Le persone che abbiamo perso ci accompagnano

Le persone che se ne sono andate ci accompagnano in infiniti modi se le portiamo dentro al nostro cuore.
Le persone che abbiamo perso ci accompagnano

Ultimo aggiornamento: 15 maggio, 2022

Affrontare la morte di una persona cara è come navigare per un po’ in un oceano tra enormi iceberg. A poco a poco ci risvegliamo, ritorniamo alla vita e al calore del suo rumore per capire che le persone che abbiamo perso ci accompagnano in infiniti modi.

La scrittrice Daphne Du Maurier una volta ha detto che la morte dovrebbe essere come dirsi addio alla stazione dei treni. Dovrebbe concederci un saluto, un momento per scioglierci in un lungo abbraccio in cui non lasciamo nulla in sospeso, infine augurare buon viaggio alla persona amata.

“Tutta la vita è un lasciarsi andare, ma quello che fa più male è non avere l’occasione di salutarsi.”

Sappiamo tutti che nella vita reale non sempre si verificano gli addii idilliaci. Il destino a volte è crudele e ama strapparci i tesori più preziosi: i nostri cari. Questo è il motivo per cui affrontiamo la maggior parte delle nostre perdite con un mix di rabbia, dolore e indefinibile incredulità.

Si dice spesso che dopo la morte di una persona cara più che vivere sopravviviamo, ci limitiamo a muoverci controcorrente come se fossimo i protagonisti di uno strano esito vitale. Questo modo di intendere il lutto non è dei migliori.

Siamo obbligati a ricostruire le nostre vite, a rendere le nostre giornate un bellissimo omaggio a chi ancora vive nei nostri cuori, alla persona che ci ha lasciato preziosi insegnamenti e che continua ad accompagnarci in diversi modi.

Luna piena.

Chi è ancora con noi non merita di perderci

A volte non esitiamo a guardare in alto ricordando chi abbiamo perso. Tuttavia, non sono così lontani; non ci separano né un intero cielo né uno spesso muro. Vivono in un angolo prezioso del nostro cervello emotivo, fusi nel palazzo delle nostre anime e in quella metà del nostro cuore che guida ogni battito.

L’essere umano è fatto di ricordi, esperienze ed eredità emotive che lo modellano  e lo spingono ad avanzare nonostante le perdite. Nel suo libro Livelli di vita Julian Barnes ha scritto che dopo la morte della moglie ha preso consapevolezza di diversi elementi. Il primo è che il mondo è diviso tra chi ha vissuto il dolore per la morte di una persona cara e chi non l’ha fatto.

Ha scoperto questo esempio tramite un amico, che con tatto gli ha detto che uno dei vantaggi di perdere la moglie è che ora può fare quello che vuole. Questo ha fatto stare Barnes molto male, che intende la vita come un luogo condiviso con la moglie.

Donna di palazzo sulla schiena e le persone che abbiamo perso.

La seconda lezione che Julian Barnes ha imparato sulla morte è che vale la pena di vivere nonostante il vuoto sanguinante, nonostante la metà del letto sia vuota.

Restare fermi è come perdere di nuovo la persona amata, che vive ancora dentro di noi e che chiede di essere onorata attraverso la felicità, i ricordi e i nuovi sorrisi.

Le persone che abbiamo perso saranno sempre con noi

Non si tratta di lasciarci alle spalle i cari defunti, bensì ricostruire il nostro presente per permetterci un futuro più completo in cui ricordi e nuove esperienze formino un tutt’uno.

“Il mare è vestito di velluto, e il mare profondo è dipinto a lutto”

-Ruben Dario-

Il dottor Jamie Turndorf propone una strategia molto utile non solo per affrontare il dolore, ma anche per notare i modi in cui i nostri cari ci accompagnano ogni giorno, coloro i quali siamo stati costretti a lasciar andare.

Le persone che abbiamo perso.

Connettersi emotivamente con la memoria per ridurre il dolore giorno dopo giorno

La strategia che propone il Dr. Turndorf è semplice e catartica. Si basa su un dialogo interiore adeguato in cui chiudere possibili questioni in sospeso, sanare le ferite e trarre giovamento dall’eredità emotiva che la persona amata ci ha lasciato.

  • Impedire alla mente di ricordare solo gli ultimi momenti, fare in modo che la memoria sia saggia e selettiva e si alimenti ogni giorno di momenti felici, sorrisi, complicità. La gioia di ieri ci motiverà nel presente.
  • Parla con le persone che abbiamo perso, dire loro che ci mancano, ma accettarne la lontananza. Spiegare che a volte risulta estremamente difficile, ma poi i loro insegnamenti offrono la forza necessaria.

Questo dialogo interiore può essere di grande aiuto, è come creare angoli privati in cui guarire giorno dopo giorno e avanzare sapendo che l’amore non muore mai. Un’emozione eterna che dona conforto e una luce imperitura. Lasciamo che ci circondi, che ci offra calore mentre sorridiamo di nuovo.

Immagini per gentile concessione di Catrin Welz-Stein

Potrebbe interessarti ...
La morte di un genitore: come affrontarla?
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
La morte di un genitore: come affrontarla?

La morte di un genitore è uno dei momenti più complessi nella vita di una persona. Non importa quanti anni abbiamo quando viene a mancare.