Lo psicologo dello sport: ruolo e funzione

· 29 Maggio 2019
Esiste più di una ragione per la quale ogni sportivo potrebbe trarre beneficio dall'aiuto di uno psicologo dello sport.

Lo psicologo dello sport aiuta a migliorare il rendimento e la sensazione di benessere degli sportivi. Questo grazie alle sue conoscenze e alle strategie riguardanti gli aspetti psicologici in ambito sportivo.

La psicologia è una scienza che abbraccia diverse branche. Ognuna di esse studia diversi aspetti dell’individuo. Lo sport è un’attività dalle grandi implicazioni psicologiche. Esiste più di una ragione, quindi, per la quale ogni sportivo potrebbe trarre beneficio dall’aiuto di uno psicologo dello sport.

Grazie a questi professionisti, gli sportivi possono contare su una valutazione, un orientamento e un intervento basati su aspetti psicologici. Il tutto al fine di migliorare i livelli di rendimento e la sensazione di benessere.

La psicologia dello sport si concentra sulle emozioni, i pensieri e i comportamenti dello sportivo. Aspetto che si ripercuote sul rendimento e sul benessere.

Nel corso di questo articolo, esamineremo le funzioni più rilevanti dello psicologo dello sport, oltre ai benefici apportati dal suo lavoro.

Valutazione e diagnosi: funzioni centrali di uno psicologo dello sport

Tra le funzioni principali di uno psicologo dello sport spiccano la valutazione e la diagnosi dello sportivo. La valutazione realizzata è denominata psico-sportiva, poiché con essa si considerano tanto gli aspetti sportivi quanto quelli psicologici:

  • Osserva il comportamento. Analizza l’ambiente nel quale si manifesta, così come le emozioni e i pensieri connessi.
  • Identifica. Individua le condizioni associate a ogni comportamento assunto dallo sportivo.
  • Colloquio. Realizza diversi colloqui per definire la condotta da assumere, nonché i pensieri e le emozioni dello sportivo che influiscono sul rendimento e sul suo benessere. A tale scopo si ricorrere a test psicologici, questionari di verifica e altre tecniche indirizzate a conoscere lo sportivo in tutti i suoi aspetti vitali.

Dopo aver realizzato il colloquio e individuato gli aspetti cognitivo-comportamentali ed emotivi, lo psicologo sportivo formula la diagnosi.

Questa gli serve per delimitare il campo sul quale lavorare. Con il passare del tempo, tuttavia, potranno essere inclusi altri aspetti da trattare.

Test psicologia

Psicoeducazione

Lo psicologo sportivo è responsabile anche della psicoeducazione. Con l’esercizio di tale funzione, mostra allo sportivo diverse strategie per potenziare il suo rendimento attraverso diversi metodi educativi.

La psicoeducazione può essere introdotta in diversi momenti del processo terapeutico. L’importante è che lo sportivo apprenda. E che, a poco a poco, interiorizzi gli insegnamenti per applicarli in futuro.

Attraverso il processo psicoeducativo, si forniscono informazioni allo sportivo in diversi ambiti che influiscono sulla sua prestazione sportiva. Informazioni che riguardano il vincolo con la società, il lavoro, la famiglia, la salute e il mondo emotivo, tra gli altri.

Lo psicologo dello sport e la pianificazione

Una volta terminato il processo di valutazione e diagnosi, lo psicologo dello sport passa alla fase di pianificazione. Vediamo come:

  • Sceglie le prove psicotecniche, insieme ad altri strumenti e tecniche da utilizzare. Così come il fine della loro applicazione.
  • Attua strategie per scambiare informazioni con i diversi soggetti coinvolti. Per esempio, genitori, famiglia, la comunità etc.
  • Pone mete chiare e realistiche. Le accorda con le persone con cui lavorerà a livello terapeutico.
  • Stabilisce le date e la distribuzione delle ore per raggiungere gli obiettivi.

Lo psicologo dello sport è dunque un grande organizzatore. Deve distribuire il tempo terapeutico e le diverse attività per raggiungere gli obiettivi del suo intervento.

Oltre a ciò, si incarica di consigliare i suoi clienti affinché capiscano a fondo i dettagli del processo di intervento. E, allo stesso tempo, capiscano anche come rendere positivo ogni passo intrapreso verso il progresso sportivo. In tal modo, lo sportivo sarà più incline all’intervento psicologico.

Intervento psicologico

L’intervento è il punto chiave. Con esso, infatti, si concretizzano i progetti pianificati al fine di ottenere un rendimento maggiore e il benessere dello sportivo. Si tratta, dunque, del passo fondamentale verso il raggiungimento delle mete stabilite.

Con il suo intervento, lo psicologo dello sport utilizza un gran numero di strategie, tecniche e strumenti diversi per raggiungere gli obiettivi stabiliti.

Tale progresso avviene sempre per mano dello sportivo, della sua squadra e della comunità.

Per ottenere il risultato stabilito, il professionista deve conoscere a fondo lo sport su cui si concentrerà e le persone con cui lavorerà. Per questo, è essenziale adattarsi alle persone su cui interviene e all’ambiente nel quale si muovono.

Indagare e promuovere la salute

Lo psicologo dello sport può dedicarsi anche alla ricerca. Ciò può avvenire da una prospettiva pragmatica, dopo aver terminato il processo terapeutico con uno sportivo, o da una prospettiva accademica, focalizzata sulla psicologia dello sport come scienza.

Così, nonostante la giovane età di questa branca della psicologia, disponiamo già di diverse ricerche. possiedono già diverse indagini. Alcune, per esempio, sottolineano la relazione tra i fattori psicologici e la vulnerabilità alle lesioni.

Inoltre, lo psicologo dello sport può dedicarsi anche alla promozione e alla prevenzione della salute. In questo senso, si dedica alla pianificazione di strategie associate al mondo dello sport volte a migliorare la salute e prevenire le malattie.

Benefici apportati da uno psicologo dello sport

A qualsiasi amante dello sport che desideri migliorare il proprio rendimento, quello della sua squadra o promuovere lo sport nella comunità, uno psicologo dello sport può apportare i seguenti benefici:

  • Maggiore motivazione
  • Pianificazione di mete e strategie per migliorare
  • Maggiore autostima
  • Gestione equilibrata delle emozioni
  • Contare su un progetto di vita relazionato allo sport
  • Individuare situazioni pericolose
  • Aiutare nella gestione di stress e ansia
  • Aumento del rendimento
  • Favorisce la prevenzione e il recupero dalle lesioni
  • Migliora la capacità di lavoro in gruppo

Naturalmente, non tutti gli psicologi possono dedicarsi a questa branca della psicologia. Per esercitarla con efficacia, è necessaria la specializzazione nel settore.

Lo psicologo dello sport può lavorare con sportivi, squadre di alto rendimento, allenatori, professori, genitori o comunità.

Con le proprie capacità professionali, può aiutare a migliorare il rendimento sportivo e, in tal modo, contribuire a una vita migliore dello sportivo.

  • Olmedilla, A., García, C., & Martínez, F. (2007). Factores psicológicos vulnerabilidad a las lesiones deportivas: un estudio futbolistas. Revista de psicología del Deporte, 15 (1), pp. 37-52.
  • Weinber, R.S. & Gould, D. (2010). Fundamentos de la psicología del deporte y el ejercicio físico. Cultura, Ciencia y Deporte, 5 (15), pp.207-208.