5 film per scoprire il nostro lato sconosciuto

· 13 dicembre 2016

Il drammaturgo Arthur Miller diceva che “il teatro non può morire, perché è l’unica arte nella quale l’umanità affronta se stessa”. C’è forse qualcosa di meglio che godersi un film che ci fa scoprire un lato di noi che non conoscevamo?

Il cinema e il teatro, o un’altra qualsiasi delle arti sceniche, può avere lo scopo di divertire, ma anche di spingerci a pensare e a provare emozioni. Ci fanno ridere, ci fanno piangere, ci sorprendono, ci fanno paura… Insomma, ci mostrano lo spettro completo delle nostre emozioni.

Ovviamente possiamo ridurci a guardare un film per divertirci e distrarci un po’ per un’ora o due, ma possiamo anche permettergli di entrare nella nostra mente, nel nostro cuore, nei nostri sentimenti e nelle nostre emozioni. È lì che è possibile imparare qualcosa su noi stessi che forse prima non conoscevamo.

Film che possono farvi scoprire un lato di voi che non conoscevate

Lo spettro emotivo primario dell’essere umano ha sempre importanza quando guardiamo un film. Autori come Jean Mitry o Andrei Tarkovsky hanno redatto opere eccellenti sul senso del cinema e sull’effetto che ha sugli esseri umani.

Quando vediamo un film, in un modo o nell’altro e in base al nostro stato d’animo, le emozioni sono sempre a fior di pelle. Amore, rabbia o tristezza possono affiorare in qualsiasi momento, proprio come i sentimenti di amicizia, la voglia di superarsi… Una lista infinita di effetti mentali che possono risuonare dentro di noi e nella conoscenza di noi stessi.

“Il cinema è uno specchio dipinto”

-Ettore Scola-

Pretty Woman e l’amore

Vi credete incapaci di innamorarvi? Beh, forse Edward Lewis, interpretato con maestria da Richard Gere, la pensava allo stesso modo. Nonostante ciò, quando meno se lo aspetta e dove non immagina, incontra Vivian Wood, personaggio che vediamo sul grande schermo interpretato da Julia Roberts.

Con Pretty Woman è nata una specie di favola che non deve essere né reale né realistica. Nonostante ciò, l’amore tra due persone che lo considerano un sentimento impossibile è ben presente durante tutto il film, il che ci illustra un’importante lezione che tutti conosciamo, ma che spesso dimentichiamo.

julia-roberts-e-richard-gere-in-pretty-woman

Un giorno di ordinaria follia e la rabbia

Pensate di essere persone tranquille e rilassate? È difficile farvi perdere le staffe? Avete mai riflettuto sui vostri limiti? Fino a dove pensate che possa arrivare una brutta giornata? Un giorno di ordinaria follia riflette perfettamente quella pericolosa emozione che è la rabbia.

Forse non vi considerate persone irascibili o rabbiose, eppure, se portati al limite, tutti noi possiamo esplodere in qualsiasi momento. Anche “D-Fens” Foster, interpretato da Michael Douglas, sembra un uomo equilibrato, almeno fino a quando le circostanze non lo fanno scoppiare. Vi identificate forse con questo personaggio?

uomo-con-occhiali-rotti

Il pianista e la tristezza

Siete persone allegre? Pensate che, qualsiasi cosa accada, non potreste mai perdere il vostro buon umore? Vivete una vita felice e soddisfatta e niente potrà mai cambiarla? È possibile che Wladyslaw Szpilman la pensasse come voi nel film Il pianista, eppure le circostanze in cui si ritrova radono al suolo tutte le sue speranze e le sue sicurezze.

uomo-che-suona-il-pianoforte

Adrien Brody interpreta un talentuoso pianista ebreo che vede precipitare la sua vita in un abisso in seguito alle manie di grandezza e alla pazzia di un dittatore, Adolf Hitler. La tristezza si impadronisce quindi del nostro protagonista, che perde tutto ciò che aveva. Un’importante lezione di vita che ci ricorda quanto siamo sensibili e fragili.

Freedom Writers e il superamento di se stessi

Per quanto possiamo essere fragili, anche noi essere umani siamo in grado di dare il meglio di noi. Forse imparerete qualcosa su voi stessi con Freedom Writers, un film meraviglioso nel quale Hillary Swank interpreta Erin Gruwell, una professoressa con una grande voglia di lottare.

Tratto da una storia vera, questo film racconta le vicende di una donna che supera le paure, la violenza e l’incomprensione per poter dare ai suoi studenti armi con le quali lottare, come i libri, la libertà e l’istruzione. In altre parole, il superamento di se stessi, che ci dimostra che tutti siamo in grado di dare il meglio se sappiamo come fare.

Million Dollar Baby e l’amicizia

Forse considerate l’amicizia una debolezza. Se non avete nessuno vicino, nessuno potrà farvi del male. Nonostante ciò, quando meno ve lo aspettate, può apparire una persona che vi cambierà la vita. Se non ci credete, domandatelo a Franki Dunn, l’ex pugile interpretato divinamente dal grandissimo Clint Eastwood in Million Dollar Baby.

millon-dollar-baby

Questa storia racconta la relazione di amicizia che nasce tra un ex atleta e la giovane Maggie Fitzgerald, i cui panni vengono indossati da Hillary Swank. Possono arrivare a essere talmente ferrei da permettersi di crescere insieme. Potrebbe succedere anche a voi?

“Un buon vino è come un buon film: dura un istante e ti lascia in bocca un sapore di gloria; è nuovo ad ogni sorso e, come avviene con i film, nasce e rinasce in ogni assaggiatore”.

-Federico Fellini-

Anche se queste storie cinematografiche, nella maggior parte dei casi, fanno parte del regno della finzione, è possibile imparare qualcosa da ognuna di esse. Il processo di autoconoscenza dura per tutta la vita e, quindi, non è mai troppo tardi per scoprire nuove sfumature di sé. Un film, una canzone, un libro, una chiacchierata… il fattore scatenante non è importante quanto l’insegnamento che se ne trae.