La buona educazione è quella che inizia con il migliore esempio

· 8 gennaio 2016

C’è chi dice che questa vita è così complessa, egoista e piena di ingiustizie, che è meglio non mettere figli al mondo, per risparmiare loro l’infelicità.

Sono i padri, le madri e gli educatori, gli incaricati di offrire al mondo brave persone. Bambini felici che, in un domani, abbiano le ali spiegate e il coraggio sufficiente per trasformare il mondo, per renderlo più nobile e giusto. Si tratta forse di un’utopia?

L’educazione non è solo trasmettere nozioni, insegnare a parlare o ad attraversare la strada.

Educare è insegnare ad essere persone. Sono proprio i genitori il riflesso da cui iniziare a comprendere il mondo attraverso lo sguardo di un bambino, il quale impara più dagli esempi che non dalle parole.

Se pensiamo ad esperienze passate della nostra infanzia che ci sono rimaste in mente, sicuramente sono molti i momenti che ricordiamo essere stati segnati dall’incongruenza.

Padri e madri che predicavano una serie di valori, che essi stessi non hanno mai messo in pratica, neanche con noi. Valori come il rispetto, il riconoscimento, il saper ascoltare.

Man mano che cresciamo, notiamo questo divario tra le parole e le azioni effettive e ne soffriamo. Genitori come questi non sono stati un buon esempio, e ora non facciamo altro che dirci “non devo comportarmi come loro, non devo commettere i loro stessi errori”.

Essere un buon esempio per i bambini facilita le cose. In questo modo, il loro mondo si fa più armonico e integro, senza incoerenze che li disorientino, e colmo invece di valori a cui appoggiarsi per vedere la realtà in modo più autentico. Oggi vi invitiamo a rifletterci su.

Come essere un buon esempio per i bambini

miglior educazione 2

Non bisogna ossessionarsi con l’idea di essere il migliore degli esempi per i figli. Si tratta semplicemente di essere persone equilibrate e coerenti, in grado di amare abbastanza per capire che l’educazione è la migliore delle sfide che si possano affrontare.

Nessuno è infallibile, nessuno cammina per il mondo senza commettere errori. L’educazione è un atto d’amore frammentato in 365 giorni l’anno e 24 ore al giorno. Non c’è tregua, solo speranza, coerenza e la necessità di mettere al mondo persone felici.

Torniamo ora alla domanda che avevamo posto poco fa: è forse un’utopia voler mettere al mondo persone coraggiose e felici, in grado di cambiare il mondo? Assolutamente no.

Tale potere si trova nelle nostre mani, nella nostra capacità di dare alla luce bambini che diventino adulti dignitosi, in grado di rendere la realtà più integra attraverso le loro caratteristiche e abilità.

Come riuscirci? Vi diamo qualche idea.

Conoscete bene voi stessi

Non avete bisogno di riflettere infinite virtù per essere un buon esempio per i vostri figli. L’importante è avere una buona conoscenza di se stessi per gestire in modo adeguato gesti, atti, parole, emozioni e comportamenti.

  • Le persone lunatiche o dal comportamento mutevole non danno sicurezza ai bambini: questi ultimi, infatti, non sanno più a che indicazione dare retta e si rendono diffidenti. Se oggi li lusingate con delle promesse e domani non le compiete e, inoltre, li punite, i bambini soffriranno di instabilità emotiva.
  • Quanto più coltiverete la vostra auto-conoscenza, meglio gestirete le emozioni ed il comportamento. Capirete la necessità di essere coerenti, di dare il giusto esempio, di rappresentare un equilibrio quotidiano che abbracci e conforti. Senza alte e basse maree di affetto.

Permettete ai vostri figli di seguire il vostro esempio per diventare esseri unici

I sistemi educativi attuali stanno fornendo alla nostra realtà persone uguali: bambini a cui viene insegnato a pensare e ad agire allo stesso modo, ad essere come gli altri, ad avere le stesse cose degli altri, per paura della diversità.

Dare l’esempio significa essere consapevoli delle parole pronunciate. Dare l’esempio significa anche che vostro figlio deve acquisire il meglio da voi e trasformare quest’eredità in un beneficio personale, per crescere unico e con un’identità propria.

miglior educazione 3

È bene che questo vi risulti chiaro: dare l’esempio non significa aspettarvi che i vostri figli siano la vostra copia. Si tratta di mostrare loro ciò che è corretto, di insegnar loro cose che saranno utili per diventare persone felici e, allo stesso tempo, in grado di dare felicità ad altri.

  • Dare l’esempio è accendere l’intelletto e ravvivare le emozioni di riconoscimento e di reciprocità.
  • Dare l’esempio è offrire l’anima. È mostrare che parole e gesti vanno nella stessa direzione. È insegnare che le persone devono essere responsabili di ciò che dicono e mature quando agiscono.
  • Dare l’esempio è permettere che il bambino trovi l’armonia nel primo scenario sociale, cioè la famiglia. Tale equilibrio e tali valori ricevuti lo aiuteranno a diventare unico e speciale, con una voce propria per poter cambiare il mondo.

Immagini per gentile concessione di Claudia Tremblay