La psicosi ordinaria: cos'è e come trattarla

Cos'è la psicosi ordinaria? Perché è difficile da individuare? Quali implicazioni ha? In questo articolo risponderemo a queste e ad altre domande.
La psicosi ordinaria: cos'è e come trattarla

Ultimo aggiornamento: 02 novembre, 2022

In questo articolo parleremo di “psicosi ordinaria”, un concetto che non compare nelle classificazioni del DSM o dell’ICD, ma è frequentemente utilizzato nella pratica psicoanalitica.

La distinzione tra psicosi e nevrosi è classica. D’altra parte, la psicoanalisi anglosassone ha molto a che fare con il fatto che sono state trovate categorie intermedie. La più nota è la struttura borderline della personalità. Queste categorie intermedie sono molto più interessanti a livello clinico, poiché si avvicinano a un modello dimensionale e meno strutturale per spiegare il comportamento umano.

La psicosi ordinaria è una proposta di definizione clinica di Jacques-Alain Miller, che sottolinea che quando non riconoscono segni evidenti di nevrosi, può verificarsi una psicosi nascosta, una psicosi velata. Designa una modalità di funzionamento tipica dei soggetti con struttura psicotica che non presentano segni clinici palesi di psicosi, quindi conservano un certo adattamento sociale.

Uomo che guarda fuori dalla finestra
Il termine “psicosi ordinaria” è stato utilizzato per la prima volta alla Convenzione di Antibes nel 1998.

Cos’è la psicosi ordinaria?

In molti pazienti c’è una “forma attenuata di psicosi”, che è ancora all’interno di quelli che chiamiamo “disturbi dello spettro psicotico”. Questo tipo di psicosi non presenta i classici segni di psicosi “deliri o allucinazioni”, ma possiamo apprezzarne l’aspetto psicotico in altre manifestazioni.

Il concetto di psicosi ordinaria costringe ad abbandonare le consuete categorie nosologiche, ordinate da grandi sindromi che indicano una logica del “tutto o niente”, per concentrarsi su dimensioni del comportamento. L’idea è che molti casi di psicosi che rimangono “latenti” di solito compaiono in consultazione. Una persona può sempre vivere con una struttura psicotica di base senza che i suoi sintomi siano molto evidenti.

Secondo lo psicoanalista e scrittore Gustavo Dessal, questo tipo di psicosi presenta differenti fenomenologie. Dall’eccesso di normalità alla comparsa di una grave nevrosi caratteriale. Tuttavia, è sempre presente il nucleo delirante incapsulato, che il paziente confessa di nascosto o tiene nascosto per mezzo di circonlocuzioni o ellissi del discorso.

Come si manifesta la psicosi ordinaria

La clinica della psicosi ordinaria si manifesta attraverso indicatori molto sottili. Possono essere stravaganze, un uso particolare del linguaggio, disturbi del pensiero o attacchi di ansia non riconosciuti come tali, che sorgono come eventi del corpo.

La persona può anche ritrovarsi socialmente dislocata. Presenta ostacoli nelle relazioni e con un improvviso rifiuto dell’altro, senza premesse o storia che possano spiegare questo distacco dal tempo in cui vivono. Nelle psicosi ordinarie, i segni non sono spettacolari, sono discreti. Nemmeno i deficit. Per questo si può parlare in questi casi di follia normalizzata.

Sintomi per rilevare la psicosi ordinaria

Dessal descrive in dettaglio diversi fenomeni clinici che indicherebbero l’esistenza di una psicosi ordinaria:

  • Queste sono persone che di solito mancano di discorso sulla loro storia, con un’assenza di implicazione soggettiva.
  • Sono spesso persone la cui vita sessuale è inesistente o mostrano segni di una relazione labile con l’identità sessuale.
  • Non di rado il legame sociale è permeato in varia misura da segni di aggressività, di diffidenza paranoica, o passaggi all’atto generalmente discreti, ma che mostrano inequivocabili punti di preclusione.
  • Molte persone che consideriamo normali psicotiche tendono a manifestare spontaneamente una straordinaria tendenza a ricreare nel loro discorso un romanzo “edipico” poco filtrato dalla censura.

Altri sintomi evidenti:

  • Difficoltà incomprensibili nello svolgimento di attività, presumibilmente all’interno delle capacità della persona, e che spesso venivano svolte normalmente in passato, possono essere il segno di una rottura psicotica inapparente. Un esempio è l’assoluta impossibilità di andare in classe per alcuni adolescenti con un precedente rendimento scolastico normale.
  • Anche il rapporto con la lingua è alterato. Spesso parlano da proverbi o luoghi comuni che coprono il vuoto della loro stessa enunciazione. Possiamo anche osservare, come ha sottolineato Eric Laurent, un “uso quasi neologico di parole comuni”.

Gli psicotici ordinari mimeticherebbero la loro condizione nel paesaggio quotidiano, mentre gli psicotici straordinari, al contrario, avrebbero limiti molto più invalidanti. Quindi anche più estroverso per l’osservatore non intenzionale e non intenzionale.

Uomo che parla con il suo partner
Le persone con psicosi ordinaria di solito hanno un funzionamento sociale apparentemente normale, ma il loro sistema di rappresentazione simbolica del mondo non è strutturato.

L’origine della psicosi ordinaria

L’interesse per nuove forme di psicosi libere da deliri e allucinazioni non smette di crescere. Ci sono sempre più casi che vengono presentati in consultazione. Persone con un funzionamento sociale che potremmo considerare accettabile, ma con il loro sistema di rappresentazione simbolica del mondo completamente destrutturato.

Marie-Hélène Brousse, in un articolo intitolato Psicosi ordinaria alla luce della teoria del discorso lacaniana, sostiene che il campo della psicosi sembra cambiare oggi. Lo mette in relazione con il declino del ruolo paterno, il potere del Nome-del-Padre, è accompagnato dalla pluralizzazione del suo ruolo. Al posto dell’evaporazione del padre vengono le norme sociali. Di fronte al declino del diritto, le norme e il buon senso (ordinario) proliferano. Quando si parla di psicosi ordinaria, si tratta di comportamento sovrasociale, di assoluta sottomissione.

Riflessioni conclusive

La precarietà simbolica che caratterizza il nostro tempo avrebbe così effetti nella clinica. Gli algoritmi di presentazione delle informazioni basati sui Mi piace stanno straordinariamente unificando (normalizzando). Ma cosa succede se la normalità è vuota? Se non c’è nulla a cui opporsi, la personalità sembra non finire di formarsi. Raggiunge la “normalità”, che mescolata alla solitudine può diventare insopportabile.

Quando si parla del normale, ad esempio, di una persona normale, c’è qualcosa del vuoto. La clinica che sta arrivando potrebbe essere, in larga misura, una clinica del vuoto. Un vuoto presente nelle forme ordinarie della follia, che non si innesca pubblicamente, ma si nasconde nei nostri pensieri e modi di comportarci.

Potrebbe interessarti ...
Psicosi: cos’è, quali sono le cause e come si tratta?
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Psicosi: cos’è, quali sono le cause e come si tratta?

La psicosi può essere definita in come un insieme di condizioni psicopatologiche gravi contraddistinte dalla perdita del contatto con la realtà



  • Dessal, G. “Continuidad y discontinuidad en las psicosis ordinarias. Tres preguntas a Gustavo Dessal” en Nodus. L’Aperiòdic Virtual de la Secció Clínica de Barcelona, accesible en http://www.scb-icf.net/nodus/contingut/article.php?art=274&rev=37&pub=1.
  • Laurent, E. (2007). La psicosis ordinaria. Virtualia6(16), 2-6.
  • Lippi, S. (2015). La psicosis ordinaria:¿ cómo pensar los casos inclasificables en la clínica contemporánea?. Desde el jardín de Freud, (15), 21-36.
  • Manuel Fernández Blanco, El tiempo de la psicosis ordinaria, Asociación Mundial de Psicoanálisis. XI Congreso. https://congresoamp2018.com/textos-del-tema/tiempo-la-psicosis-ordinaria/