Le cose semplici che sono diventate complicate

29 agosto, 2020
L'umanità ha gravi problemi da risolvere, non ci sono dubbi, ma è anche vero che molte persone trascorrono buona parte del loro tempo a risolvere piccole difficoltà di poco conto. In alcuni casi, queste nascono da situazioni semplici che all'improvviso sono diventate inspiegabilmente complicate. Ne parliamo in questo articolo.
 

Viviamo in un’epoca di contraddizioni in cui fatti estremamente complessi sono diventati semplici e le cose semplici sono diventate complicate. Al giorno d’oggi è relativamente facile mettere in contatto punti del pianeta distanti, e in pochi minuti, ma ottenere un saluto dal vicino può diventare un’impresa.

Siamo portati soprattutto dal consumismo a rendere complicate le cose semplici, quelle che non avrebbero motivo di essere fonte di preoccupazione. Così come la modernità porta con sé fantastici progressi che dovremmo sfruttare al massimo, è anche possibile imparare a dare valore ad aspetti del passato che possono tornarci utili. Ne presentiamo tre.

L’uomo che ha iniziato a vivere seriamente dentro di sé inizia a vivere in modo più semplice da fuori.

-Ernest Hemingway-

3 cose semplici che sono diventate complicate

1. Mangiare

Mangiare non è a nostra discrezione: se non lo facciamo, moriamo. Fino ad appena qualche decennio fa, il pasto faceva parte delle attività semplici della vita. Le persone mangiavano quel che c’era, cercando di dare la priorità ai cibi più ricchi di nutrienti o più piacevoli al gusto.

Al giorno d’oggi il pasto rientra tra le realtà complicate: praticamente qualunque alimento fa male e la dieta è per alcuni un’ossessione. Latte senza lattosio, caffè decaffeinato, senza zucchero, senza sale, senza farina, senza glutine, carne o grassi; non troppo, ma nemmeno troppo poco; non mischiare questo con quell’altro, etc.

 

Le cose potrebbero essere molto più semplici. Da un lato, è bene tenere a mente che nessun eccesso fa bene, lo sappiamo sin dall’epoca degli stoici e non è cambiato. D’altra parte, meno alimenti ultra-processati mangiamo, meglio è.

Mangiare non può essere considerata una minaccia, ma non è nemmeno un sublime rituale. È molto più semplice di così.

2. Le cose semplici che sono diventate complicate: vestirsi, un cieco incentivo al consumo

Il consumismo ci ha condotti a livelli assurdi. Di sicuro molti sanno che i propri nonni e bisnonni compravano un vestito di rado. I prodotti erano di una qualità talmente buona da poter essere ereditati persino dal fratello minore o passare di padre in figlio.

Le persone cercavano semplicemente un indumento che le coprisse dal freddo o che permettesse loro di stare al fresco in caso di caldo. I criteri per vestirsi erano l’utilità e la comodità. Per questo motivo venivano confezionati e acquistati indumenti duraturi, ben rifiniti e con tessuti di qualità.

Gli indumenti hanno sempre avuto a che fare con l’estetica, non ci sono dubbi, ma i nostri avi davano importanza a quell’aspetto solo in giornate o momenti speciali. Ne era un esempio l’abito della domenica, da usare nei giorni in cui non si lavorava o in un’occasione speciale.

Il mondo contemporaneo ha complicato tutto, soprattutto per alcune persone, estremamente dipendenti o vulnerabili alle opinioni altrui e, quindi, che agiscono per compiacere gli altri. Le mode puntano a rendere gli indumenti obsoleti e a garantire un consumo maggiore. Abbiamo presentato l’esempio perfetto di una cosa semplice oggi divenuta complessa.

 
Donna che fa shopping.

3. Anche divertirsi è diventato complicato

Anche il divertimento rientra nella lista delle cose semplici diventate complicate; ciò potrebbe sembrare assurdo, ma non lo è. Oggi disponiamo di centinaia di alternative per divertirci, ma la verità è che non ci divertono davvero; permettono piuttosto di trascorrere del tempo o intrattengono di tanto in tanto.

Al giorno d’oggi assistiamo a una una gigantesca macchina dello spettacolo che porta avanti personaggi del mondo dell’intrattenimento. Ovviamente tra questi ci sono anche figure di grande talento, ma anche molti cantanti che non cantano, attori che non recitano, scrittori che non sanno scrivere, ecc. In fondo, questa dimensione è un prolungamento della fiera delle vanità.

Una fabbrica di celebrità, molto spesso create in modo forzato, pagate con ingenti somme di denaro per una loro apparizione o per un loro intervento. Molte persone sono oggi spettatrici del divertimento, non ne sono partecipi. Abbiamo dimenticato che una bella chiacchierata, un luogo semplice, il ballo o una buona lettura sono di divertenti.

La parola “divertire” viene dalla radice latina divertere, che significa “fare un giro nella direzione opposta, ricreare”, cosa che non avviene in buona parte delle occasioni di divertimento della nostra epoca. Succede l’opposto, perché siamo immersi in un eterno ritorno delle mode.

 

Il pranzo, l’abbigliamento e il divertimento potrebbero tornare a essere più accessibili e semplici. Forse riuscirci fa parte della strada verso il benessere.

De Bono, E., & Millet, A. S. (2000). Simplicidad: técnicas de pensamiento para liberarse de la tiranía de la complejidad. Paidós.