Lucidità terminale, perché succede?

È noto che alcune persone con demenza recuperano improvvisamente lucidità poco prima di morire. Questo fenomeno è noto come lucidità terminale e la scienza non è ancora in grado di spiegarlo del tutto.
Lucidità terminale, perché succede?

Ultimo aggiornamento: 24 maggio, 2022

La lucidità terminale è un fenomeno di cui si parla fin dai tempi di Ippocrate, il medico greco vissuto quattro secoli fa. È interessante notare che si tratta di uno degli eventi meno studiati dalla scienza nonostante la sua rilevanza.

La maggior parte delle informazioni su questo argomento è di natura aneddotica, sebbene siano state condotte alcune ricerche in merito.

Si parla di lucidità terminale quando il paziente con demenza, in particolare morbo di Alzheimer, diventa improvvisamente lucido poco prima di morire. Da un momento all’altro, ricorda tutto quello che aveva dimenticato e si comporta in modo più naturale, come se non avesse mai avuto problemi. Poco dopo, muore.

Questo fenomeno è di grande importanza, poiché sembra indicare che le demenze sono reversibili. Così come che il problema riguarda il corretto accesso alle informazioni, non la perdita delle stesse.

Finora non è stato possibile spiegare perché si verifica la lucidità terminale, ma ci sono diverse ipotesi al riguardo. Parliamo di tutto questo nelle righe che seguono.

“Dico che dovremmo divertirci. Il paziente sta parlando. Di’ quello che vuoi dire, ascolta quello che hanno da dire. Perché questo momento trasforma la vita. È quasi un regalo. Sia che la morte o il miglioramento arrivino domani, vivremo per il domani.”

-Di solito Madeiros-

Lucidità terminale: alcune testimonianze

Marito saluta la moglie in ospedale.
La lucidità terminale appare spesso nelle persone con demenza.

Le testimonianze sulla lucidità terminale abbondano tra i parenti di persone affette da diverse demenze. Anche nelle case di cura e negli ospedali. Alcune di questi casi sono stati condivisi anche su giornali e social network, diventando famosi.

Tra questi, una donna che soffriva di Alzheimer, assistita dalla figlia e dai nipoti. Un giorno, tra lo stupore della famiglia, riacquistò la lucidità. Disse alla figlia che tutto sarebbe andato bene il 31. Esattamente il 31 agosto, è morta dopo due giorni di conversazioni con la famiglia, felice di averla potuta salutare.

Altro caso noto è stato quello di un’altra paziente terminale che, poco prima di morire, sembrava molto assonnata. La famiglia sperava che non morisse prima dell’arrivo di due dei nipoti che desideravano salutarla anche se incosciente.

Sorprendentemente, quando sono arrivati, ha aperto gli occhi, ha detto una preghiera per ciascuno di loro e poi è morta.

Perché si recupera la lucidità?

Non siamo certi del  motivo per cui alcune persone presentano lucidità terminale. Anche la frequenza di questo fenomeno non è nota, poiché molti più pazienti sembrano venire a mancare senza passare da questo stato di ritrovata coscienza.

Alcuni ricercatori pensano che dipenda da un intenso rilascio di ormoni, come l’adrenalina e altri, quando l’organismo è vicino alla morte. Questa sovrapproduzione potrebbe causare potenti effetti nel cervello, al punto da attivare i neuroni e ciò porterebbe al recupero della lucidità.

Tuttavia, questa ipotesi presenta un problema: la scienza ci dice che le malattie neurodegenerative come l’Alzheimer provocano la morte dei neuroni. Come è possibile che si riattivino all’improvviso? La rigenerazione è esclusa. Allora a cosa si deve?

Lucidità terminale: la mente e il cervello

Neuroni nel cervello.
L’attivazione di alcuni neuroni sembra includere la lucidità terminale.

Un’altra ipotesi sul fenomeno della lucidità terminale indica che questa sarebbe un’espressione della distanza tra la mente e il cervello. Il cervello non è la mente, e la mente non è il cervello.

Il neuropsichiatra Peter Fenwick, autore del libro L’arte di morire, indica che la mente è una realtà che fa parte di una coscienza universale.

Il cervello, invece, è paragonabile a un televisore. Sarebbe come il dispositivo che cattura i segnali della coscienza universale, ma non ha la capacità di produrli. E proprio come un televisore, mostra segnali provenienti da essa, anche se non lo fanno.

Quando il cervello non funziona correttamente, trasmette segnali in modo distorto. Così, poco prima della morte, si connette con la coscienza universale, la mente, e poi smette di distorcerne i segnali. Emerge così quella che è nota come lucidità terminale, che sarebbe una riconnessione tra cervello e mente.

Conclusioni

Nessuna delle ipotesi avanzate può essere completamente verificata, almeno non ancora. La lucidità terminale è in genere fugace e non dà neanche il tempo di studiarla. Sarebbe anche immorale, dal momento che il paziente non è nelle condizioni di dare il consenso.

Allo stesso modo, uno studio di ricerca potrebbe interferire con quel momento quasi “sacro” in cui la persona sul punto di morire riesce a riconnettersi con il mondo e con i suoi cari.

Potrebbe interessarti ...
Nebbia mentale e corretta alimentazione
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Nebbia mentale e corretta alimentazione

Forse vi sarà capitato di provare una sensazione di confusione o mancanza di lucidità mentale. Questo fenomeno è conosciuto come nebbia mentale.



  • Arráez, V., Barneto, C., & Arráez, E. (2021). Atendiendo el proceso de morir. Human@ s-Enfermería en Red, (2), 22-24.
  • Parnia, S., & Fenwick, P. (2002). Near death experiences in cardiac arrest: visions of a dying brain or visions of a new science of consciousness. Resuscitation52(1), 5-11.