Distanza compassionevole per il benessere

Se vogliamo aiutare una persona che soffre, dobbiamo prima salvaguardare il nostro equilibrio emotivo per essere il miglior sostegno per l'altro. La distanza compassionevole è una delle risorse che dovremo utilizzare per raggiungere questo obiettivo.
Distanza compassionevole per il benessere

Ultimo aggiornamento: 19 febbraio, 2022

La distanza compassionevole significa collocarsi in uno spazio psicologico protettivo, dove sarà più difficile essere impregnati dalle emozioni altri.

Implica fornire supporto dalla comprensione e dall’empatia, ma senza essere inondati dalla tristezza, dall’angoscia o dalla rabbia degli altri. Non tutti sanno applicare o sviluppare questa necessaria e sana separazione.

In pochi conoscono la sindrome burnout da eccessiva empatia. Consiste in quella forma di esaurimento fisico, psichico ed emotivo quando ci mettiamo troppo nei panni altrui. Il collegamento con le realtà traumatiche o complicate degli altri lascia sempre una traccia, un residuo emotivo che alberga dentro di noi.

Professionisti come medici, infermieri, psicologi o assistenti sociali sperimentano questo tipo di usura ogni giorno. E succede perché siamo umani.

Perché è quasi inevitabile non identificarsi con la sofferenza altrui, fino a sentirla propria. Quando questa dinamica diventa una costante, le conseguenze possono essere gravi.

Poche azioni sono più importanti del saper separare le pene proprie da quelle altrui. Perché solo quando riusciamo a prendere le distanze adeguate da chi soffre, è possibile dare il meglio di noi stessi per aiutare.

“L’amore e la compassione sono necessità, non lussi. L’umanità non può sopravvivere senza di loro”.

-Dalai Lama-

Madre che applica la distanza empatica con sua figlia.

Cos’è la distanza empatica?

Potremmo vedere un animale soffrire, in molti non saprebbero cosa fare. Il dolore emotivo è così intenso che reagire diventa difficile. Lo stesso può accadere con un amico a cui viene diagnosticata una malattia o un familiare che sta attraversando un brutto momento.

La capacità di entrare in empatia con il dolore fisico ed emotivo altrui a volte spegne le nostre risorse e i nostri meccanismi di azione. Sperimentare questa realtà psicologica non è utile.

Il lavoro di ricerca svolto dal Dottor Paul Gilbert del dipartimento di salute mentale del Kingsway Hospital di Derby ci dice qualcosa di importante.

La compassione appare nell’essere umano come un vantaggio evolutivo orientato a un unico scopo: aiutare gli altri. Lasciarsi bloccare dal diluvio emotivo va contro questo principio fondamentale. È qui che dovrebbe agire la distanza compassionevole.

Comprendere senza far parte del dramma

La distanza compassionevole è una risorsa che funge da compensazione per l’empatia, permettendoci di filtrare il flusso emotivo. È porsi in uno spazio di protezione da cui comprendere la realtà mentale dell’altro, senza essere imprigionati dalla sofferenza altrui.

È importante notare che questa distanza psicologica non significa essere freddi o escludere i sentimenti. Quando si vive un disagio o dramma personale, si vive in un buco nero in cui è molto facile far cadere anche gli altri. Soprattutto se quella persona è vicino a noi.

L’empatia è compassione in azione e qualcosa del genere è possibile solo quando applichiamo una piccola distanza. Solo con la giusta distanza, possiamo ottenere la sufficiente lucidità mentale per essere utili.

È importante evitare quell’overdose emozionale che toglie risorse e pone sullo stesso piano di chi soffre prima di noi.

La distanza compassionevole è mettersi nei panni dell’altro senza accontentarsi del suo dolore

Possiamo metterci nei panni del nostro amico o del partner che soffre, ma poi dobbiamo tornare nei nostri. Non è bene tenere a lungo calzature che non sono nostre. Le conseguenze possono essere molto estenuanti:

  • Rivivere continuamente il dramma dell’altro. Ricordiamo la sofferenza degli altri come lampi, come una forma di stress post-traumatico.
  • Appare la stanchezza dovuta dalla compassione.
  • È comune provare ottusità emotiva. Quasi senza rendercene conto, iniziamo a sentirci più irritabili, lunatici e tristi.
  • Appare anche l’esaurimento fisico.
  • A questo si aggiunge un altro fattore: la sensazione di non essere di aiuto alla persona che sta attraversando un brutto momento.

Strategie per applicare il distanziamento compassionevole ed emotivo

Quando sentiamo la parola “compassione”, è comune evocare qualità come gentilezza, pietà o pietà. Una simile interpretazione del termine è tuttavia un errore: la compassione richiede forza, determinazione e coraggio per agire a beneficio dell’altro e per essere di aiuto autentico.

Il segreto è connettersi con le emozioni altrui senza essere sopraffatti. Vediamo quale manovra mentale dovremmo fare per ottenerlo.

1. Un viaggio di andata e ritorno empatico: il tuo dolore non è il mio, ma lo capisco

Visualizziamo l’immagine: un viaggio di andata e ritorno. La distanza compassionevole è trasferirsi nell’universo emotivo dell’altro per tornare poi al nostro.

Per questo è bene ripetere un semplice mantra: il tuo dolore non è il mio dolore, ma lo capisco e lo provo anche io… Ma non mi blocca.

2. Il mio obbligo non è salvare chi soffre, è accompagnare

La distanza compassionevole ci ricorda che non è nostro compito sopportare il dolore altrui o essere salvatori. Anche volendo, non possiamo risolvere problemi che non sono nostri.

Non possiamo fare i compiti l’uno dell’altro. Tuttavia, ciò che è in nostro potere è accompagnare, essere vicini, essere rifugio quotidiano e sostegno sincero.

3. Distanza compassionevole: applicare limiti emotivi

I limiti emotivi ci consentono di porre bandiere rosse che gli altri non dovrebbero superare. Ad esempio, la nostra disponibilità emotiva non è illimitata, non possiamo esserci 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per gli altri.

Dobbiamo aver tempo per noi stessi e abbiamo il pieno diritto di dire “no” quando non siamo dell’umore giusto per ascoltare quella persona che sta attraversando un brutto momento.

Donna in montagna.

4. Distanza compassionevole: ricaricare le emozioni positive dopo aver offerto supporto agli altri

La distanza compassionevole funzionerà finché manteniamo le nostre emozioni di valenza positiva a un livello ottimale.

Qualcosa del genere richiede di “rifornire” la nostra mente con esperienze e momenti significativi.  Donarci tempo di qualità, goderci il tempo libero e soddisfare le nostre esigenze è fondamentale.

Un’altra strategia ideale è concederci una piccola pausa quando abbiamo appena dato il nostro supporto a qualcuno che sta attraversando un brutto momento. Non è un atto di egoismo, bensì un modo per prendersi cura di noi stessi.

This might interest you...
Lettera ai lavoratori che si prendono cura di noi: GRAZIE!
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Lettera ai lavoratori che si prendono cura di noi: GRAZIE!

Questa lettera ai lavoratori che si stanno prendendo cura di noi in questo periodo, è un modo per ringraziarli per la loro dedizione.



  • Gilbert, P. (2017). Compassion as a social mentality: An evolutionary approach. In: P. Gilbert (ed). Compassion: Concepts, Research and Applications. (p. 31-68). London: Routledge
  • Gilbert. P. (2015). The evolution and social dynamics of compassion Journal of Social & Personality Psychology Compass, 9, 239–254. DOI: 10.1111/spc3.12176
  • Catarino, F., Gilbert, P., McEwan., K & Baião, R. (2014). Compassion motivations: Distinguishing submissive compassion from genuine compassion and its association with shame, submissive behaviour, depression, anxiety and stress Journal of Social and Clinical Psychology, 33, 399-412.
  • Heriot-Maitland C, McCarthy-Jones S, Longden E, Gilbert P. Compassion Focused Approaches to Working With Distressing Voices. Front Psychol. 2019 Feb 1;10:152. doi: 10.3389/fpsyg.2019.00152. PMID: 30774614; PMCID: PMC6367219.
  • Lucre K, Clapton N. The Compassionate Kitbag: A creative and integrative approach to compassion-focused therapy. Psychol Psychother. 2021 Apr;94 Suppl 2:497-516. doi: 10.1111/papt.12291. Epub 2020 Jul 8. PMID: 32639097.
  • Mascaro, J. S., Florian, M. P., Ash, M. J., Palmer, P. K., Frazier, T., Condon, P., & Raison, C. (2020). Ways of Knowing Compassion: How Do We Come to Know, Understand, and Measure Compassion When We See It?. Frontiers in psychology11, 547241. https://doi.org/10.3389/fpsyg.2020.547241