Lobo occipitale: struttura e funzioni

7 Dicembre 2019
La nostra comprensione del mondo si basa quasi esclusivamente sul senso della vista. Il lobo occipitale elabora gli stimoli visivi, analizzando distanze, forme, colori e movimenti.

Fate un respiro profondo e guardate cosa vi circonda in questo momento, senza fretta. Il mondo è pieno di bellezza, di piccole sfumature che compongono la nostra eccitante realtà. Se siamo in grado di percepire ogni stimolo visivo intorno a noi, lo dobbiamo principalmente al lobo occipitale, un’area del nostro cervello all’altezza del collo.

È sorprendente come quest’area, pur essendo la più piccola tra i lobi cerebrali, influisca maggiormente sulla nostra vita quotidiana. Il suo scopo principale può sembrare semplice: ricevere le informazioni attraverso gli occhi per poi elaborarle e inviarle al lobo frontale affinché quest’ultimo emetta una risposta.

Ebbene, se analizziamo attentamente quello sguardo che abbiamo rivolto all’ambiente circostante, ci accorgeremo che questo compito non è affatto facile. Quando il nostro cervello osserva gli stimoli, avvia un gran numero di meccanismi. Analizza le distanze dalla nostra posizione, i movimenti, nonché le dimensioni, ed elabora anche la luce (colore).

Lo facciamo senza esserne consapevoli, e presenta un’elevata complessità neurologica, richiede un’assoluta precisione con la quale il lobo occipitale ci permette di muoverci efficacemente nel nostro vivere quotidiano. È piccolo, ma altamente specializzato ed efficiente. Scoprite meglio questa affascinante area del nostro cervello.

«Il cervello è l’organo più complesso dell’universo. Abbiamo imparato molto sugli altri organi umani. Sappiamo come il cuore pompa il sangue e come lavorano i reni. Fino a un certo livello, siamo riusciti a leggere i caratteri del genoma umano. Ma il cervello ha 100 miliardi di neuroni. E ciascuno di essi possiede circa 10.000 connessioni.”

-Francis Collins-

Lobo occipitale nel cervello umano

Lobo occipitale: posizione e struttura

Il lobo occipitale si trova nella parte posteriore della corteccia cerebrale. Occupa più o meno il 12% della neocorteccia e si collega a sua volta con la corteccia visiva primaria, di associazione e con la scissura calcarina, una circonvoluzione che si trova proprio al suo interno. Tutte queste connessioni lo rendono il centro neurale della visione umana e della percezione visiva.

Va segnalato che, come tutti i lobi cerebrali, possiede un emisfero sinistro e uno destro. Tuttavia, sono isolati l’uno dall’altro dalla fessura cerebrale, che si poggia a sua volta sul cervelletto e sulla dura madre.

Funzioni e aree del lobo occipitale

La nostra comprensione del mondo si basa quasi esclusivamente sul senso della vista. Il lobo occipitale elabora gli stimoli visivi in modo permanente, analizzando distanze, forme, colori, movimenti… Tutto quello che raggiunge la retina passa attraverso questo centro di analisi ed elaborazione, il quale invia le informazioni alla corteccia cerebrale. Tuttavia, per effettuare questo passaggio di informazioni, esse devono prima passare attraverso alcune aree. Vediamole qui di seguito.

  • Corteccia visiva primaria o diciassettesima area di Brodmann, (BA17). Ci troviamo nella regione più posteriore del lobo occipitale, nota anche come V1. Una lesione in quest’aera non permetterebbe al soggetto di vedere, in quanto non sarebbe in grado di elaborare alcuno stimolo, pur se le retine e gli occhi fossero in ottime condizioni.
  • Corteccia visiva secondaria (area di Brodmann 18) o V2. Qui si estende la corteccia pre-striata e quella inferotemporale. La prima, oltre a ricevere le informazioni dalla corteccia visiva primaria, è anche responsabile di stimolare la memoria; permette di associare gli stimoli visivi ad altri stimoli visti in precedenza. Da parte sua, la corteccia inferotemporale ci permette di riconoscere ciò che vediamo.
  • Corteccia visiva terziaria (area di Brodmann 19) o V3, V4 e V5. Questa area riceve le informazioni dalle strutture precedenti. La sua funzione principale è quella di elaborare il colore e il movimento.
Vista e connessioni neuronali

Lesioni al lobo occipitale

Cadute, incidenti stradali, ictus, infezioni… Le conseguenze provocate da lesioni o alterazioni del lobo occipitale possono essere enormi e persino permanenti, come rivelato da uno studio condotto presso l’Università di Nihon, Tokyo, Giappone . Vediamo quali sono gli effetti più comuni.

Visione cieca

La visione cieca, o cecità corticale, compare come conseguenza di una lesione bilaterale nella corteccia visiva primaria. I pazienti con questo problema vedono le forme in maniera confusa, vaghi stimoli di cui non possono riconoscere né la forma né il colore, né la situazione e nemmeno se si muovono o meno.

Allucinazioni visive

Una lesione in quest’area del cervello può produrre un fenomeno tanto impressionante quanto sorprendente: le allucinazioni visive. Può succedere che la persona percepisca l’ambiente circostante in modo distorto, con colori strani, dimensioni falsate, troppo grandi o troppo piccole…

Epilessia

Il Dipartimento di Neurologia della Yale University nel New Haven, spiega attraverso questo studio, la relazione tra il lobo occipitale e l’epilessia. In questo caso in il paziente, dopo essere stato esposto a un flash di luce intensa, può sperimentare un attacco epilettico dato dalla sovrastimolazione dei neuroni in quest’area. Si tratta pertanto di una forma di epilessia legata a questa particolare parte del cervello.

Encefalogramma per analizzare il cervello

Per concludere, occorre sottolineare che il lobo occipitale può essere legato ad altri meccanismi che vanno oltre la visione. I neurologi pensano che potrebbe anche essere coinvolto persino nella memoria, ma al momento non disponiamo di studi conclusivi.

Nei prossimi anni e nella misura in cui scopriremo tutti i misteri del cervello umano, potremo disporre di maggiori risposte e conoscenze più ampie.

Kandel, E.R.; Schwartz, J.H.; Jessell, T.M. (2001). Principios de Neurociencia. Madrid: McGraw Hill.

Joseph, R (2011) Temporal Lobes: Occipital Lobes, Memory, Language, Vision, Emotion, Epilepsy, Psychosis. University Press

Kandel, E., Schwartz, J. Jessell, T. Principles of Neural Science. 3rd edition. New York: NY. Elsevier, 1991.

Westmoreland, B. et al. Medical Neurosciences: An Approach to Anatomy, Pathology, and Physiology by Systems and Levels. New York: NY. Little, Brown and Compay, 1994.