Invalidazione emotiva: quali conseguenze?

L'invalidazione emotiva è uno di quei danni silenziosi che possiamo causarci a vicenda. Silenzioso perché spesso lo facciamo inconsciamente o perché lo subiamo senza che ce ne accorgiamo...
Invalidazione emotiva: quali conseguenze?

Scritto da Elena Sanz

Ultimo aggiornamento: 28 ottobre, 2022

Come vi sentite a condividere con chi vi circonda le emozioni che hanno più peso nel vostro stato emotivo? Vi sentite incompresi e non capiti? In questo caso, è probabile che siate vittime di invalidazione emotiva. Un fenomeno in cui siamo caduti tutti in un determinato momento e che ha conseguenze molto dannose.

Dare valore a un’emozione, sia in prima che in terza persona, consiste nel darle spazio, lasciarla essere, riconoscere che la sua presenza ha un senso nelle circostanze attuali e che svolge una funzione preziosa.

Da questa prospettiva dovremmo relazionarci con tutto ciò che sentiamo. E dovremmo ricevere lo stesso rispetto e accettazione da coloro con cui condividiamo i nostri sentimenti. Tuttavia, molto spesso ciò non accade e altri ci esortano a reprimere, nascondere o cambiare le nostre emozioni.

Che cos’è l’invalidazione emotiva?

L’invalidazione emotiva si verifica quando qualcuno minimizza o respinge le proprie o le emozioni di un’altra persona. Per l’invalidatore, queste emozioni sono incomprensibili, infondate o degne di pochissima considerazione, poiché derivano da un problema dalle conseguenze minime, improbabili o facilmente risolvibili. Una valutazione che rende impossibile l’empatia e rende molto difficile per loro fornire una sorta di aiuto emotivo efficace.

È molto comune che succeda quando esprimiamo emozioni negative. Molte persone hanno difficoltà ad affrontare il disagio degli altri, li mette a disagio, li travolge e non sanno cosa farne, quindi scelgono di sminuirlo. Tuttavia, può verificarsi anche di fronte a emozioni positive; Lo vediamo chiaramente negli adulti che rimproverano i bambini di essere apertamente entusiasti.

Alcune delle frasi che meglio illustrano questa invalidazione emotiva sono le seguenti:

  • “Sei preoccupato per questo?”, “Non è un grosso problema” o “Ecco perché non piangi”.
  • “Devi essere forte”.
  • “Ecco fatto, non è successo niente.”
  • “Ho vissuto cose peggiori.”
  • “Non girarci intorno, sii più positivo”.
  • “Sei drammatico e sopra le righe” o “cerchi solo attenzioni”.
  • “Non essere più triste, esci e divertiti.”

Quasi tutti abbiamo detto queste frasi ad un certo punto senza l’intenzione di ferire l’altro, semplicemente perché non sappiamo cos’altro dire. Ad esempio, quando un bambino cade e gli diciamo “è così, non è successo niente”, cerchiamo di impedirgli di piangere, quando la verità è che è successo qualcosa: è caduto e probabilmente si è fatto male o ha paura. Sebbene la nostra intenzione sia buona, trattando la situazione in questo modo non stiamo prendendo la strada migliore.

Donna triste
La continua invalidazione emotiva porta all’insicurezza.

Le conseguenze dell’invalidazione emotiva

L’impatto maggiore si verifica quando subiamo questa situazione durante l’infanzia, da parte dei genitori e dei nostri tutori primari. Tuttavia, anche le relazioni successive (amicizie, partner, storie d’amore…) possono danneggiarci profondamente quando ci invalidano. Per la vittima, le principali conseguenze dell’invalidazione sarebbero:

Non imparare a regolare le proprie emozioni

Nessuno nasce sapendo gestire i propri stati d’animo; è una competenza che acquisiamo maturando e, soprattutto, grazie all’esempio e alla guida degli adulti. Chi cresce con genitori che invalidano costantemente ciò che sente non impara ad accettare, sentire, esprimere e regolare questi stati emotivi.

Pertanto, è più facile per lui sentirsi sopraffatto e avere reazioni inappropriate. È stato anche scoperto che l’invalidazione emotiva percepita nell’infanzia è correlata al disturbo borderline di personalità.

Dubitare costantemente di se stessi

Le emozioni sono una bussola naturale; Ci dicono come muoverci in base a ciò che sentiamo. Ad esempio, ci permettono di identificare cosa ci piace e cosa ci spaventa, cosa ci ferisce o cosa ci motiva. Tuttavia, quando ci sminuiscono, ci portano a disconnetterci da quelle emozioni e dal loro messaggio.

Ci fanno credere che ciò che sentiamo è sempre sbagliato o inadeguato. Pertanto, non possiamo prenderlo come guida. Così, finiamo per non sapere chi siamo o cosa vogliamo, perché dubitiamo costantemente di noi stessi.

Provare vergogna quando ci si connette con gli altri

Tutti gli esseri umani hanno bisogno di attenzione e connessione emotiva con le altre persone. Ma quando ci invalidano, ci fanno sentire ridicoli per avere quel bisogno di condividere. Sentiamo che provare emozioni ed esprimerle, e volere che l’altro ci accompagni nei sentimenti, è qualcosa di cui vergognarsi.

Pertanto, è probabile che tendiamo a ritirarci e nascondere i nostri stati interni; qualcosa che renderà molto difficile creare relazioni sane e profonde.

Avere difficoltà a sviluppare empatia

Se abbiamo ricevuto questo trattamento fin dall’infanzia, potremmo avere difficoltà a sviluppare empatia, poiché non l’abbiamo ricevuto. È comune che queste persone che sono state invalidate finiscano per fare lo stesso con gli altri, perché è la risposta che hanno imparato.

Privazione di un apprendimento importante

Tutte le emozioni svolgono una funzione e ci danno apprendimento. Ad esempio, la rabbia ci spinge a difenderci, la tristezza a prenderci cura di noi stessi e la paura a essere prudenti. Questi segnali sono fondamentali per svilupparci ogni giorno; ma, se ci siamo disconnessi dai nostri sentimenti, non sapremo come reagire in modo appropriato nei diversi contesti e saremo più esposti allo sbaglio nei nostri confronti e in quelli degli altri.

Per lo stesso motivo, è probabile che sia molto difficile per noi prendere decisioni e tendiamo a pensare troppo. Dal momento che non ci permettiamo di prestare attenzione a ciò che dicono le nostre sensazioni.

Le relazioni diventano controverse

Infine, le conseguenze non riguardano solo la persona invalidata, ma anche la persona che esercita tale azione. E questo perché a nessuno piace sentirsi solo, incompreso o ridicolizzato dagli altri. Pertanto, è comune che gli altri finiscano per allontanarsi o generare un forte risentimento nei confronti di coloro che non sono in grado di empatizzare, connettere e accettare le proprie emozioni quando le esprimono.

Invalidazione emotiva e coppia che litiga.
L’incomprensione e il risentimento nelle relazioni di coppia derivano spesso da esperienze di invalidazione emotiva.

Allontanatevi dall’invalidazione emotiva per migliorare il vostro benessere e le vostre relazioni

Quando siamo cresciuti in un ambiente familiare sano, con un’educazione rispettosa, è molto facile per noi riconoscere quando qualcuno sta cercando di sminuirci e stabilire dei limiti. Tuttavia, quando questa è la normalità con cui siamo cresciuti, potrebbe essere difficile per noi capire come ci stia influenzando.

Pertanto, riflettete sui vostri legami e cercate di capire se state ricevendo (e offrendo) empatia, rispetto e approvazione. In caso contrario, è tempo di mettere in atto alcune modifiche al riguardo. In questo modo non solo migliorererete il vostro umore e la vostra sicurezza, ma le vostre relazioni diventeranno anche più nutrienti e soddisfacenti.

Potrebbe interessarti ...
Il partner che sminuisce: cosa fare?
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Il partner che sminuisce: cosa fare?

Non è consigliabile donare se stessi al partner che sminuisce, ferisce e offusca chi siamo. Scoprite di più.



  • Krause, E. D., Mendelson, T., & Lynch, T. R. (2003). Childhood emotional invalidation and adult psychological distress: The mediating role of emotional inhibition. Child abuse & neglect27(2), 199-213.
  • Selby, E. A., Braithwaite, S. R., Joiner, T. E., Jr., & Fincham, F. D. (2008). Features of borderline personality disorder, perceived childhood emotional invalidation, and dysfunction within current romantic relationships. Journal of Family Psychology, 22(6), 885–893. https://doi.org/10.1037/a0013673
  • Westphal, M., Leahy, R. L., Pala, A. N., & Wupperman, P. (2016). Self-compassion and emotional invalidation mediate the effects of parental indifference on psychopathology. Psychiatry Research100(242), 186-191. https://www.infona.pl/resource/bwmeta1.element.elsevier-6bc341a5-a117-3d69-b6ce-02f7d1326eb7