Mi sveglio ogni notte alla stessa ora: perché succede?

Vi svegliate ogni notte alla stessa ora? In tal caso, dovreste sapere che è un fenomeno comune e che può essere dovuto a diversi fattori. Scopriamo quali.
Mi sveglio ogni notte alla stessa ora: perché succede?

Scritto da Valeria Sabater

Ultimo aggiornamento: 06 novembre, 2022

Sono le 3:30 del mattino e i miei occhi si aprono automaticamente. Perché mi sveglio ogni notte alla stessa ora? Molte persone si pongono questa domanda. Lo fanno sentendo come il loro ciclo del sonno viene improvvisamente interrotto a una certa ora. È come se il cervello avesse una sveglia interna che lo costringesse a passare improvvisamente dal mondo onirico alla coscienza.

Alcuni lo attribuiscono a fattori soprannaturali o addirittura spirituali. Alcuni pensano che questo risveglio periodico sia una questione di ansia. Ancora di più, la spiegazione potrebbe risiedere nei cicli di purificazione effettuati dall’organismo, secondo la medicina cinese.

Non mancano le più svariate teorie e speculazioni su questo argomento. Ora, una cosa è chiara: qualsiasi interruzione del riposo notturno si traduce in stanchezza e disagio.

Non possiamo ignorare che i risvegli improvvisi e cronici rientrano anche nei disturbi del sonno. E se la nostra qualità della vita risente di questo fatto, conviene applicare strategie adeguate per poter conciliare un riposo profondo, continuo e di qualità.

Scopriamo cosa c’è dietro questo fenomeno e cosa possiamo fare.

Uomo con insonnia che guarda l'orologio

Perché mi sveglio ogni notte alla stessa ora?

Qualsiasi risveglio nel cuore della notte o il semplice fatto di svegliarsi ore prima del solito orario è una forma di disturbo del sonno. Ci sarà chi dopo quel risveglio potrà tornare a dormire; tuttavia, in media, è abbastanza difficile tornare a quel sonno profondo. Tutto questo si traduce in un graduale deterioramento dell’equilibrio fisico e psicologico.

Così, presto, sorgono problemi di memoria e concentrazione, la tipica nebbia mentale che provoca insonnia e, ovviamente, il rischio di soffrire di un problema di salute. Quindi, quando mi chiedo perché mi sveglio alla stessa ora ogni notte, la prima cosa che devo capire è che potrei avere un problema.

Soprattutto se il tempo che mi ci vuole per riaddormentarmi va ben oltre la mezz’ora. Scopriamo quali possono esistere le cause dietro questo fenomeno.

Lo stato ipnogeno e il perché mi sveglio

Chiamiamo architettura onirica la forma e le caratteristiche che definiscono ogni fase di questo periodo. Pertanto, ciascuna di queste fasi attraversa una parte della veglia, quindi della sonnolenza, da lì al sonno leggero, alla fase III del sonno lento e, infine, alla fase REM.

Uno dei motivi per cui possiamo svegliarci sempre alla stessa ora è lo stato ipnogeno. È il momento tra la fine di un ciclo e l’inizio di uno nuovo : il passaggio dal sonno alla veglia.

  • Se andiamo a letto sempre alla stessa ora, è possibile che anche i nostri primi cicli finiscano alla stessa ora della notte.
  • La particolarità è che ci sono persone che si svegliano per qualche secondo e poi si rigirano sul cuscino per continuare a dormire. Altri invece si svegliano completamente e la prima cosa che fanno è guardare l’ora.

Insonnia nel cuore della notte

L’insonnia notturna è un disturbo del sonno che viene anche definito sonno bifasico. Consiste in un’improvvisa irruzione nel mezzo del ciclo di riposo, che fa dividere la notte in due parti. L’origine sarebbe in un’alterazione della melatonina, l’ormone che facilita il sonno notturno.

Quindi, un fatto comune è che questo risveglio inaspettato si verifica quasi sempre nello stesso periodo di tempo.

Perché mi sveglio alla stessa ora di notte? Ansia e ipervigilanza

Quando attraversiamo periodi di forte stress e ansia, è comune sperimentare risvegli notturni. Inoltre, potrebbe essere il fatto che ci svegliamo sempre alla stessa ora. Come può essere?

In generale, le persone con un disturbo d’ansia sperimentano un alto livello di attivazione fisica ed emotiva che si accumula durante il giorno e rimane dormiente di notte.

Tutta quell’ipereccitazione non si attacca solo al corpo. Il cervello è sempre in uno stato di allerta, con la sensazione che dobbiamo scappare o difenderci da qualcosa. Pertanto, è comune svegliarsi a causa di un’elevata ansia nel cuore della notte, avvolti da sudore, tachicardia e una sensazione di soffocamento.

Il fatto che il tempo coincida più o meno è dovuto al fatto che la mente si è abituata a riportarci alla coscienza in una determinata ora della notte.

Donna sopraffatta dal risveglio nel cuore della notte

Problemi di salute

Perché mi sveglio alla stessa ora di notte?.. Di fronte a questa domanda, e soprattutto, se sperimentiamo questo fenomeno in maniera ricorrente, è meglio rivolgersi al nostro medico. È importante considerare che possono esserci diverse alterazioni fisiologiche in grado di orchestrare questi improvvisi risvegli nel cuore della notte.

In media, possono essere causati dalle seguenti condizioni:

  • Apnea notturna.
  • Reflusso gastroesofageo.
  • Alterazioni ormonali.
  • fluttuazioni del glucosio.

Per concludere, dato questo curioso fenomeno di risvegli ricorrenti allo stesso tempo, è importante non rimanere solo aneddotici o eclatanti. Se è qualcosa di cui soffriamo continuamente, è importante conoscerne la causa e migliorare la nostra igiene del sonno. Dormire bene, è vivere meglio.

Potrebbe interessarti ...
Igiene del sonno: 7 regole per dormire meglio
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Igiene del sonno: 7 regole per dormire meglio

igiene del sonno: una serie di raccomandazioni che mirano a uno stile di vita salutare e un sonno più rigenerante ed efficace.



  • Ramar, K.; Olson, E.J. (2013). Management of Common Sleep Disorders. American Family Physician, 88(4): pp. 231 – 238.
  • Richter, H.G.; Torres-Farfán, C.; Rojas-García, P.P.; Campino, C.; Torrealba, F.,; Serón-Ferré, M. (2004). The circadian timing system: making sense of day/night gene expression. Biological Research, 37(1): pp. 11 – 28.
  • Stampi, C., Moffitt, A., Hoffman, R. (1990). Leonardo da Vinci‘s polyphasic ultrashort sleep: A strategy for sleep reduction? I. Sleep architecture. Sleep Research, 19, 408.
  • Stampi, C., Davis, B. (1991). Forty-eight days on the ―Leonardo da Vinci‖ strategy for sleep reduction. Performance behaviour with three hours polyphasic sleep per day. Sleep Research, 20,
    471.