Le migliori frasi di Lovecraft

10 luglio, 2020
Lasciatevi rapire dalle migliori frasi di H. P. Lovecraft, un maestro del terrore, dalla mente tormentata quanto lucida.

H. P. Lovecraft non era solamente una mente tormentata, capace di creare universi terrificanti e angoscianti, ma scrisse anche citazioni degne di una mente lucida, vere perle di saggezza. Vi invitiamo a scoprire in questo articolo le migliori frasi di Lovecraft.

La sua carriera come scrittore fu estremamente breve; interrotta dalla prematura morte all’età di 47 anni. Tuttavia, la sua capacità di sognare universi distopici colmi di terrore ha segnato un gran numero di lettori in tutto il mondo negli ultimi cento anni.

Vi piacerebbe entrare nel cervello di questo autore tormentato? Alcune delle sue frasi più famose sono in gran parte un autentico riflesso della società in cui ha vissuto e della sua visione del mondo. Un aspetto decisamente interessante, che ci spinge a proporci le migliori frasi di Lovecraft.

Le migliori frasi di Lovecraft

La vita sregolata

“La morte è compassionevole perché da essa non v’è ritorno, ma chi emerge, pallido e carico di ricordi, dai recessi della notte, non avrà più pace.”

Per H. P. Lovecraft, la morte era un finale. Per lui, le persone dalla vita sregolata, ovvero quelle dedite all’alcol, al vizio e ai piaceri della notte -secondo una mentalità dei primi anni del XX secolo- erano esseri tormentati e perseguitati che avrebbero trovato pace solo dopo la morte.

Problemi di dipendenza

Il potere della volontà

“Che gli dei misericordiosi, se esistono, ci proteggano nelle ore in cui né il potere della volontà, né le droghe inventate dagli uomini possono tenerci lontani dall’abisso del sonno!”

H. P. Lovecraft non credeva nel potere della volontà per fronteggiare fenomeni che esulano dal potere dell’uomo. In questa frase si riferisce al sonno, ma parla anche delle droghe capaci di allontanarci dalla realtà.

Sebbene metta in dubbio l’esistenza dei poteri divini, sembra comunque voler credere nell’esistenza di qualcosa al di là in grado di dare significato al suo mondo, alle sue debolezze e alla sua incapacità di combattere contro se stesso per superare i propri abissi personali.

L’empirismo dei vincenti

“Gli uomini di più vasto intelletto sanno che non esiste una chiara distinzione tra il reale e l’irreale, e che tutte le cose devono la loro apparenza soltanto ai fallaci strumenti mentali e psichici di cui l’individuo è dotato, e attraverso i quali prende coscienza del mondo. Il prosaico materialismo della maggioranza condanna invece quei lampi di una visione superiore che penetrano il velo comune dell’evidente empirismo.”

Questa lunga frase è sorprendentemente profonda. È probabile che il tormentato autore volesse intendere che solo i chiaroveggenti e le persone dalla mentalità aperta siano in grado di capire che tutto cambia in funzione della personalità del soggetto che osserva.

Forse è per questo motivo che la maggior parte delle persone è condannata a vivere nel materialismo, invece di tentare di vedere le cose per come sono e a cui solo si può giungere attraverso l’esperienza e l’empirismo.

Le migliori frasi di Lovecraft: la paura

“L’emozione più antica e più intensa del genere umano è la paura, e la paura più antica e più intensa è la paura dell’ignoto.”

H. P. Lovecraft capì molto presto l’importanza della paura nell’uomo. Sfruttò come pochi altri questa emozione, senza la quale l’essere umano non sarebbe mai sopravvissuto. Parliamo di uno strumento che ci consente di essere più prudenti e misurati; agendo con il buon senso di fronte all’ignoto e al pericolo; dando priorità alla nostra stessa sopravvivenza.

Donna che abbraccia il partner

Essere se stessi

“Né la morte, né la fatalità, né l’ansia possono generare l’insopportabile disperazione che risulta dalla perdita della propria identità.”

Un’altra delle grandi ossessioni di Lovecraft era quella di essere fedele a se stesso. Nonostante i problemi e le disgrazie accadutegli, cercò sempre di non perdere mai la sua vera identità, sapendo sempre chi era, sia nel bene che nel male.

Le migliori frasi di Lovecraft: l’autore allo stato puro

“Gli uomini di scienza sospettano qualcosa di quel mondo, ma ignorano quasi tutto. I saggi interpretano i sogni, e gli dei ridono.”

Concludiamo con questa frase di H. P. Lovecraft che descrive allo stato puro la sua complessa personalità. Come interpretare questa citazione? In essa si può ravvisare il suo timore per il potere dei grandi dei, la sua passione per l’interpretazione dei sogni e la sua strana opinione riguardo alla scienza e la ricerca. Cosa avrà voluto dire davvero? Solo lui può saperlo…