La tecnica del modellamento

La tecnica del modellamento si basa sull'apprendimento vicario, o osservativo. In questo articolo spieghiamo i possibili benefici di questo approccio e quali passaggi devono essere seguiti per renderlo efficace.
La tecnica del modellamento

Ultimo aggiornamento: 29 gennaio, 2022

La tecnica del modellamento si basa sul presupposto che è possibile imparare, attraverso l’apprendimento vicario, senza la necessità della pratica.

Ciò significa che una persona è in grado di acquisire abilità semplicemente osservando altri che esercitano determinate abilità. Per questo motivo la tecnica del  modellamento fa parte del gruppo delle tecniche operanti.

Prima di introdurre lo sviluppo ottimale della suddetta tecnica, è importante distinguerla dalla tecnica del modellaggio o shaping. Talvolta le due tecniche vengono confuse o ritenute uguali, ma non è così.

Mentre il modellamento è una tecnica che cerca di insegnare attraverso sequenze o approssimazioni, il modellaggio si basa sull’apprendimento osservativo e l’attività non è divisa gradualmente.

Figlio che imita suo padre.

Apprendimento vicario oppure osservativo

Ne ha parlato per la prima volta nel 1977 lo studioso Albert Bandura nella sua teoria dell’apprendimento sociale. Quest’ultima parte dal presupposto che la maggior parte della nostra conoscenza deriva dall’osservazione di figure di riferimento.

Per esempio, se osserviamo che nostro padre mette il tovagliolo sulle gambe prima di mangiare, sicuramente lo faremo anche noi per osservazione.

Bandura sosteneva l’esistenza di una mediazione simbolica quando un comportamento viene modellato e non più specifiche associazioni stimolo-risposta e rinforzo.

Le teorie della contiguità emotiva insegnano che l’apprendimento osservativo avviene attraverso processi simbolici mascherati e che non c’è bisogno di mettere in pratica quanto osservato.

Sulla base dell’apprendimento osservativo, il modellamento potrebbe addirittura essere considerato una tecnica semplice da sviluppare… o no?

Nelle righe che seguono esponiamo i passaggi per utilizzare efficacemente la tecnica del modellamento, nonché su quali aspetti concentrarsi affinché l’apprendimento abbia luogo.

I 9 passaggi della tecnica del modellamento

Sebbene possa sembrare una tecnica eseguibile in qualsiasi modo purché vi sia osservazione, la verità è che il modellamento presenta una procedura altamente sistematica; questo aspetto, d’altra parte, ne garantisce il successo.

Prima di iniziare, è importante discutere gli obiettivi a breve, medio e lungo termine. Che si tratti di comportamenti sociali, stimoli di controllo o di attivazione, potrebbero esserci condotte più facili da apprendere o modificare e altre più difficili.

Occorre quindi stabilire una gerarchia di comportamenti, partendo da quelli più abbordabili in base alle proprie capacità.

L’immaginazione, a sua volta, sarà particolarmente importante in questa tecnica. Si tratta, di fatto, di un’abilità da esplorare prima di eseguire il modellamento.

Preparare la cognizione

Chiariti gli obiettivi, bisognerà rispettare alcuni passaggi per ottenere un modellamento efficace:

  • Spiegazione: conviene spiegare quale abilità si vuole allenare, come parlare in pubblico, inserirsi in un nuovo gruppo, gestire l’ansia, sviluppare l’assertività, combattere la depressione, ritrovare la tranquillità, etc.
  • Modifica di credenze errate: il  modellamento è una tecnica operante che richiede anche tecniche cognitive. Pertanto, la persona potrebbe credere che “parleranno male di me se li saluto” o “penseranno che sono uno strano perché ho cercato di fare amicizia con loro”. Queste convinzioni dovrebbero essere interrotte prima di insegnare alla persona, ad esempio, a mantenere un comportamento sociale senza ansia.
  • Suggerimento attentivo: in relazione all’abilità da insegnare, è necessario dare le dovute istruzioni. Per esempio, se l’abilità è parlare in pubblico, bisogna specificare cosa ci si aspetta da quel comportamento svolto correttamente (il contenuto di ciò che viene detto, lo sguardo, il volume) e le conseguenze che scaturiscono dal controllare se gli altri stanno ascoltando e prendendo appunti. Bisogna essere molto specifici.

Il quinto passo: il ruolo del modello

Nella quinta fase, il modello assume particolare rilevanza perché è la fonte dell’apprendimento osservativo:

  • Performance del modello: l’attenzione e la capacità di acquisizione dell’osservatore vengono testate in questa quinta fase, in cui il modello descrive il proprio comportamento, lo esegue e anticipa verbalmente le conseguenze di tale comportamento.

Ad esempio, il modello può fingere di parlare in pubblico di fronte a una grande folla di persone. Esercitando il comportamento, la persona osserva in che modo si parla in pubblico in modo corretto.

Donna che parla del suo lavoro con un collega.

La tecnica del modellamento: osservatore, tocca a te!

Dal sesto passo, diventa particolarmente importante la figura dell’osservatore o della persona che apprende. I passaggi sostitutivi sono:

  • Descrizione dell’osservatore: nella sesta fase, l’osservatore descrive ciò che ha appena visto, come è stato eseguito il comportamento o l’abilità sviluppata e quali sono le conseguenze che secondo lui avrà il comportamento del suo osservatore sul pubblico immaginario.
  • Esecuzione di quanto osservato: una volta che il comportamento è stato visto dal vivo, è tempo che l’osservatore lo ripeta. Questo viene fatto anche in un ambiente controllato o immaginario.
  • Aiuto e guide dal modello: sebbene ciò non sia sempre necessario, durante la ripetizione dell’osservatore il modello può guidare con opportuni segnali o in modo fisico. Di solito accade quando la tecnica di modellazione viene sviluppata con i bambini.
  • Feedback positivo: bisogna dare un feedback specifico sui comportamenti allenati. Il rinforzo aumenterà le possibilità che il comportamento si sviluppi in modo corretto. Bisogna anche fornire linee guida su come migliorare possibili errori, tuttavia, i rinforzi positivi devono sempre essere forniti per primi.

Se il feedback non può essere fortino in alcun modo. Si consiglia di essere specifici nei commenti (invece di “hai fatto bene”, “il tuo tono di voce è stato appropriato”), concentrarsi sul comportamento e non sulla persona, evidenziare i tentativi e gli sforzi dell’osservatore cambiare e, soprattutto, dare un feedback correttivo sotto forma di suggerimenti specifici, non ordini.

Conclusioni

Seguendo questi passaggi, molto probabilmente la tecnica del modellamento risulterà efficace e la persona acquisirà abilità, abitudini e comportamenti che un tempo rappresentavano ostacoli al raggiungimento del proprio benessere.

Potrebbe interessarti ...
Apprendimento significativo: definizione
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Apprendimento significativo: definizione

David Ausubel ha studiato le differenze tra due diversi approcci educativi e ha sviluppato la sua teoria dell'apprendimento significativo.



  • Olivares, J. y Mendez, F. X. (2014). Técnicas de modificación de conducta (4ª ed.). Biblioteca nueva.
  • Perry, M. A. y Furukawa, M. J. (1987). Métodos de modelado. En F. H. Kanfer y A. P. Goldstein (eds.), Cómo ayudar al cambio en psicoterapia: Un manual de métodos (pp. 167-215). Desclée de Brouwer.
  • Puga, J. L., García, J. G., De la Fuente Sánchez, L., & De la Fuente Solana, E. I. (2007). Las redes bayesianas como herramientas de modelado en psicología. Anales de Psicología/Annals of Psychology23(2), 307-316.
  • Rosenstock, I. M., Strecher, V. J., & Becker, M. H. (1988). Social learning theory and the health belief model. Health education quarterly15(2), 175-183.