Grooming: fasi da non sottovalutare

È importante che i più giovani conoscano i pericoli che corrono su Internet se fanno un uso irresponsabile della tecnologia. Uno dei rischi è che diventino vittime di grooming.
Grooming: fasi da non sottovalutare

Ultimo aggiornamento: 23 novembre, 2022

Le fasi di un atto di grooming vi suonano familiari? Sono gli step con cui si manifestano le molestie che un adulto fa ai danni di un minore, utilizzando, in generale, dei mezzi legati alla tecnologia. Così, approfittando dell’uso di social network come Facebook o Instagram, tra gli altri, alcuni adulti molestano i minori.

Per la facilità di camuffare la propria identità o di modificarla a seconda degli interessi, queste persone contattano i giovani per raggiungere un obiettivo ben preciso: l’abuso sessuale.

Associazioni dedicate ai più giovani, non solo trattano in modo approfondito questo nuovo termine per definire questo tipo di molestie sulle reti, ma indicano anche quali sono le fasi in cui si mette in atto il grooming e che non sono da non ignorare.

noltre, cogliamo l’occasione per sottolineare l’importanza che i genitori educhino i propri figli all’uso corretto della tecnologia e gestiscano il tempo che i propri figli trascorrono su Internet o sui social network. Questo è essenziale.

Inoltre, sarebbe l’ideale che ci fosse una buona comunicazione a casa in modo che i minori possano parlare senza problemi di qualsiasi tipo di molestia o persona che potrebbero aver incontrato attraverso i social network. Sappiamo che non è facile, soprattutto quando i giovani sono adolescenti, ma vale la pena fare uno sforzo per evitare molestie su Internet.

Ragazza spaventata dalla toelettatura

1. Fase dell’amicizia, chiave per ottenere informazioni vitali

La prima delle fasi del grooming prevede di instaurare un’amicizia. Dietro un falso profilo, la persona adulta cerca di stabilire un’amicizia con il minore.

Secondo diverse associazioni, gli stalker sono generalmente uomini sposati che approfittano dell’innocenza e della fiducia dei più giovani per sedurli. In effetti, di solito si prendono del tempo per dire la loro età in modo che i minori pensino di loro che non sono così vecchi e quindi inizino facilmente una conversazione. A volte, se scelgono di dichiarare la loro età, lo fanno come dimostrazione di fiducia. Pertanto, stanno avanzando in questa fase.

In questa fase, il molestatore conosce i gusti dei giovani, quali luoghi frequentano abitualmente e, allo stesso tempo, ne analizza i punti deboli.

In questo modo si prepara il terreno per utilizzare in futuro tutte le informazioni che i minori stanno fornendo per manipolarli. Inoltre, la persona dirà al minore di non dire nulla di tutto ciò ai genitori perché non capirebbero. Per questo la comunicazione in famiglia è così importante, perché ciò non avvenga.

“Il fenomeno del grooming è in espansione negli ultimi anni.”

-ABC-

2. Fase di relazione, confessioni personali e intime

La seconda delle fasi di toelettatura va oltre. La persona che è in contatto con il minore inizia a confessarsi e persino a mandare foto del suo volto o con la scusa che il minore gli dice se il vestito nuovo che ha comprato gli va bene. Tutto questo per guadagnare la vostra fiducia e chiedere reciprocità. Ma questi gesti si faranno sempre più intensi.

Questa è una fase molto importante, poiché è qui che i minori inizieranno a credere che la persona dall’altra parte dello schermo sia davvero un loro amico. Ci daranno ancora più informazioni su se stessi, gusti, preferenze… Questa è la fase precedente prima di arrivare dove lo stalker voleva sin dall’inizio. La fase con una componente sessuale.

“L’aggressore finisce per esercitare un controllo emotivo sul minore e, infine, passa al ricatto per scopi sessuali”.

-Paese-

3. Grooming: fase con la componente sessuale, inizia la manipolazione

Siamo giunti all’ultima delle fasi del grooming, nonché alla più delicata. Qui lo stalker inizia già a chiedere alla minorenne o al minorenne fotografie del suo corpo nudo, in esplicite posizioni sessuali, anche video. Questo materiale aiuterà il molestatore a manipolare il giovane in modo che non dica nulla. Tuttavia, in ogni momento i giovani dovrebbero sapere di essere protetti. La legge condanna queste pratiche, poichési tratta di un reato.

Parlare con i bambini fin dalla tenera età ed educarli all’uso responsabile della tecnologia è essenziale. Allo stesso modo, i minori dovrebbero sapere che sono tutelati dalla Legge e che, in qualsiasi momento, possono parlare con i genitori e spiegare cosa sta succedendo.

Ora che i minori hanno Internet, dovrebbero conoscere i rischi che possono correre. Non accettare inviti da estranei e men che meno da profili falsi (senza fotografie, con immagini prese da Google, ecc.) è fondamentale per prevenire il grooming.

Un video sul grooming

Per concludere, vogliamo condividere un video di alcuni anni in lingua spagnola, fa che ha avuto un impatto significativo e che ha dimostrato che è necessario dialogare con i giovani, insegnare loro a usare le tecnologie in modo responsabile e renderli consapevoli delle conseguenze di un uso improprio. Questo è il video e il titolo suona come: La bufala dei social media:

Potrebbe interessarti ...
I social network possono influenzarci?
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
I social network possono influenzarci?

La tecnologia dovrebbe avvicinarci, ma non tutto è rose e fiori. In alcuni casi, i social network possono influenzarci negativamente.