risulta difficile: motivi

Esprimere i sentimenti è un esercizio salutare e necessario. Prima di tutto per sfogarsi, poi per permettere agli altri di conoscere il proprio mondo interiore.
Esprimere i sentimenti risulta difficile: motivi

Ultimo aggiornamento: 18 gennaio, 2022

I sentimenti sono una parte fondamentale del mondo interiore di ogni essere umano. Ci aiutano a interpretare il mondo e a capire noi stessi. Tuttavia, non sono solo un’esperienza interiore, devono essere condivise con altre persone. Quando esprimere i sentimenti risulta difficile, all’orizzonte compaiono frustrazione e insoddisfazione.

Perché è così difficile per noi parlare di quello che proviamo? Le ragioni sono molteplici e possono avere origine nelle esperienze della prima infanzia.

Se è questo il caso, tuttavia, è possibile porvi rimedio. Non è mai troppo tardi per imparare a gestire i propri sentimenti.

Abbiamo imparato a esprimere i sentimenti?

Spesso le ragioni della nostra riluttanza a esprimere i nostri sentimenti risalgono all’infanzia. Il nostro temperamento influenza la tendenza, maggiore o minore, ad aprirci emotivamente agli altri, ma anche le prime esperienze di vita giocano un ruolo cruciale.

Crescere in una famiglia che considera mostrare i sentimenti un segno di debolezza ci porterà a reprimerli. I bambini che sono stati rifiutati o umiliati dai genitori quando esprimevano le loro emozioni hanno imparato a non farlo più.

Allo stesso modo, chi ha ricevuto l’indifferenza come risposta da parte degli adulti alle proprie emozioni ha interiorizzato l’idea che mostrare come ci si sente è inutile.

Per sviluppare una corretta gestione emotiva è necessario disporre di modelli adeguati. Sono necessari genitori consapevoli, amorevoli e comprensivi, disposti ad ascoltare e guidare il bambino nella gestione dei propri sentimenti.

Perché esprimere i sentimenti risulta difficile?

Oltre a quanto esposto, possono esservi altri motivi per cui da adulti non si è in grado di esprimere i propri sentimenti. Non possiamo rivivere la nostra infanzia in modo diverso, ma possiamo affrontare le cause che fanno persistere il problema oggi.

Bassa autostima

Chi non gode di una sana autostima può sentire di non avere il diritto di esprimersi. Pensa che ciò che prova non sia importante e quindi lo tiene per sé.

È anche possibile che la paura dell’abbandono impedisca di far emergere le vere emozioni. Molte volte i sentimenti non vengono espressi per paura che l’altra persona si arrabbi e lasci.

D’altra parte, ci sono persone che non esprimono i propri sentimenti come meccanismo per preservare una fragile autostima.

Quando si vive con un guscio che nasconde una grande paura del rifiuto, esprimere emozioni è un esercizio troppo rischioso. Molte persone preferiscono costruire un muro attorno ai propri sentimenti che, pur proteggendoli, li isoli.

Donna che nasconde le sue emozioni coprendosi il viso.

Mancanza di assertività

Esprimere i nostri sentimenti dovrebbe essere un’esperienza gratificante e appagante attraverso la quale permettiamo agli altri di capirci e agire di conseguenza.

Tuttavia, quando non sappiamo come esprimerci, è comune scegliere di rimanere in silenzio per evitare conflitti. Forse in passato, condividere i nostri sentimenti ha creato una disputa o un malinteso.

Sicuramente la reazione dell’altra persona non è stata quella attesa e a seguito di ciò abbiamo deciso di usare strategie e scuse invece di esprimere la verità.

Intelligenza emotiva

L’intelligenza emotiva è la capacità di riconoscere, comprendere ed esprimere i sentimenti. Molte persone non sono in grado di esprimere quello che provano, semplicemente perché non lo riconoscono.

Sicuramente non godono di un lessico ampio e adeguato sulle emozioni ed è davvero difficile per loro identificare la sensazione che stanno provando. Senza questa base è praticamente impossibile capire, gestire e condividere il proprio mondo interiore con gli altri.

Esprimere i sentimenti risulta difficile per paura del rifiuto

Alcune persone non riescono a esprimere quello che provano perché cercano a tutti i costi di nascondere o negare l’esistenza di emozioni come la tristezza o la rabbia. Per queste persone, queste esperienze emotive sono negative e dovrebbero essere soppresse anziché espresse, poiché ciò potrebbe riflettere debolezza o mancanza di autocontrollo.

Simili convinzioni irrazionali rendono difficile permettere a se stessi di aprirsi agli altri, esprimere la propria frustrazione o chiedere aiuto quando se ne ha bisogno.

Donna che si copre il viso per non esprimere i suoi sentimenti

Come iniziare a esprimere i sentimenti?

Condividere le esperienze interiori è salutare e necessario. Prima di tutto per liberarci e poi far sapere agli altri come ci sentiamo e di cosa abbiamo bisogno da loro. Se esprimere le emozioni risulta difficile e si desidera rimediare a ciò, bisogna agire di conseguenza.

In primo luogo è necessario lavorare sulla autostima, una volta che ci amiamo e ci accettiamo non avremo paura della rabbia o del rifiuto. Quindi proviamo a espandere il lessico emotivo, acquisire nuove parole per esprimere i sentimenti; abbandonare il “mi sento bene” o “mi sento male” rende molto più facile comunicare i sentimenti.

Infine, adottare un atteggiamento assertivo quando ci rivolgiamo agli altri. Esprimere opinioni, desideri e bisogni liberamente e senza paura, ma senza ferire o nuocere. In questo modo eviteremo malintesi.

This might interest you...
Pompage, tecnica per incanalare le emozioni
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Pompage, tecnica per incanalare le emozioni

La tecnica del pompage o decompressione emotiva permette di incanalare emozioni complicate e lasciarle andare a poco a poco.



  • Salovey, P., & Mayer, J. (1990). Inteligencia emocional. Imaginación, conocimiento y personalidad9(3), 185-211.

  • Pereira, M. L. N. (2008). Relaciones interpersonales adecuadas mediante una comunicación y conducta asertivas/Adequate human relationships through an assertive conducts and communication. Actualidades investigativas en educación8(1).