Intellettualismo etico: il bene deriva dalla conoscenza

Secondo Socrate, le persone non compiono volontariamente azioni eticamente sbagliate; lo fanno perché non sanno cosa è buono e giusto.
Intellettualismo etico: il bene deriva dalla conoscenza

Ultimo aggiornamento: 08 luglio, 2022

L’intellettualismo etico è una posizione etica e filosofica che sostiene che non esistono persone cattive, solo persone ignoranti.

In altre parole, chi agisce in modo eticamente sbagliato, lo fa perché non sa cosa è il bene. D’altro canto, chi lo conosce lo praticherà sempre, perché si rende conto che è la vera via della felicità.

Questa posizione fu proposta dal filosofo greco Socrate, le cui idee ebbero una grande influenza sul suo discepolo Platone.

Nelle righe che seguono descriveremo in dettaglio il concetto di intellettualismo etico e presenteremo le critiche che sono state mosse al riguardo.

Che cos’è l’intellettualismo etico?

L’intellettualismo etico è una filosofia che sostiene che la conoscenza di ciò che è giusto e corretto, da un punto di vista etico, è sufficiente affinché l’essere umano non commetta alcun atto malvagio.

In altre parole, basta sapere cos’è la giustizia per poter essere giusti, sapere cosa è bene per poter agire secondo ciò.

La prima formulazione di intelletto etico risale a Socrate, che proponeva autognosia (definita dal filosofo greco come sapere ciò che è giusto) come condizione essenziale, e insieme sufficiente, affinché l’essere umano agisca correttamente.

In questo modo Socrate sostiene che non appena la persona acquisirà conoscenza del bene, agirà secondo esso. Allo stesso modo, il contrario. Se un individuo ignora cosa è moralmente giusto, agirà in modo sbagliato e malvagio.

Detto ciò, se un individuo dovesse compiere un’azione eticamente scorretta, non sarebbe colpa sua, ma piuttosto del fatto che non ha avuto accesso a tale conoscenza.

Ebbene, per Socrate, non c’era possibilità che qualcuno, con la sua semplice volontà, potesse agire in modo sbagliato. Ciò allude a una sorta di determinismo, poiché mette da parte il libero arbitrio.

Donna seduta alla finestra.
Secondo la teoria dell’intellettualismo etico, una persona agisce in modo errato perché non sa cosa è giusto e cosa è sbagliato.

Origine e sviluppo

L’intellettualismo etico si basa sul dualismo antropologico, che postula che l’essere umano sia formato da due sostanze: quella fisica, che è il corpo, e quella immateriale, che corrisponde all’anima, da intendere al di fuori di ogni concezione religiosa.

Socrate riteneva l’anima la parte più importante dell’essere umano, perché in essa risiede il benessere. Questo benessere sarà raggiungibile solo attraverso la virtù (fare la cosa giusta) che, a sua volta, è possibile attraverso la conoscenza (della verità, non dello studioso).

Essere virtuosi porterà a una condotta giusta, che condurrà alla felicità e alla pienezza. Convinto di ciò e come cittadino preoccupato dei suoi compatrioti, Socrate iniziò a sviluppare questo concetto.

L’intellettualismo etico in politica

È pertinente notare che Socrate non ha lasciato per iscritto nessuno dei suoi pensieri, giunti a noi grazie alle opere del suo discepolo Platone.

Questo dettaglio è importante perché, secondo alcuni autori, alcune applicazioni della teoria dell’intellettualismo etico in ambito politico rispondono più alle convinzioni di quest’ultimo.

Tuttavia, si può dire che Socrate sia stato il primo ad applicare l’intellettualismo etico in politica. Ebbene, il filosofo difendeva una forma di governo guidato da chi sapeva cosa è giusto e corretto, in quanto gli unici capaci di raggiungere il benessere dei cittadini.

“Quando uno di noi è malato, non propone una votazione tra i familiari per stabilire quale rimedio sia adatto a curare la malattia. Invece, chiama il medico e si sottopone alla sua competenza. Quando vogliamo costruire un edificio non votiamo per decidere come costruirlo, ma lasciamo che l’architetto imponga i suoi criteri”.

Al che Socrate si chiese: “perché quando si tratta della cosa più importante di tutte, che è il bene comune e la corretta istituzione delle leggi, lasciamo che tutti abbiano un’opinione, ci sottomettiamo alla maggioranza e non ci affidiamo a un esperto?”. Così, secondo la filosofia dell’intellettualismo etico, anche gli affari politici devono essere affidati alle mani di esperti.

In seguito, nella sua opera Platone difende con fermezza il bisogno di un governo guidato dai più capaci. Essendo saggi, dunque buoni e giusti, potranno ottenere il benessere e la felicità di ogni cittadino.

Politico che parla.
Per Socrate, un governo giusto è formato da persone capaci di discernere tra corretto e sbagliato. 

Critiche all’intellettualismo etico

Una delle principali critiche all’intellettualismo etico ruota attorno alla nozione di conoscenza formulata da Socrate. È noto che non intendeva acquisire maggiori informazioni o essere un grande matematico, ma non ha mai chiarito quale fosse la sua natura.

D’altra parte, sebbene il suo pensiero fosse ampiamente accettato ai suoi tempi, le successive idee aristoteliche sull’etica fecero passare in secondo piano l’intellettualismo etico.

Di fronte all’approccio socratico, Aristotele poneva un accento particolare sulla volontà di fare bene, ritenendo che la semplice conoscenza non fosse sufficiente a garantire che l’uomo si comportasse moralmente correttamente.



  • Brickhouse, T. C. (2000). The philosophy of Socrates.
  • Gómez Robledo, A. (1994). Sócrates y el socratismo. Lingua2, 70.
  • Puigdomènech López, J. (2016). Ramon Llull. Intelectualismo moral, determinismo cósmico y libertad humana. Annales Universitatis Mariae Curie-Sklodowska, sectio I–Philosophia-Sociologia41(1).