Freddezza tra familiari, perché succede?

Incomprensioni, valori diversi, parole che non si dimenticano... La distanza tra alcuni familiari può essere dovuta a cause diverse. E si verifica più spesso di quanto pensiamo.
Freddezza tra familiari, perché succede?

Ultimo aggiornamento: 13 aprile, 2022

La freddezza tra familiari non avviene dall’oggi al domani. Di solito macera lentamente dopo aver accumulato un eccesso di delusioni, rancori silenziosi verso certi comportamenti, parole dette o silenzi che raffreddano le emozioni. Queste dinamiche possono verificarsi nel nucleo familiare e lasciare ferite che non si rimarginano.

Genitori e figli, fratelli, zii, cugini, nonni… Molto probabilmente noi stessi abbiamo vissuto questa realtà con più di un familiari. La distanza fisica, e soprattutto quella emotiva, si verifica più spesso di quanto pensiamo.

Un familiare che non viene più a trovarci, che non fa gli auguri per il compleanno né chiama per sapere come stiamo. Per molti è naturale. Non è facile andare d’accordo con tutti in famiglia.

Tuttavia, questa situazione diventa più problematica quando si presenta tra genitori e figli. Sebbene sia chiaro che i legami di sangue non garantiscono affetto né sono un’imposizione per mantenere il rapporto, una simile situazione può essere vissuta con una certa tristezza.

Donna anziana che pensa alla freddezza tra familiari.

Freddezza tra familiari, quali sono le cause?

Il distanziamento affettivo in famiglia è un argomento trascurato nella letteratura scientifica. Si ha, per esempio, il lavoro svolto dal neuropsichiatra Richard Conti, della Kean University nel New Jersey.

La ricerca rivela che queste situazioni si verificano con frequenza e in misura maggiore tra cugini, zii e nipoti. Tuttavia, è nel nucleo familiari stretto (genitori e figli) che si presentano angoscia ed esaurimento psicologico.

Capita anche tra personaggi pubblici, i quali ne parlano pubblicamente dimostrando che allontanarsi dalle rispettive famiglie è una situazione comune. È il caso del duca e la duchessa di Sussex che hanno lasciato la famiglia reale britannica per iniziare la propria vita in un altro paese. Anthony Hopkins, per esempio, ha dichiarato più di una volta che non parla con la figlia da quasi vent’anni.

Visto dall’esterno, può sembrare triste e persino incomprensibile. Tuttavia, le dinamiche che si intrecciano in una casa e tra un gruppo di persone possono essere molto complesse.

Salvador Minuchin, psichiatra e terapeuta familiare di spicco, diceva che crescere e maturare significa imparare a separarsi. Tuttavia, ci sono separazioni che avvengono in modo doloroso e persino distorto, creando ferite eterne. Cerchiamo ora di capire quali sono le cause del distanziamento emotivo in famiglia.

Aspettative e valori diversi

Come concepiamo la vita? Cosa ci aspettiamo da noi stessi? Quali sono i nostri valori? Spesso quando rispondiamo a queste domande, scopriamo che i nostri parenti hanno idee opposte alle nostre.

Tuttavia, ciò non dovrebbe essere un problema. Le famiglie migliori non sono quelle che vanno sempre d’accordo, ma quelle che si rispettano nonostante le differenze.

Ciò, tuttavia, accade di rado. La freddezza tra familiari si deve spesso allo scontro di valori e aspettative inconciliabili. Ci sono genitori che ripongono grandi aspettative sui figli e figli che non si adattano alle visioni dei genitori.

Comportamenti che logorano le relazioni

Madri emotivamente fredde, padri autoritari, figli egoisti, comunicazione violenta e comportamenti impulsivi… In una casa si possono combinare infinite dinamiche malsane, molte delle quali spesso causate da disturbi psicologici non diagnosticati. Altri per stili di personalità che si scontrano.

La diversità caratteriale e comportamentale può creare malintesi creando, ferire e rendere la convivenza insopportabile. A poco a poco, l’allontanamento diventa sempre più evidente.

I figli lasciano la casa e le visite e i contatti sono radi fino a quando arriva il momento in cui il legame si esaurisce per sempre.

Spesso si può provare sollievo dalla distanza, dal non ritrovarsi in situazioni dolorose e problematiche. Nonostante il silenzio, tuttavia, a volte l’ombra della tristezza e della delusione continua a pesare.

Partner dei figli, divorzio o morte di uno dei genitori

La freddezza tra familiari può essere spiegata dalla presenza di nuove figure nel nucleo familiare o, a sua volta, dall’assenza di una di esse.

  • A volte i partner dei figli costringono a riformulare il legame familiare.
  • Lo stesso avviene in caso di separazione o divorzio dei genitori. Se uno dei genitori ha un nuovo partner, la relazione tra familiari potrebbe cambiare.
  • Quando un genitore muore, anche i rapporti con chi è rimasto possono raffreddarsi. Ciò si verifica soprattutto se i figli avevano un buon rapporto con il genitore defunto, il che si traduce in dinamiche conflittuali con il genitore con cui non si è mai andati d’accordo.
Triste donna che lo pensa nella freddezza tra familiari.

Situazioni traumatiche e freddezza tra familiari

C’è un altro fattore decisivo all’origine del distanziamento emotivo in famiglia: i traumi. L’abuso fisico o psicologico, i maltrattamenti, l’uso di alcol o droghe e le dinamiche che ne derivano provocano ferite spesso insormontabili che spiegano la progressiva rottura del legame.

Sono molti i fattori scatenanti della rottura del rapporto tra i componenti di un nucleo familiare. Tuttavia, va notato che questa distanza è solitamente giustificata: conflitti, sofferenze, violenza domestica.

Sebbene la distanza sia talvolta necessaria, la società continua a vedere questo fatto con disapprovazione. La famiglia è concepita come un’istituzione sacra, eppure talvolta può essere teatro e origine della nostra infelicità.

This might interest you...
Comunicazione assertiva in famiglia
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Comunicazione assertiva in famiglia

La comunicazione assertiva in famiglia facilita l'espressione libera, sincera e rispettosa dei sentimenti personali. Scoprite di più.



  • Conti, Richard. (2015). Family Estrangement: Establishing a Prevalence Rate. Journal of Psychology and Behavioral Science. 3. 10.15640/jpbs.v3n2a4.