La perdita di peso migliora l'autostima?

Il peso e l'immagine che abbiamo del nostro corpo influiscono sul modo in cui ci percepiamo. Ma è davvero determinante per la nostra autostima? Vediamo cosa ci dicono gli ultimi studi a riguardo.
La perdita di peso migliora l'autostima?
Elena Sanz

Scritto e verificato da la psicologa Elena Sanz.

Ultimo aggiornamento: 10 gennaio, 2023

Molte persone lottano quotidianamente con il proprio peso perché non si sentono bene con la propria immagine corporea, il che influisce sulla qualità della vita, sulla soddisfazione e persino sul valore che attribuiscono a se stessi. Non sorprende se consideriamo che nella nostra società l’aspetto fisico è prioritario e determina, in molti casi, se siamo accettati o discriminati. Ma la perdita di peso migliora davvero l’autostima?

Naturalmente, stare in salute e prendersi cura del nostro corpo è molto vantaggioso. Tuttavia, tendiamo a pensare che la nostra immagine sia la causa della nostra infelicità e che se riuscissimo a conformarci agli standard di bellezza, ci sentiremmo completamente diversi. Ci hai mai pensato? Bene, allora esploriamo ciò che è vero di questa affermazione.

Donna che si guarda allo specchio con paura
L’aumento dell’autostima derivante dal ricevere conferme e approvazioni esterne non è molto forte.

Perdita di peso e benessere psicologico

È importante ricordare che il peso corporeo va oltre un numero, e sono le sue implicazioni sociali e culturali che lo legano al benessere psicologico. La pressione sociale porta le persone in sovrappeso a sentirsi inadeguate e difettose, e questo limita il loro funzionamento psicosociale. Pertanto, possono non solo sviluppare una cattiva immagine di se stessi, ma anche tendere a isolarsi socialmente e limitare le loro interazioni sessuale-affettive.

Diverse indagini supportano l’idea che la perdita di peso migliori l’autostima. E questo è qualcosa confermato in diversi studi. Una studio di revisione sistematica effettuata sull’argomento fornisce risultati interessanti:

  • La perdita di peso è costantemente associata a una migliore autostima. Nella maggior parte degli studi analizzati, i partecipanti hanno mostrato un aumento di questa autovalutazione dopo aver completato un programma o un intervento finalizzato alla perdita di peso.
  • Anche il sovrappeso sembra avere un impatto emotivo negativo e può essere correlato alla comparsa di sintomi depressivi. Pertanto, perdere peso sembra migliorare l’umore delle persone.

La perdita di peso e la percezione di se stessi

  • L’immagine corporea è fortemente associata alla perdita di peso. Questo termine si riferisce all’insoddisfazione per il corpo, alla valutazione del proprio aspetto da parte della persona, alla preoccupazione per la forma del corpo e all’evitamento dell’immagine. Tutti questi aspetti sono migliorati quando i partecipanti hanno perso peso; e, inoltre, si osservava che maggiore era la perdita, maggiore era il miglioramento.
  • Perdere peso sembra anche migliorare la qualità della vita. A livello soggettivo, le persone che hanno perso peso avevano una percezione più positiva del proprio funzionamento fisico, sociale e psicologico. In altre parole, hanno sperimentato un maggiore benessere, si sono sentiti più sani, più in grado di affrontare la giornata e meno stigmatizzati.

Il rapporto tra perdita di peso e autostima

Alla luce dei risultati precedenti e di altri simili, possiamo affermare di sì: la perdita di peso migliora l’autostima. Ora, questa non è una domanda così semplice e diretta come sembra, che richiede di andare un po’ più a fondo nell’analisi.

In primo luogo, la revisione precedente ha rilevato che il miglioramento dell’autostima era indipendente dalla perdita di peso; anche aumentando di peso durante l’intervento, i partecipanti hanno sperimentato benefici psicologici dall’avervi partecipato.

Ciò può essere spiegato dal fatto che le componenti di questi interventi (per lo più cognitivo-comportamentali) si sono concentrate su un cambio di prospettiva cruciale. I programmi hanno favorito l’accettazione di sé, hanno aiutato a dissociare il comportamento alimentare dalle emozioni e hanno promosso un cambiamento negli atteggiamenti verso le dimensioni e la forma del proprio corpo.

Questi ingredienti, da soli e in assenza di perdita di peso, realizzano questi cambiamenti significativi nel benessere soggettivo.

Attenzione alla falsa autostima

D’altra parte, è importante tenere presente che, in molti casi, l’apparente miglioramento dell’autostima che una persona ottiene perdendo peso non è reale. E si basa su quanto recentemente ottenuto dall’approvazione e dalla convalida esterna.

L’idea è: “poiché ora ricevo complimenti -o quelli che per me sono complimenti-, poiché gli altri mi trattano in modo diverso, mi accettano e mi riconoscono, mi considero prezioso e degno di apprezzamento e considerazione”.

Tuttavia, e sebbene a breve termine questa situazione possa aumentare la sensazione di benessere, è davvero pericolosa. Ebbene, è qui che di solito compare una notevole paura di ingrassare e possono iniziare a scatenarsi comportamenti e pensieri tipici di un disturbo alimentare. Ed è che perdere quello status che la nuova immagine fisica concede significherebbe, per quella persona, perdere il suo valore.

Donna che piange davanti allo specchio
Il rinforzo da parte di altri quando si perde peso può portare a una grande paura di aumentare di peso.

Il nostro aspetto non determina il nostro valore

In conclusione, alla domanda se la perdita di peso migliori l’autostima, la risposta è sì, ma forse non per le giuste ragioni. Essere in sovrappeso dovrebbe essere solo un problema di salute fisica e non dovrebbe condizionare la nostra felicità, la nostra capacità di relazionarci, tanto meno la percezione del valore che abbiamo di noi stessi.

In effetti, la realtà è che ciò che realmente influenza è il modo in cui percepiamo noi stessi. Ed è che, sebbene pensiamo che sia necessario perdere peso e rientrare nei canoni estetici per avere una vita piena, è stato riscontrato che una riduzione del solo 5-10% del peso corporeo è sufficiente per dare alla persona quell’auto -fiducia che mancava e migliorare il loro funzionamento psicosociale.

Pertanto, la cosa più importnte sarà lavorare con le nostre convinzioni e percezioni, per costruire una solida autostima e non basata sul riconoscimento esterno. Se vogliamo dimagrire, facciamolo per amore del nostro corpo, e non per odio. L’autostima dovrebbe precedere il cambiamento fisico, non il contrario.

Potrebbe interessarti ...
Autostima: la forza di essere amici di se stessi
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Autostima: la forza di essere amici di se stessi

L’ autostima è il pilastro alla base del nostro benessere e della nostra crescita emozionale.



  • Lasikiewicz, N., Myrissa, K., Hoyland, A., & Lawton, C. L. (2014). Psychological benefits of weight loss following behavioural and/or dietary weight loss interventions. A systematic research review. Appetite72, 123-137.
  • Vasiljevic, N., Ralevic, S., Kolotkin, R. L., Marinkovic, J., & Jorga, J. (2012). The Relationship Between Weight Loss and Health‐related Quality of Life in a Serbian Population. European Eating Disorders Review20(2), 162-168.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.