Insegnare a condividere ai bambini

03 agosto, 2020
La condivisione non è un'abilità naturale: deve essere appresa. Bisogna educare i bambini alla condivisione, insegnando loro che così facendo non rinunciano a nulla.
 

È normale che i bambini abbiano paura di condividere. È anche normale per loro sentire che tutto ciò che vogliono sia di loro proprietà, anche quando non è così. A volte i bambini possono persino mostrare atteggiamenti violenti per difendere i loro oggetti. I genitori hanno quindi il compito di insegnare a condividere, dimostrando ai propri figli che così facendo possono ottenere di più.

Dopotutto, la condivisione non è un’abilità naturale, bensì un’abilità appresa. Ma non è facile per i bambini capire cosa significa dare e ricevere, soprattutto perché non possiedono ancora gli strumenti per comprendere il tempo e il linguaggio. Per esempio, dire a un bambino di due anni che riavrà il suo giocattolo tra pochi minuti significa poco per lui.

L’infanzia rappresenta una fase egocentrica dello sviluppo, quando la persona inizia a riconoscersi come individuo con oggetti propri. Inizia a esplorare cosa significa possedere qualcosa e non capisce che non tutto è suo.

La buona notizia è che, seppur con difficoltà, i bambini possono imparare a condividere. Ma ciò richiede pazienza e una buona formazione da parte dei genitori e degli educatori.

Come insegnare a condividere?

Di solito i bambini capiscono il concetto di condivisione intorno ai tre anni. Ma ci vorrà un po’ di tempo prima che siano pronti a metterlo in pratica. Sebbene inizino a sviluppare empatia e sappiano di dover fare a turno con gli altri, non sono abbastanza maturi per resistere a tutti i loro impulsi. La maggior parte dei bambini di tre e quattro anni, di fatto, mette al primo posto i propri interessi.

 

Un bambino potrebbe non capire che sebbene nel momento presente non abbia il giocattolo desiderato, il suo turno arriverà presto. All’inizio potrebbe mostrarsi riluttante, ma pian piano le sue capacità di condivisione matureranno. A seguire presentiamo alcune strategie che aiuteranno i più piccoli a maturare questa abilità.

Bambini che giocano a testa in giù sul divano.

Dare il buon esempio

Se desiderate che i vostri figli imparino a condividere, è importante dare loro un buon esempio a cui ispirarsi, un modello di comportamento da seguire.

Che si tratti di condividere un cibo o dei colori o lasciare che qualcuno completi un’attività, i bambini devono capire che bisogna condividere con gli altri, chiedere le cose per favore e imparare a dire grazie.

Non dimenticare che i suoi giocattoli rappresentano il suo mondo

I giocattoli dei bambini rappresentano il loro mondo. Se li costringiamo a condividere, rafforzeremo negativamente la loro ossessione di mantenerli al sicuro.

Il bambino deve imparare che condividere non significa perdere o arrendersi e che farlo con gli altri bambini è molto più piacevole.

Controllare come usa ciò che gli altri condividono con loro

 

Quando gli altri bambini condividono qualcosa con i nostri figli, è un ottimo momento per far notare loro i benefici di questa azione. Se il giocattolo è comune, possono giocare insieme o a turno e poi lasciarlo dov’era. Quindi il bambino può capire che non c’è niente di male in tale dinamica e che la condivisione è divertente.

Cercare di capire perché il bambino non vuole condividere

Il bambino potrebbe non voler condividere qualcosa perché ha un significato speciale per lui o perché teme che qualcun altro rovini il lavoro che ha svolto o raggiunto. Potrebbe avere motivo di pensarlo, anche se non sa come esprimerlo, perché l’altro bambino l’ha già fatto in passato.

Usare il rinforzo positivo per insegnare a condividere

Quando il bambino mostra un atteggiamento positivo ed è propenso alla condivisione, è bene rinforzare positivamente il suo comportamento. In questo modo, riconoscerete questa azione e potrete congratularvi con lui o ricompensarlo con qualcosa che gli piace.

Essere pazienti

Per alcuni bambini è difficile capire che condividere è divertente, ma il tempo è un grande equalizzatore: tutto arriverà a suo tempo. A mano a mano che il bambino sviluppa le sue abilità sociali e fa amicizia, gli sarà più facile intendere la condivisione come bella e divertente.

Bambini che giocano a terra in cerchio.
 


La condivisione è più che scambiare oggetti

Potete insegnare ai vostri figli che condividere significa anche trascorrere del tempo insieme, oltre a scambiare e condividere oggetti. Quando possibile, queste circostanze sono molto utili per il bambino e vanno integrate nel suo quotidiano.

Insegnare a condividere è importante

Imparare a condividere può essere una sfida per i bambini, ma deve essere affrontata e superata. È un’abilità importante di cui hanno bisogno per giocare e trarre beneficio dall’interazione con gli altri.

Ma non tutti i bambini imparano allo stesso modo questa abilità. Sicuramente avete colleghi, amici o parenti che, anche da adulti, non hanno acquisito la capacità di condivisione. E questi adulti sono difficili da affrontare, a volte non vi piace nemmeno stare con loro.

Acquisire questa abilità da adulto è quasi impossibile, motivo per cui è fondamentale svilupparla durante l’infanzia. Non sottovalutate l’importanza di educare i bambini alla condivisione, soprattutto se si tratta dei vostri figli.