Leader Lars, l'intelligenza artificiale che vuole governare la Danimarca

La Danimarca andrà al voto a novembre. Il "Partito Sintetico" potrebbe parteciparvi. Non è né più né meno che un chatbot creato con l'intelligenza artificiale. Volete sapere quali sono le sue proposte?
Leader Lars, l'intelligenza artificiale che vuole governare la Danimarca

Scritto da Valeria Sabater

Ultimo aggiornamento: 31 ottobre, 2022

Votereste per un partito il cui leader non è in carne ed ossa, ma un chatbot? Prima di rispondere, tenete presente una sua proposta: la volontà di offrire un reddito minimo di 13.443 euro al mese per abitante. Questa entità si chiama Leader Lars ed è stata creata dal collettivo Computer Lars e dall’organizzazione no-profit MindFuture .

Il cosiddetto Partito Sintetico vuole conquistare un seggio in Danimarca alle prossime elezioni di novembre. Anche se sì, per potersi presentare, deve prima ottenere abbastanza adesioni: circa 20.000 firme in totale. Alcuni dicono che sarà difficile raggiungere quell’obiettivo. In effetti, i suoi creatori cercano solo di diventare una piattaforma sociale.

Sono in molti, però, a sognare un partito capace di battersi alle urne per sostituire l’attuale primo ministro danese, il socialdemocratico Mette Frederiksen. Tuttavia, è inevitabile parlare ancora una volta dei dilemmi etici e sociali che derivano da tutto ciò che riguarda l’intelligenza artificiale.

Non molto tempo fa, questo insieme di algoritmi con capacità cognitive ha già sconfitto i principali campioni mondiali di scacchi. Ora è in grado di prendere decisioni, comporre musica e persino di rilevare molte delle nostre malattie.

Questi computer sono i nostri assistenti personali, quelli a cui chiediamo aiuto ogni giorno sotto il nome di Siri o Alexa. Tuttavia, faremo un giorno il passo per eleggerli come nostri rappresentanti e leader politici?

Leader Lars è programmato per catturare l’attenzione del 20% dei danesi che non vota alle elezioni.

donna con numeri binari che simboleggiano il leader Lars
L’intelligenza artificiale farà parte di molteplici aree della nostra vita in futuro.

Il leader Lars e il Partito Sintetico: chi sono e cosa promettono?

Prima di approfondire cos’è il Partito Sintetico e cosa promette, è importante ricordare cos’è l’intelligenza artificiale. Se c’è qualcosa che ci rende più facile questa informatica, è essere in grado di analizzare enormi quantità di dati e usare la sua intelligenza appresa per fare scoperte e prendere decisioni. I suoi benefici nel campo della medicina, dell’istruzione e della ricerca sono immensi.

Anche la danese Computer Lars ha approfittato di questo vantaggio. Il leader Lars rappresenta tutti i partiti marginali che non hanno ottenuto un seggio nel paese dal 1970. Quello che ha fatto è analizzare gli interessi, i valori e i bisogni di quel 20% della società danese che non vota da più di quattro decenni. L’obiettivo non potrebbe essere più chiaro ed emozionante allo stesso tempo.

Il suo creatore, Asker Staunæs, spiega che questo partito sintetico è stato programmato per essere quella figura in grado di restituire l’illusione della politica a migliaia di persone disincantate. Inoltre, c’è un altro vantaggio, ed è che l’intelligenza artificiale stessa interagisce con chiunque voglia parlarle. In ogni dialogo e interazione, continua a raccogliere dati per continuare ad imparare…

“Man mano che le persone in Danimarca, e anche in tutto il mondo, interagiscono con l’IA, inviano nuove prospettive e nuove informazioni testuali, che raccogliamo in un set di dati che andrà a perfezionamento. In questo modo, sviluppi in parte l’IA ogni volta che interagisci con essa”.

– Asker Staunæs-

Cosa promette il leader Lars ai suoi elettori?

Il leader Lars raccoglie le aspirazioni di decine di piccoli partiti politici che non hanno mai conquistato un seggio. Aspira anche ad essere la voce del disincanto danese, di quelle persone che molto tempo fa hanno smesso di fidarsi dei loro leader. Per questo i punti che raccoglie nel suo programma sono i seguenti:

  • Il potere non sarà nelle mani dei soli leader, ma dell’intera popolazione.
  • Il Partito Sintetico non sarà un “partito politico”, ma una piattaforma di resistenza per lottare per il bene comune.
  • Difendere una società democratica in cui le opinioni dei cittadini contano e influiscono in tutti gli ambiti della loro vita; dal posto di lavoro al senso della vita.
  • Stabilire un reddito di base universale di 100.000 DKK al mese, circa $ 13.700 .
  • Migliorare molto di più il settore tecnologico del Paese.

Come si può ben dedurre, l’obiettivo di questo rivoluzionario gioco di algoritmi e bot è anche quello di attirare l’attenzione. Qualcosa che ha indubbiamente raggiunto in tutto il mondo. Tuttavia, i suoi creatori cercano un altro scopo, se possibile molto più logico.

La missione del Partito Sintetico è creare maggiore consapevolezza sul ruolo dell’intelligenza artificiale e su come potrebbe migliorare le nostre vite.

Il leader Lars sostiene un reddito di base per ridurre la povertà e la disuguaglianza e fornire una base di sicurezza per la popolazione danese.

Occhio robotico che simboleggia il Leader Lars
I creatori del Partito sintetico aspirano a che l’IA agisca da ponte tra gli esseri umani e le varie tecnologie.

Il futuro dell’intelligenza artificiale nella nostra società

C’è un aspetto sorprendente che il leader Lars, il rappresentante non umano del Partito Sintetico, sostiene. Afferma che il vantaggio di avere un leader basato sull’intelligenza artificiale è che elimina i pregiudizi dell’essere umano. I creatori di questa entità sottolineano il fatto che il principale vantaggio del loro candidato è la loro obiettività e neutralità.

Ora, cosa sarebbe l’essere umano senza i suoi pregiudizi? Qualcosa che un chatbot creato con l’intelligenza artificiale non sarà mai in grado di fare è mostrare compassione, affetto o, ancor più, intelligenza emotiva. Per quanto sia programmato, gli vengono inviati milioni di dati, non avrà la nostra creatività e capacità di gestire le avversità dell’umanità.

In questo momento la fase successiva del progetto del Partito Sintetico è antropomorfizzare il leader Lars per agire come un candidato obiettivo ed essere molto più vicino alla popolazione e imparare meglio da essa. Tuttavia, ci sarà sempre quel rifiuto naturale definito come il fenomeno della “valle misteriosa” che ci fa diffidare di queste figure, siano esse robot o intelligenze artificiali.

Comunque sia, i creatori di questa ingegneria affermano che, in caso di successo e di partecipazione alle elezioni, il Partito Sintetico di Danimarca potrebbe espandersi a livello internazionale. Creerebbero il Partito Sintetico Internazionale. Qualcosa che personaggi come Isaac Asimov o Philip K. Dick hanno già sognato o temuto, sicuramente.

Potrebbe interessarti ...
Intelligenza artificiale e psicologia
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Intelligenza artificiale e psicologia

Intelligenza artificiale e psicologia iniziano a essere in una simbiosi davvero produttiva. Eppure, lo sviluppo di tale simbiosi non è esente da sf...



  • Huiling Qin, Guan Wang, “Benefits, Challenges and Solutions of Artificial Intelligence Applied in Education”, 2022 11th International Conference on Educational and Information Technology (ICEIT), pp.62-66, 2022.
  • Lu, Yang. (2021). Study on Artificial Intelligence: The State of the Art and Future Prospects. Journal of Industrial Information Integration. 23. 100224. 10.1016/j.jii.2021.100224.
  • Mostafa Zafari, Jalal Safari Bazargani, Abolghasem Sadeghi-Niaraki, Soo-Mi Choi, “Artificial Intelligence Applications in K-12 Education: A Systematic Literature Review”, IEEE Access, vol.10, pp.61905-61921, 2022
  • Ruben Manhiça, Arnaldo Santos, José Cravino, “The use of artificial intelligence in learning management systems in the context of higher education : Systematic literature review”, 2022 17th Iberian Conference on Information Systems and Technologies (CISTI), pp.1-6, 2022.