I legami che ci tengono legati sono gli stessi che ci impediscono di volare

· 19 giugno 2017

Se mi sento bloccato, non potrò decollare, non potrò volare; se non mi sento libero, le mie ali non potranno mai aprirsi. Sapendo questo, perché ci sono persone che continuano a restare aggrappate a relazioni che le consumano? La risposta può trovarsi nella necessità di essere amati, considerati e valorizzati.

La paura della solitudine o dell’isolamento sarebbe alla base della dipendenza emotiva, che contribuisce a creare legami troppo stretti e rigidi. Le persone che soffrono di questo disturbo non riescono ad immaginarsi senza una relazione affettiva o qualcuno che soddisfi di continuo le loro necessità emotive. Nel momento in cui si sentono sole o pongono fine ad una relazione, ne cercano subito un’altra, per paura di sentirsi indifese o abbandonate.

Quando desideriamo volare, vogliamo sentirci leggeri, vogliamo avere un nido al quale fare ritorno, il nostro porto sicuro. Tuttavia, una volta ottenuto, cominciamo a decollare per vedere cosa c’è fuori dal nido, cercando di godere del nostro volo.

Se creiamo vincoli deboli o dannosi, non ci sarà possibile volare perché quei legami ci impediranno di arrivare in alto ed osservare le cose da un nuovo punto di vista. Restando attaccati al nido, non riusciremo a vedere quello che ci sta attorno.

Le decisioni, non le necessità, ci rendono persone forti, intere e sicure.

Avere una buona autostima è un tassello fondamentale del puzzle

I fattori che portano le persone a creare unioni così rigide e sabotatrici della loro libertà di scelta sono:

  • Difficoltà a prendere decisioni per sé stessi
  • Bisogno costante di affetto e interesse da parte degli altri
  • Bassa autostima
  • Bisogno dell’approvazione degli altri
  • Difficoltà a chiudere le relazioni sentimentalidipendenza emotiva

Di queste, la caratteristica più importante in grado di attivare da sola tutte le altre, sembra essere la bassa autostima. Le persone con bassa autostima tendono a sentirsi deboli e indifese, non si fidano del loro criterio di giudizio e per questo hanno bisogno di trovare fuori quella sicurezza.

Se siamo in grado di farci forti e di costruire una buona autostima, avremo stabilito le basi per arrivare ad ottenere una buona relazione sentimentale. Quando ci sentiamo sicuri di noi stessi, siamo capaci di decidere quello che vogliamo e in quale momento. Questo ci permette di liberare le nostre ali e trovare il nostro posto.

Due persone forti e indipendenti potranno prendere la decisione di iniziare un cammino insieme tenendo conto dei pro e dei contro della relazione che stanno costruendo. In questo modo, saranno in grado di prendere le migliori decisioni: la base della loro storia sarà costruita su una buona autostima ed un buon giudizio, e non su necessità o vincoli deboli e ansiogeni.

Un lavoro introspettivo per spiegare le ali

Lavorare sulla dipendenza verso gli altri è un compito personale, di ricerca interiore. Cosa mi manca? Cosa ho bisogno di trovare negli altri? Queste potrebbero essere le domande chiave. Avere uno spazio tutto per noi all’interno della relazione ci dà tempo per domandarci se quello che l’altro sta apportando è quello di cui abbiamo bisogno o che meritiamo.

Se non ci prendiamo questo spazio o non ci diamo la libertà di pensare e restare da soli, non potremo dare valore a quello che abbiamo né riflettere su quello che vogliamo. E, ancora più importante, non troveremo mai la libertà di poter decidere se vogliamo volare o restare dove siamo.

ragazza vuole volare

La dipendenza emotiva ci rende difficile apprezzare noi stessi poiché ricercando fuori quello che ci manca, non riusciamo a lavorare introspettivamente. Fermatevi un attimo a pensare se vi sentite felici, se vi sentite valorizzati, se vi sentite aiutati ad essere migliori, se la persona con cui state vi dà stimoli o, viceversa, vi frena.

Il pensiero determinante alla base di un vincolo emotivo sano dovrebbe essere uno solo: potremmo vivere senza il nostro partner, ma ci siamo resi conto che stiamo meglio con lui/lei. Decisione, e non necessità. È questo che ci rende persone forti, intere e sicure. Sforziamoci di lavorare sulle nostre ali, chiamate autostima, dandoci la libertà di volare e di scegliere.