Teoria dell'epistemologia ingenua

Come si genera la conoscenza? La risposta non è semplice e dipende in larga misura dalla nostra comprensione di cosa sia la conoscenza stessa. La teoria dell'epistemologia ingenua ci offre alcuni indizi.
Teoria dell'epistemologia ingenua

Ultimo aggiornamento: 18 maggio, 2021

Da dove deriva la conoscenza? Come facciamo a sapere se qualcosa è vero o falso? Domande difficili a cui rispondere, ancora di più ora che le nuove tecnologie ci inondano di così tante informazioni. Per capire come elaboriamo queste informazioni, la teoria dell’epistemologia ingenua ci fornisce un quadro esplicativo di come scegliamo le informazioni che diventeranno conoscenza.

Prima di tutto, è necessario capire che l’informazione è un dato, con qualche elaborazione, ma non deve essere necessariamente una conoscenza. Quei dati diventeranno conoscenza purché li accettiamo come veri. In secondo luogo, affinché si accetti che un’informazione sia vera, non è necessario che sia effettivamente vera.

Per esempio, una persona può sentire parlare della fata dei denti. Dopo aver ascoltato queste informazioni, la persona deciderà se sono vere o false. Se accetta l’esistenza della fata dei denti, che scambia i denti da latte con denaro, avrà generato la conoscenza. Se, al contrario, non crede a questa informazione, rimarrà solo questo, un’informazione, per di più falsa. Pertanto, la conoscenza è l’informazione che accettiamo come vera.

“L’uomo parla di tutto e parla di tutto come se la conoscenza di tutto fosse tutta in lui”.

-Antonio Porchia-

Manichino confuso.

Conoscenza empirica contro conoscenza ingenua

Il modo in cui otteniamo la conoscenza è attraverso la percezione per mezzo dei sensi. Vedere per credere. Se vediamo la fatina dei denti o la sentiamo, generiamo la conoscenza della sua esistenza. Anche il ragionamento avrà un ruolo. Se abbiamo sentito un rumore e pensiamo che potrebbe essere la fatina dei denti, ragioneremo se quel rumore indica veramente la sua esistenza o no.

Esistono, d’altra parte, altri metodi per generare conoscenza. Il metodo più utile finora è il metodo scientifico. La scienza, facendo uso di ipotesi che cerca di falsificare, è in grado di generare conoscenza.

Per esempio, i farmaci che usiamo sono passati attraverso una serie di esperimenti che dimostrano che sono davvero efficaci, ma non, per esempio, le terapie alternative. Se crediamo che questo tipo di terapie siano efficaci o meno, se diventano conoscenza o meno, dipenderà da noi.

Cos’è l’epistemologia?

Come abbiamo visto, ci sono diversi modi di ottenere la conoscenza. La branca della scienza che studia la conoscenza è l’epistemologia. L’epistemologia studia i criteri per cui qualcosa sia considerato vero. Come abbiamo visto, ci sono diversi modi per convalidarlo. Dall’esperienza dei nostri sensi al metodo scientifico.

Esistono quindi diversi tipi di conoscenza epistemologica. Tuttavia, in questo articolo ci concentreremo su un solo tipo, l’epistemologia ingenua. L’epistemologia ingenua è un processo attraverso il quale le persone ottengono una conoscenza soggettiva. Questo significa che essa ci appartiene, è ciò in cui crediamo indipendentemente dal fatto che sia vera e che gli altri siano d’accordo.

Uomo che guarda il muro.

La teoria dell’epistemologia ingenua

Partendo dal presupposto che la conoscenza sia ciò che sappiamo (o pensiamo di sapere), la teoria dell’epistemologia ingenua propone che la conoscenza nasca dalla generazione di ipotesi. In questo modo, generiamo diverse ipotesi e valutiamo la rilevanza di ciascuna di queste ipotesi in base alle prove che abbiamo.

In questo modo, se proviamo un cibo che non abbiamo mai mangiato prima e il giorno dopo ci ammaliamo, possiamo generare diverse ipotesi. Per esempio, che il cibo ha causato la malattia o che la malattia non ha niente a che fare con il cibo ed è dovuta ad altre cause.

Anche se queste due ipotesi non sono le uniche possibili, illustrano bene le regole che si generano da queste ipotesi. Se mangio questo cibo malato o se mangio cibo non malato. Queste due regole sono opposte, quindi avremo incertezza sulla causa della malattia. Per eliminare tale incertezza, dovremo scegliere una delle due ipotesi, che ci porterà a formare una conoscenza.

In questa situazione avremo due opzioni, rimanere senza sapere cosa ha causato la malattia o accettare una delle ipotesi e formare la conoscenza sulla causa della malattia. Ovvero, eviteremo la chiusura cognitiva o la cercheremo. La scelta di un’opzione o dell’altra dipenderà dai benefici e dai costi dell’acquisizione di tali conoscenze. Pertanto, se è molto importante conoscere la causa della malattia, è più probabile che si accetti la prima ipotesi elaborata.

“Una grande conoscenza genera grandi dubbi”.

-Aristotele-

 



  • Kruglanski, A. W. (1989). Lay epistemics and human knowledge: Cognitive and motivational bases. New York: Plenum.
  • Kruglanski, A. W. (2004). The psychology of closed mindedness. New York: Psychology Press.
  • Kruglanski, A. W., & Webster, D. M. (1996). Motivated closing of the mind: “seizing” and “freezing”. Psychological Review, 103(2), 263-283.