Le allucinazioni: a cosa sono dovute?

L'individuo che soffre di allucinazioni somatiche presenta sensazioni corporee anomale o esperienze fisiche.
Le allucinazioni: a cosa sono dovute?

Ultimo aggiornamento: 29 ottobre, 2021

Le allucinazioni sono fenomeni affascinanti. Secondo la definizione della Treccani, un’allucinazione è un fenomeno psichico, provocato da cause diverse, per cui un individuo percepisce come reale ciò che è solo immaginario. Ma a cosa sono dovute le allucinazioni?

La parola “allucinazione” è stata descritta per la prima volta da Lavatar, per riferirsi a “fantasmi e spiriti che popolano la notte”. Successivamente, il termine è stato utilizzato per descrivere un comportamento che la persona vede come adeguato, ma che viene percepito da un osservatore come negligente e sciocco (1).

In senso tecnico, il termine “allucinazione” è stato introdotto per la prima volta nel 1837. Quell’anno lo psichiatra francese Jean-Étienne Esquirol (1772-1840) pubblicò il suo libro di testo intitolato Des Maladies Mentales (2). In esso descriveva con chiarezza il significato della parola.

In sintesi, le allucinazioni possono essere definite come percezioni che si verificano in assenza di uno stimolo esterno corrispondente. Possono coinvolgere qualsiasi stimolo percettivo, dunque esistono diversi tipi di allucinazioni: uditive, visive, tattili, olfattive e gustative.

A cosa sono dovute le allucinazioni?

Non tutti i soggetti che presentano allucinazioni soffrono di un disturbo psicotico. Sembra che le allucinazioni siano di natura psichiatrica e no.

Donna spaventata da allucinazioni.

Uditive

Le allucinazioni uditive sono note anche come paracusia. Sono quindi percezioni di suoni in assenza di stimoli esterni identificabili. Di seguito sono elencate le possibili cause (3):

  • Lesioni periferiche.
  • Apoplessia.
  • Patologie dell’orecchio medio.
  • Patologie dell’orecchio interno.
  • Disturbi del nervo acustico.
  • Disturbo post traumatico da stress (PTSD).
  • Depressione psicotica.
  • Disturbo dissociativo dell’identità.
  • Mania.
  • Delirio.
  • Sincope.
  • Allucinosi alcolica.
  • Schizofrenia.
  • Malformazioni artero-venose.
  • Epilessia del lobo temporale.
  • Lesioni pontine.
  • Disturbi del sistema nervoso centrale (SNC).

Circa il 60-90% dei pazienti con schizofrenia e circa l’80% dei pazienti che soffrono di psicosi affettiva hanno allucinazioni uditive (3). Oltre a ciò, si manifestano nella psicosi sono spesso di natura complessa. Una manifestazione comune è, per esempio, sentire voci.

La persona può sentire due voci diverse che parlano di lei in terza persona. Le voci possono essere percepite come provenienti dall’interno o dall’esterno della testa. Alcune persone che ne sono affette sentono i propri pensieri ad alta voce.

Visive

Le allucinazioni visive si manifestano come percezioni sensoriali visive in assenza di stimoli esterni. (4) Queste false percezioni possono consistere in immagini concrete (persone, per esempio) o immagini non concrete (per esempio, luci) (5). Possono verificarsi in numerosi disturbi (6):

  • Disturbi neurologici.
  • Epilessia.
  • Emicrania.
  • Disturbi del nervo ottico.
  • Lesioni emisferiche.
  • Lesioni al tronco cerebrale.
  • Glaucoma.
  • Narcolessia.
  • Malattie oftalmologiche.
  • Disturbi della retina.
  • Condizioni metaboliche e tossiche.
  • Allucinogeni.
  • Disturbi affettivi.
  • Malattie della retina.
  • Enucleazione.
  • Disturbi della coroide.
  • Anomalie maculari.
  • Formazione della cataratta.
  • Sindromi da astinenza da droghe o alcool.
  • Encefalopatia metabolica e tossica.
  • Disturbo di conversione.
  • Deprivazione sensoriale.
  • Privazione del sonno.
  • Ipnosi.
  • Esperienze emotive intense.

Il DSM-IV-TR considera le allucinazioni visive come diagnosi primaria per alcuni disturbi psicotici. Questi includono schizofrenia e disturbi schizoaffettivi (7).

Allucinazioni olfattive

Le allucinazioni olfattive riguardano gli odori percepiti dalla persona e che non provengono da alcuno stimolo fisico. Possono verificarsi per via di diverse condizioni psichiatriche. Tra queste includiamo:

  • Schizofrenia.
  • Depressione.
  • Disturbo bipolare.
  • Disturbi dell’alimentazione.
  • Abuso di sostanze.

Vi sono anche pazienti che sentono di emettere un odore sgradevole. Questa sindrome è chiamata sindrome da riferimento olfattivo.

Le persone affette da questa sindrome possono tendere a lavarsi eccessivamente, abusare dell’uso di profumi o deodoranti e possono persino tendere a evitare la propria cerchia sociale (8).

Allucinazioni gustative

I pazienti con allucinazioni gustative possono manifestare salivazione, sete o alterazioni del gusto. Queste allucinazioni possono verificarsi quando la fissura silviana che si si estende fino all’insula viene stimolata elettricamente (9).

Analogamente alle allucinazioni olfattive, le allucinazioni gustative sono associate a condizioni del lobo temporale e anche a lesioni dell’opercolo parietale (9, 10).

Tattili

Le allucinazioni tattili possono includere la percezione della presenza di insetti sopra o sotto la pelle o anche di pressione sopra la pelle (11).

Sono pertanto state associate all’abuso di sostanze, tossicità o astinenza (12). Inoltre, questi tipi di allucinazioni sono caratteristici dell’intossicazione da cocaina o anfetamine (11).

Allucinazione tattile.

Somatiche

I pazienti che soffrono di allucinazioni somatiche presentano come sintomi sensazioni corporee anomale o esperienze fisiche.

Per esempio, una persona che ha la sensazione di non avere lo stomaco mentre mangia (11). Queste allucinazioni sono state associate all’attivazione delle aree cerebrali presentate di seguito:

  • Il giro postcentrale.
  • L’opercolo parietale.
  • L’insula.
  • Il lobo parietale inferiore.

Conclusioni

Se ci interroghiamo sulle allucinazioni, la risposta è: esistono tante e diverse cause. A seconda del tipo di allucinazione, si attiveranno precise aree cerebrali e vi sarà un diverso disturbo di fondo.

Per concludere, dipendono in gran parte da altri sintomi che possono guidarci nel risalire alla causa di questi fenomeni.

Potrebbe interessarti ...
Pseudoallucinazioni: definizione e cause
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Pseudoallucinazioni: definizione e cause

Le pseudoallucinazioni sono fenomeni comuni e per lo più non patologici che molti di noi hanno sperimentato qualche volta.



  • Siegel, R. K., & West, L. J. (1975). Hallucinations: Behavior, experience, and theory. John Wiley & Sons.
  • Esquirol, J. D. (1837). 1845. Mental Maladies: Treatise on Insanity.
  • Cummings, J. L., & Mega, M. S. (2003). Hallucinations. Cummings JL. Clinical neuropsychiatry. New York: Grune & Stratton, 19851221-233.
  • Norton, J. W., & Corbett, J. J. (2000, February). Visual perceptual abnormalities: hallucinations and illusions. In Seminars in neurology (Vol. 20, No. 01, pp. 0111-0122). Copyright© 2000 by Thieme Medical Publishers, Inc., 333 Seventh Avenue, New York, NY 10001, USA..
  • Kaplan, H. I., & Sadock, B. J. (1989). Typical signs and symptoms of psychiatric illness. Comprehensive textbook of psychiatry, 1, 538-542.
  • Cummings, J. L., & Miller, B. L. (1987). Visual hallucinations: clinical occurrence and use in differential diagnosis. Western Journal of Medicine, 146(1), 46.
  • SHAPSE, S. N. (2008). THE DIAGNOSTIC AND STATISTICAL MANUAL OF MENTAL DISORDERS i.
  • Ropper, A. H., Samuels, M. A., & Klein, J. P. (2009). Disorders of smell and taste. Adams and Victor’s principles of neurology. 9th ed. New York, NY: McGraw-Hill Companies, 216-224.
  • Ropper, A. H., & Samuels, M. (2009). Epilepsy and other seizure disorders. Adams and Victor’s principles of neurology, 9.
  • Capampangan, D. J., Hoerth, M. T., Drazkowski, J. F., & Lipinski, C. A. (2010). Olfactory and gustatory hallucinations presenting as partial status epilepticus because of glioblastoma multiforme. Annals of emergency medicine, 56(4), 374-377.
  • Nurcombe, B., & Ebert, M. H. (2008). The psychiatric interview. Ebert MH Nurcombe B, Loosen PT, et al, eds. Current diagnosis and treatment: psychiatry. 2nd ed. New York, NY: McGraw-Hill Companies, 95-114.
  • Lewandowski, K. E., DePaola, J., Camsari, G. B., Cohen, B. M., & Ongür, D. (2009). Tactile, olfactory, and gustatory hallucinations in psychotic disorders: a descriptive study. Ann Acad Med Singapore, 38(5), 383-385.