Gli schermi attivano i bambini e influenzano il loro umore

Non hanno ancora un anno e già diamo ai nostri bambini uno schermo per intrattenerli. È comune vedere come raggiungono l'adolescenza più iperattivi del normale e con un umore irritabile e apatico. L'uso intensivo delle nuove tecnologie ha un costo.
Gli schermi attivano i bambini e influenzano il loro umore

Ultimo aggiornamento: 06 luglio, 2021

Malinconici, insonni, nervosi e anche chiacchieroni. Forse più o meno tutti sanno che gli schermi attivano i bambini. A volte ignoriamo, tuttavia, che l’uso intenso di queste tecnologie rende i più piccoli sempre più apatici. L’umore delle giovani generazioni sta cambiando e non sempre ne siamo consapevoli.

Lo notiamo nelle classi primarie e soprattutto in quelle secondarie. L’irascibilità è quasi all’ordine del giorno in alcuni bambini, che hanno difficoltà a relazionarsi con i compagni. Lo vediamo anche nella loro capacità di svolgere compiti accademici, nei loro limiti nel trattenere le informazioni, nel ragionare in modo creativo o nel risolvere semplici problemi.

Alcuni dicono che stiamo crescendo la generazione più stanca e apatica della storia. Come sempre in questi casi, non è bene generalizzare, è vero. Ci sono sempre grandi eccezioni, ci sono anche adolescenti decisamente più avanti rispetto a noi e che guidano quel nucleo di popolazione più interessato al nostro pianeta e alle cause sociali.

Da un punto di vista psicologico e clinico, vediamo che i bambini tra i 9 e i 15 anni mostrano già disturbi d’ansia, disturbi del sonno, disturbi depressivi o bipolari. Alcuni esperti sostengono che alla base di queste condizioni ci sarebbe, in realtà, l’effetto di un uso intensivo e inadeguato delle nuove tecnologie.

Gli schermi attivano i bambini e non li fanno dormire.

Perché gli schermi attivano i bambini e li rendono scontrosi

I dati sono a dir poco impressionanti. Secondo Common Sense Media, quasi la metà dei bambini sotto gli 8 anni ha un tablet e trascorrono con esso una media di 2,5 ore. L’American Pediatric Society afferma che i bambini tra i 2 e gli 8 anni non dovrebbero passare più di un’ora al giorno davanti agli schermi; sempre con un adulto davanti e mai mentre mangiano.

Ma la realtà quotidiana è diversa. Sappiamo che i bambini sotto i 3 anni usano quotidianamente questi dispositivi come forma di gioco e di intrattenimento. È un’età in cui l’interazione manuale e sociale è fondamentale, lasciamo che i nostri piccoli diventino solitari nativi digitali in un’età in cui il cervello ha bisogno di altri tipi di stimoli.

Va notato, naturalmente, che le nuove tecnologie non sono di per sé un problema. Se usati in modo corretto, sono potenti alleati per la conoscenza. Tuttavia, il problema sta nella quantità di tempo che i bambini passano ad usarli.

Il ricercatore Domingues-Montanari spiega in un documento che i nostri figli passano in genere più di tre ore al giorno con i telefoni cellulari o tablet.

Quali sono le conseguenze per i nostri figli? In realtà molteplici, poiché gli schermi accelerano il comportamento dei bambini e li rendono anche più irritabili.

Alterazione dell’umore e uso intenso di schermi

Negli ultimi anni si è registrato un aumento delle diagnosi di disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, disturbi d’ansia, depressione maggiore o anche disturbo bipolare nei bambini. Sembra che molte di queste condizioni vengano meno quando i bambini vengono sottoposti a un “digiuno tecnologico”.

Questo significa che le alterazioni dell’umore si risolvono quando l’uso degli schermi elettronici è ridotto o eliminato. Questa iperattività cerebrale associata all’uso intenso degli schermi ha, quindi, gravi effetti sul comportamento e sull’umore, secondo quanto sostenuto dal lavoro di ricerca condotto dall’Università della Pennsylvania.

È stato dimostrato che trascorrere più di un’ora al giorno davanti allo schermo dalla prima infanzia fino all’adolescenza ha un grande impatto sul benessere psicologico. Il bambino si mostra meno curioso, gode di minore autocontrollo, non riesce a gestire le emozioni e ha difficoltà di socializzazione.

Ridurre il tempo di esposizione alle nuove tecnologie migliorerebbe direttamente il senso di benessere dei bambini.

Gli schermi attivano i bambini perché dormono meno e peggio

I bambini dovrebbero dormire più ore degli adulti eppure le loro ore di riposo sono, in molti casi, come quelle di un insonne. È difficile addormentarsi e non raggiungono un riposo profondo e rigenerante durante la notte.

Qual è la causa di questo problema? Il fattore scatenante è la luce degli schermi elettronici. Agiscono iperattivando il cervello, riducendo il rilascio di melatonina e producendo anche gravi squilibri ormonali.

Gli schermi rendono i bambini eccessivamente nervosi e più irascibili, apatici, lenti a reagire e demotivati.

Bambino che gioca al cellulare.

I telefoni cellulari e i tablet esauriscono la potenza del cervello

I nostri figli, soprattutto gli adolescenti, vivono immersi in un universo digitale che rapisce tutta la loro attenzione. E non solo. La loro intera attenzione cognitiva e visiva funziona al 100% delle sue risorse quando sono esposti agli schermi. Così, quando tornano nel mondo reale, tutti i loro livelli mentali sono al minimo.

L’uso intenso di cellulari e tablet divora completamente l’attenzione e l’energia dei nostri giovani. Così, quando superano la soglia della tecnologia e spengono i loro dispositivi, non hanno più motivazione o incoraggiamento per fare i compiti o uscire a giocare.

Bambini dipendenti dal rinforzo degli schermi

Gli schermi accelerano i bambini e li trasformano anche in drogati di dopamina. Cosa significa questo? Implica, per esempio, che un bambino di 6, 7 o 12 anni può davvero essere un “drogato”?

Per comprendere questa relazione dobbiamo capire qualcosa di molto basilare. Gran parte del gioco online, così come le piattaforme come Tik Tok, generano il rilascio di dopamina nel cervello giovanile.

Quella sensazione di benessere e di divertimento diventa una dipendenza. Hanno bisogno di sempre più ore di esposizione perché lo stesso stimolo produca lo stesso livello di piacere. Così, non ottenendo sempre quella sensazione o quel “colpo” di dopamina, entrano in uno stato di astinenza, irritabilità costante, frustrazione e rabbia.

L’aspetto più problematico è che stiamo crescendo bambini che non concepiscono più il tempo libero senza il digitale. Sono persone che filtrano la loro realtà attraverso la tecnologia, lasciando da parte la socializzazione diretta, il mondo reale e immediato.

Per concludere, possiamo solo sottolineare un fatto ovvio. Le nuove tecnologie sono il nostro miglior strumento di progresso, è ovvio. Ma questo funzionerà a nostro favore solo se ne faremo buon uso.

Potrebbe interessarti ...
Bambini e uso responsabile delle nuove tecnologie
La Mente è MeravigliosaLeggi in La Mente è Meravigliosa
Bambini e uso responsabile delle nuove tecnologie

Da bambini non avevamo bisogno delle nuove tecnologie; la trottola, le biglie o una palla ci bastavano per essere felici e goderci il nostro tempo ...



  • Domingues-Montanari, S. (2017). Clinical and psychological effects of excessive screen time on children. Journal of Paediatrics and Child Health53(4), 333–338. http://doi.org/10.1111/jpc.13462
  • Hutton, J. S., Dudley, J., Horowitz-Kraus, T., Dewitt, T., & Holland, S. K. (2020). Associations between Screen-Based Media Use and Brain White Matter Integrity in Preschool-Aged Children. JAMA Pediatrics174(1). https://doi.org/10.1001/jamapediatrics.2019.3869
  • Twenge, J. M., & Campbell, W. K. (2018). Associations between screen time and lower psychological well-being among children and adolescents: Evidence from a population-based study. Preventive medicine reports12, 271–283. https://doi.org/10.1016/j.pmedr.2018.10.003
  • Zivan, M., Bar, S., Jing, X., Hutton, J., Farah, R., & Horowitz-Kraus, T. (2019). Screen-exposure and altered brain activation related to attention in preschool children: An EEG study. Trends in Neuroscience and Education17. https://doi.org/10.1016/j.tine.2019.100117