I rischi esistenziali per l'umanità: ecco i principali

I rischi esistenziali comprendono situazioni, circostanze o fattori che possono potenzialmente mettere in pericolo la sopravvivenza della specie. Attualmente, ce ne sono quattro che sono considerati altamente rilevanti.
I rischi esistenziali per l'umanità: ecco i principali
Sergio De Dios González

Revisionato e approvato da lo psicologo Sergio De Dios González.

Ultimo aggiornamento: 10 dicembre, 2022

I rischi esistenziali sono oggetto di dibattito, forse perché ci sono molti eventi globali che alimentano la sensazione di essere, come specie, vicini a un abisso. La verità è che, non importa quanto sia di attualità, questo argomento è più vecchio di quanto sembri. Le prime riflessioni sull’estinzione della nostra specie risalgono infatti a un’epoca molto vicina all’origine stessa dell’uomo.

L’essere umano ha sempre affrontato rischi esistenziali. All’alba della nostra specie c’erano molte minacce e poche risorse. Un vulcano, un meteorite, una semplice malattia, ecc., avrebbero potuto portare all’estinzione della specie. Ciò non è avvenuto, ma il rischio non è scomparso; abbiamo dei limiti, anche se a volte li ignoriamo e potremmo anche considerare che, rispetto ad altre specie, la nostra capacità di adattamento è molto limitata.

D’altra parte, oggi siamo in grado di controllare molti fattori, ma non tutti. Di conseguenza, nel 2012 è stato creato il Center for the Study of Existential Risk presso l’Università di Cambridge (Inghilterra). Proprio da lì è nata l’ipotesi secondo cui attualmente sarebbero quattro i fattori di base che potrebbero porre fine alla specie umana. Ecco di quali si tratta.

Nel nostro tempo i maggiori rischi che corriamo hanno un’alta probabilità di essere il risultato delle nostre attività “.

-Seán Ó hÉigeartaigh-

Albero bruciato dal cambiamento climatico

Intelligenza artificiale, il più grande rischio esistenziale?

Molti esperti pensano che l’intelligenza artificiale sia uno dei fronti dove potremmo avere più problemi. Daniel Dewey, prestigioso scienziato, indica che stiamo iniziando a fidarci di una tecnologia che sembra produrre risultati positivi, ma di cui non conosciamo molto bene il background. Sappiamo che esiste un modello, ma la sofisticatezza è tale che potremmo non conoscerne davvero il background. Sappiamo che, con determinati parametri di input, ha successo e con altri fallisce. Ma perché?

C’è il rischio che l’intelligenza informatica sia messa al servizio di interessi egemonici, con lo scopo di esercitare il dominio e il controllo assoluto sull’uomo. È anche possibile che i sistemi stessi finiscano per potersi programmare da soli e creare una superintelligenza, superiore a quella di qualsiasi essere umano. Stiamo parlando di una fantascienza che è sempre meno fiction.

Cambiamento climatico

Un altro dei grandi rischi esistenziali è il cambiamento climatico. È un fenomeno che è già presente e contro il quale non si è intervenuti con la rapidità e l’efficienza con cui avrebbero dovuto. I dati indicano che nel secolo scorso i 20 paesi più ricchi del mondo hanno consumato più materie prime e più risorse energetiche non rinnovabili di tutti gli esseri umani nel corso della loro storia e preistoria. Allo stesso tempo, dalla metà del 20° secolo, sono nate più persone che in tutta la storia.

Il rischio è che il consumismo e l’uso intensivo di tecnologie sporche causino cambiamenti irreversibili del clima. Da ciò può verificarsi l’esaurimento delle risorse di base, come l’acqua, nonché cambiamenti negli ecosistemi che finiscono con diverse specie. Questo potrebbe portare alla nostra estinzione.

I rischi esistenziali per l’umanità: le biotecnologie

Gli esperimenti con i microrganismi, che possono essere fatti anche a casa oggi, potrebbero portare alla creazione di una piaga planetaria incontrollata. Allo stesso modo, la manipolazione genetica ha il potenziale per causare una sequenza di eventi imprevisti che portano a un grave incidente biologico.

D’altra parte, anche la nanotecnologia è all’interno dei rischi esistenziali. Questi robot microscopici che possono essere inseriti nel corpo potrebbero generare una “piaga grigia”. Cioè, una riproduzione incontrollata che si concentra sul consumo di materia vivente.

I rischi esistenziali per umanità.

Una guerra nucleare è tra i rischi esistenziali

Durante la Guerra Fredda sono stati molti i momenti in cui c’è il rischio concreto che iniziasse una guerra nucleare, principalmente a causa di errori di segnali o errata interpretazione dei fatti. Non ci vogliono due nazioni dotate di armi nucleari per scontrarsi perché si verifichi una catastrofe atomica.

Se ci fosse una guerra nucleare tra le grandi potenze, milioni di persone morirebbero per le radiazioni. Dopo di ciò, sarebbe arrivato quello che è noto come “inverno nucleare”: la materia in eccesso nell’atmosfera coprirebbe i raggi solari, provocando oscurità e freddo estremi. Ciò ridurrebbe drasticamente la produzione di cibo e metterebbe a rischio la sopravvivenza della specie.

I rischi esistenziali sono spesso visti come fattori estranei nella vita della maggior parte delle persone. Questo è precisamente uno dei fattori che li rende così pericolosi. È molto importante che tutti siamo consapevoli di questi pericoli e che, ovunque ci troviamo, contribuiamo a ridurli.

Potrebbe interessarti ...
Effetti del cambiamento climatico sulla salute mentale
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Effetti del cambiamento climatico sulla salute mentale

Gli effetti del cambiamento climatico sulla salute mentale non è solo il prodotto di un disastro naturale, ma anche di cambiamenti graduali.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.


  • Marques, L. (2020). Pandemias, riesgos existenciales y no existenciales para la humanidad. Ambiente & Sociedade, 23.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.