Fotografia terapeutica o cosciente: in cosa consiste?

Dietro ogni fotografia c'è una storia, un'intenzione e persino un sentimento. In questo articolo parleremo di tutto ciò che può aiutarci a scattare e selezionare alcune istantanee.
Fotografia terapeutica o cosciente: in cosa consiste?
Yurdey Fernanda Herran Murillo

Scritto e verificato da la psicologa Yurdey Fernanda Herran Murillo.

Ultimo aggiornamento: 18 gennaio, 2023

Le fotografie fanno parte della vita quotidiana. Oggi non è necessario essere un fotografo professionista per avere una buona macchina fotografica; infatti, quasi tutti portiamo con noi il nostro sul cellulare. Proprio per la facile accessibilità a questo strumento, oggi vogliamo parlare della cosiddetta fotografia terapeutica.

La fotografia può essere un mezzo per promuovere la salute mentale e il benessere; inoltre, facilita la conversazione con se stessi e con gli altri (psicologo, terapeuta, gruppi, ecc.). Poiché gli elementi visivi comunicano esperienze difficili da esprimere a parole.

Donna con una macchina fotografica
La fotografia terapeutica promuove la conoscenza di sé e il benessere.

Devo essere un professionista?

La fotografia come forma di comunicazione non richiede conoscenze o esperienze pregresse con le macchine fotografiche. Al contrario, questa tecnica facilita l’esplorazione simbolica. Ciò che consente alla persona di avvicinarsi ai propri sentimenti, di mettere in discussione e riconciliarsi con la loro definizione.

In ogni caso, la fotografia consapevole utilizza la proiezione come strumento di aiuto, evitando meccanismi di difesa, quali: filtri, scuse, razionalizzazioni, ecc. Uno dei pionieri è la psicoterapeuta canadese Judy Weiser, che ha individuato 5 tecniche nella fotografia terapeutica:

1. Fotografia terapeutica: le foto scattate da noi

Scattando una fotografia, aumentiamo le possibilità di interpretare la realtà. In qualche modo, possiamo fondere la realtà con il nostro modo di essere; possiamo connetterci e guardare il mondo intorno a noi. Inoltre, scattare foto può aiutarci a identificare le esigenze di chi ci circonda.

In questo modo, negli spazi terapeutici, le fotografie possono essere utilizzate come metafore e simboli per esprimere il significato dei luoghi, delle cose e dei temi immortalati.

2. Autoritratti

In terapia, con questa tecnica lavoriamo sul concetto di sé e sull’autostima. Poiché gli autoritratti consentono il confronto, le fotografie autoscattate possono essere una via per l’espressione emotiva.

In questo modo l’autoritratto può accompagnare processi di incontro dolorosi e vulnerabili, mettendoci faccia a faccia con noi stessi. Questi incontri possono avere un effetto positivo sulla propria “immagine di sé” se sono condotti da un terapeuta consapevole dei problemi particolari della persona. Pertanto, la conoscenza di sé facilita l’assertività, facilitando il compito di identificare i nostri punti di forza, ma anche quelli più deboli.

3. Foto in cui ci troviamo, scattate da altri

Con questa tecnica, le persone possono vedere parti di se stesse che sono sfocate in altre modalità di osservazione di sé. Ad esempio: il loro profilo o la schiena, come apparirebbero se dormissero o fossero sorpresi nel bel mezzo di un movimento, ecc.

Questo tipo di foto ci permette di vederci da punti di vista insoliti, e quindi esclusivi. Così, in qualche modo, riusciamo a vederci dalla prospettiva dell’altro: non c’è un’unica verità su chi siamo, perché le fotografie in cui appariamo possono variare molto, e nessuna è più reale di altre.

Tutte le foto mostrano molte diverse “verità” della nostra identità.

4. Fotografie raccolte da noi

Conservare fotografie è utile per creare percorsi interiori che portino alla comprensione. Perché la raccolta di fotografie è un mezzo di autoesplorazione attraverso metafore. Inoltre, le foto possono aiutare a esprimere contenuti complessi sulla ragione e l’emozione.

Le foto che raccogliamo di solito dicono qualcosa di noi, forse anche perché scattandole abbiamo già dato loro un significato speciale.

diverse foto
Le foto esprimono molte cose sulla vita della persona che le ha scattate, che potrebbero essere spiegate in modo più approfondito, se solo si facessero ulteriori ricerche attraverso il dialogo.

5. Fotografia terapeutica: l’album di famiglia

Un album di famiglia non è solo un libro; invece, si tratta di una raccolta di momenti di tempo congelati per sempre. Come se fossero “vivi” ed esistessero “in questo momento”. Un album incoraggia le persone a esplorare la propria vita, a scoprire la propria storia personale attraverso i propri parenti, chi sono? Chi erano i loro genitori? Come erano i rapporti familiari?

Infine, ricordate che la fotografia terapeutica può:

Ridurre i problemi o può essere solo un’attività preventiva per aiutare a rafforzare la salute mentale e promuovere la crescita personale.




I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.