I meravigliosi insegnamenti d’amore e di vita di Frida Kahlo

· 2 febbraio 2016

La vita di Frida Kahlo si è svolta con una grande intensità emotiva. È stata una donna che ha imparato precocemente e che ha avuto tentazioni controverse; ha riempito la sua biografia d’amore, lotta e speranza e ha mostrato al mondo che è possibile vivere una vita diversa da quella “scritta”.

È nata a Coyoacán, in Messico, nel 1907, da una famiglia di discendenza ebreo-ungherese, spagnola e indigena. La vita di Frida Kahlo si è distinta per la sua grande abilità nella pittura e nella poesia, ma anche per il suo tormentato amore con quello che fu suo marito nelle prime e nelle seconde nozze: l’altrettanto famoso Diego Rivera.

Si tratta di una donna che ha rotto i convenzionalismi, è stata capace di rappresentare se stessa e di diventare un portento. È stata in grado di apparire mascolina, di schierarsi con il femminismo in un’epoca in cui il mondo si era incattivito attraverso l’ostentazione del maschilismo imperante.

Ha rifiutato il suo assoggettamento all’universo maschile, si è resa autosufficiente, è diventata un simbolo del femminismo e dell’uguaglianza tra i sessi. Con le sue azioni e le sue opere, ha sostenuto l’idea che tutti gli esseri umani hanno la stessa posizione nella piramide della vita.

frida 2

Gli insegnamenti d’amore e di vita di Frida Kahlo

Anche se ci sono state varie controversie riguardo la vita di Frida Kahlo, non c’è dubbio che gran parte della sua essenza si è creata durante un’infanzia e una gioventù marcate da fatali disegni del destino, che l’hanno sottomessa a uno stile di vita e una solitudine immeritati.

I suoi insegnamenti d’amore si riflettono nella sofferenza che emerge dalla sua arte, soprattutto nei suoi autoritratti. La sua pittura proietta le sue difficoltà, riconosce la sua esposizione alla vita e ha tracciato il suo cammino di auto-accettazione, un passo dopo l’altro.

Bisessuale e innamorata di un uomo che non ha saputo amarla in modo esclusivo, Frida ci ha insegnato che è possibile vivere persino con i tormenti e il dolore dell’amore. La sua relazione passionale e non convenzionale con Diego Rivera è sopravvissuta all’infedeltà di entrambi, a un divorzio e a tante separazioni.

frida 3

Riferendosi al suo divorzio, avvenuto nel 1939, e al suo successivo secondo matrimonio, Frida ha scritto queste parole: “Le seconde nozze funzionano bene, meno litigi, una maggiore comprensione e, da parte mia, meno tentativi di indagare sulle altre dame che improvvisamente occupano un luogo preponderante nel suo cuore”.

In questo senso, Frida è riuscita a pronunciare le seguenti parole riguardanti il suo amato; non c’è dubbio che i tradimenti la facevano soffrire, ma questi hanno definito la relazione nel modo in cui volevano i due coniugi, e non nel modo in cui la società convenzionale sosteneva:

“Non parlerò di Diego come del mio “sposo” perché sarebbe ridicolo. Diego non è stato, né sarà mai, lo sposo di nessuno. Non è nemmeno un amante, perché lui va oltre i limiti sessuali.”

Dal canto suo, Diego Rivera ha detto che la sua immortale amata incarnava la poesia stessa; queste dichiarazioni riflettono l’ammirazione reciproca che c’era tra i due: “Ho avuto la fortuna di amare la donna più incredibile che ho conosciuto. Lei è stata vera poesia e vero genio. Sfortunatamente, non ho saputo amare solo lei, sono sempre stato incapace di amare una sola donna. Essermi innamorato di lei è la cosa migliore che mi sia mai successa”.

Insieme, riassumevano l’infinita illogicità che costituisce l’amore, un sentimento tanto universale quanto inspiegabile. Nessuno potrà mai spiegare la volontà di Frida di amare un uomo con una fama da “donnaiolo”, ma l’amore non sente ragioni.

frida 4

Li chiamavano l’elefante e la colomba. Lui, 42 anni e 136 kg; lei, 22 anni e 44 kg. Lui la tradiva; lei lo amava incommensurabilmente. Lui la adorava, ma era incapace di offrirle una vita insieme che fosse esclusiva. Tuttavia, si sono evoluti sia insieme sia da soli e si sono ritagliati uno spazio nella storia di un mondo immenso.

Ciononostante, Frida non era solo tormentata da questa relazione: tutta la sua vita era piena di disgrazie e malattie che minarono gran parte della sua vita e delle sue aspirazioni, come ad esempio quella di essere madre.

Frida ha affermato che la sofferenza è uno stato di coscienza, e l’ha fatto attraverso una frase che resterà per sempre nella nostra memoria: “Bevo per affogare le mie pene, ma queste hanno imparato a nuotare”.

frida 5

Proprio come intende dire Diego Rivera con la seguente frase, ogni donna ha dentro di sé una forza infinita: “Sono certo che la donna non appartiene alla stessa specie dell’uomo. L’umanità è loro. Gli uomini sono sottospecie di animali […] completamente inadeguati per l’amore, creati dalla donna perché si mettano al servizio dell’essenza intelligente e sensibile rappresentata dalla femminilità.”

Infine, la vita di Frida Kahlo ci dà un’altra grande lezione: “Abbiamo bisogno di amare noi stessi al di sopra di tutto”; dobbiamo dire “basta!” alla nostra sofferenza, solo così riusciremo a coltivare la nostra essenza e a mostrare con orgoglio il nostro stile personale.

“Se proverete a murare la vostra sofferenza, rischierete che essa vi divori dall’interno”.