La Mente è Meravigliosa
 

Ipervigilanza nella relazione di coppia

L'ipervigilanza può distruggere qualsiasi relazione. Controllare, dubitare e stare costantemente addosso al partner per verificare che tutto vada bene e che non ci siano comportamenti insoliti è un'arma a doppio taglio.

Ipervigilanza nella relazione di coppia

Ultimo aggiornamento: 31 dicembre, 2020

Alcune persone si comportano come dei detective nel rapporto di coppia, in cerca di indizi e segnali per verificare che stia andando tutto bene. Controllano continuamente il comportamento del partner in un costante stato di ipervigilanza nella relazione, che a lungo andare causa discussioni e conflitti.

La presenza dell’ipervigilanza in una relazione tende a deformare poco per volta la realtà. Si inizia con piccoli litigi o dubbi fino a mettere in discussione quasi tutti i movimenti, i gesti e le parole del partner. La persona ipervigilante trova segnali che in realtà non esistono perché è malfidente nei confronti delle intenzioni dell’altro.

L’angoscia dell’ipervigilanza

Lo psicologo Tyan Dayton descrive l’ipervigilanza nella relazione come uno stato di stress e angoscia che si manifesta in determinate situazioni alla base del trauma.

Quando l’ipervigilanza è presente nella relazione dei genitori, è più probabile che i figli abbiano la tendenza a sviluppare questa stessa condotta nelle proprie relazioni. In qualche modo, la apprendono fin dall’infanzia e la assimilano. Tuttavia, potrebbero esserci anche altri motivi.

Per esempio, se siamo stati vittime di un tradimento in un’altra relazione e ciò ha avuto un impatto emotivo molto forte su di noi, potremmo usare l’ipervigilanza come strategia per assicurarci che non accada di nuovo.

Il problema è che un comportamento simile finisce per generare stati di angoscia e alimenta il seme della sfiducia nella relazione.

Coppia arrabbiata per ipervigilanza nella relazione.


D’altra parte, può anche verificarsi la situazione opposta; ovvero che siamo stati infedeli al partner e finiamo per proiettare su di lui o lei insicurezza e paura. È così possibile sviluppare a un certo punto comportamenti ipervigilanti.

Infine, le persone che soffrono di dipendenza emotiva tendono a ipervigilare i loro partner. Ciò si deve all’intensa paura di perderli a causa della loro bassa autostima e di certe convinzioni inconsce che le portano ad agire in modo malsano.

L’interpretazione sbagliata dei segnali

Una delle caratteristiche principali che indica la presenza di ipervigilanza nella relazione è l’interpretazione erronea dei comportamenti del partner. Ciò può succedere perché alcuni segnali (gesti o parole) vengono confrontati con altri passati. Di solito è una conseguenza dell’angoscia, dello stress o della paura provati.

Un esempio potrebbe essere quando il partner è più silenzioso del normale o riceve molti messaggi sul cellulare. Se un ex ci è stato infedele o prima di rompere il rapporto ha manifestato silenzio in diverse situazioni, la nostra mente potrebbe attivare il segnale di allarme e con esso il meccanismo dell’ipervigilanza.

Cominciano così a presentarsi pensieri irrazionali come “è troppo tranquillo, c’è qualcosa che non va”, “riceve molti messaggi, forse sta flirtando con un’altra persona” o “non è più interessato perché mi parla a malapena”.

Questi pensieri negativi aumentano la sfiducia e possono persino portare a scatti di ira. In questo modo, il rapporto di coppia si deteriora, soprattutto se non parliamo con il partner di ciò che ci sta accadendo e traiamo le nostre conclusioni.

È dunque importante ammettere una situazione di ipervigilanza nella relazione e cercare un aiuto professionale.

Il peso delle esperienze passate sulla ipervigilanza nella relazione

Cambiare la concezione che abbiamo delle relazioni, in particolare di coppia, risolvere esperienze passate e traumi radicati e imparare strategie per gestire le emozioni sarà essenziale per evitare l’ipervigilanza.

Se c’è ualche problema nelle nostre relazioni, se viviamo momenti di forte angoscia e sfiducia, dobbiamo agire per risolvere la situazione. L’ipervigilanza non solo danneggerà il rapporto attuale, ma ci impedirà anche di crescere e godere di relazioni più sane in futuro.

Coppia che parla.

È importante ricordare che l’ipervigilanza nella relazione di coppia a volte viene “normalizzata”; quindi è difficile riconoscerla. Tuttavia, riconoscere in primis il danno che questo costante atteggiamento di allerta arreca ci permetterà di agire per iniziare a risolverla.

Ognuno di noi ha la responsabilità di superare i propri traumi, le esperienze negative e il dolore emotivo per instaurare relazioni sane che danno piuttosto che togliere.

Persone che sanno amare il partner

Persone che sanno amare il partner

Ci sono persone che sanno amare il partner e altre, invece, che amano moltissimo, ma in modo sbagliato. Vediamo i tratti delle prime.



  • Expósito, F., & Moya, M. (2011). Violencia de género. Mente y cerebro48(2011), 20-25.
  • Gómez, M. P., Delgado, A. O., & Gómez, Á. H. (2014). Violencia en relaciones de pareja de jóvenes y adolescentes. Revista latinoamericana de psicología46(3), 148-159.
  • Loubat O, Margarita, Ponce N, Patricia, & Salas M, Patricia. (2007). Estilo de Apego en Mujeres y su Relación con el Fenómeno del Maltrato Conyugal. Terapia psicológica25(2), 113-122. https://dx.doi.org/10.4067/S0718-48082007000200002