Microaffermazioni, il potere di far star bene gli altri

Avete mai subito una microaggressione? È un fenomeno molto comune. Invece, il fenomeno opposto sono le micro-dichiarazioni, piccoli atti con cui far sentire apprezzati coloro che ci circondano. Scoprite come riuscirci.
Microaffermazioni, il potere di far star bene gli altri

Scritto da Valeria Sabater

Ultimo aggiornamento: 18 novembre, 2022

Far stare bene qualcuno non costa molto, ma non tutti si impegnano. Forse non ci riusciamo perché la vita va molto veloce, le pressioni sono tante e anche perché l’interesse personale supera il benessere collettivo. Eppure, quante realtà cambierebbero se facessimo la nostra parte per convalidare l’identità, il valore e gli sforzi di coloro che ci circondano, applicando delle microaffermazioni tutti i giorni?

Inoltre, se c’è un fenomeno che purtroppo si verifica spesso, sono le microaggressioni. Questo fenomeno riguarda quelle interazioni sottili, ma chiaramente dannose che cercano di screditare, sottovalutare e persino attaccare qualcuno a causa del suo sesso, della razza o dell’orientamento. Questa è un’esperienza che si verifica troppo spesso negli ambienti di lavoro.

Dovremmo invece praticare le cosiddette microaffermazioni, cioè comportamenti volti a favorire la valutazione dell’altro. Dopotutto, non c’è sensazione più confortante che sentirsi sostenuti e percepire, attraverso piccoli gesti, di essere accettati e apprezzati. Che ne dite di imparare ad applicare questa semplice arte della convivenza e dell’apprezzamento?

“Conosco il motivo per cui qualcuno sorride. Conosco il motivo per cui qualcuno si sente amato e crede nella bontà delle persone”.

-Roy T. Bennett-

Amici che parlano in ufficio scambiandosi micro-affermazioni
Chiedere a qualcuno come si sente oggi è una forma molto potente di microaffermazione.

Microaffermazioni, come fare la differenza nelle nostre relazioni

Solo noi sappiamo quanto spesso ci sentiamo persi, soli e stressati nella nostra vita quotidiana. Ci sono giorni in cui tutto pesa e la vita per noi è in salita. Tuttavia, a un certo punto, qualcuno ci sorride e, con nostra sorpresa, ci dice che “oggi sembriamo particolarmente belli”. Forse è una bugia, ma… Perché non ammetterlo? Ci fa sentire meglio.

La stessa cosa accade quando iniziamo un nuovo lavoro o quando stiamo avanzando nell’apprendimento di qualche area o materia. Una parola di sostegno, la più semplice, funge da meraviglioso rinforzo. Allo stesso modo, non c’è niente di così catartico per chi affronta un problema o una situazione stressante, come quel volto che, con sincerità, si presta ad aiutarci.

Le microdichiarazioni sono eleganti rinforzi comunicativi che cercano di generare benessere negli altri. Sono l’antitesi delle microaggressioni e il loro obiettivo è aprire le porte alla connessione, incoraggiare l’ascolto, incoraggiare il dialogo e promuovere l’inclusione e la cura. Così una ricerca dell’Università di Agder, in Norvegia, mette in luce qualcosa a riguardo.

Nel processo di recupero psicologico di una persona, le piccole cose che integriamo nella nostra comunicazione verbale o non verbale hanno un impatto molto importante sul benessere e sul recupero di qualcuno.

In altre parole, le microaffermazioni non sono solo utili nei nostri contesti quotidiani, ma sono anche particolarmente efficaci in ambito clinico. Vediamo come incoraggiarle.

Un modo per mettere in pratica delle microaffermaioni è dare un feedback alla persona di fronte a noi. Prestare attenzione con gli occhi, praticare l’ascolto attivo e porre domande migliora la connessione e funge da gesto di cura e rispetto per l’altro.

1. Sorridere con gli occhi: microaffermazioni non verbali

C’è qualcosa di più potente del contatto visivo nelle nostre interazioni con gli altri. Sorridere con gli occhi (o sorriso di Duchenne) implica essere in grado di trasmettere positività, approvazione e sincerità attraverso gli occhi. È un gesto molto semplice, eppure nulla è così significativo come essere guardati e trasmettere un sincero apprezzamento.

Al contrario, se al lavoro, in famiglia o in qualsiasi altra situazione, troviamo persone che nemmeno ci guardano quando ci parlano, è devastante.

2. Invitate chi è in disparte a partecipare

Vi è mai capitato di trovarvi in un gruppo di amici o colleghi di lavoro e improvvisamente di accorgervi che c’è qualcuno che tace sempre o addirittura si allontana? Quando percepiamo che qualcuno può sentirsi escluso, incoraggiamolo a partecipare. Solo un “cosa ne pensi, Marco?”, “cosa ne pensi, Rebecca?”.

3. Microaffermazioni preziose: un “come stai, come va?”

Sono in tanti a chiederci come stiamo, ma non tutti restano a sapere cosa diciamo. Le microaffermazioni sono utili quando invitano all’interazione, alla connessione e all’ascolto attivo.

Pertanto, se chiediamo a qualcuno come sta andando la sua vita, aspettiamo una risposta. Rallentiamo e affrettiamoci, convalidare è soprattutto dare presenza all’altro.

4. Annuite quando parlate con qualcuno e mostrate interesse facendo altre domande

A volte, quando parliamo con qualcuno, siamo pienamente consapevoli che le loro menti sono altrove. Questi gesti feriscono e infrangono la fiducia.

Per questo, quando stiamo conversando con una persona, è positivo affermare con la faccia, sottintendendo che comprendiamo ciò che ci sta spiegando. Inoltre, e per rafforzare la comunicazione, non esitate a porre loro domande.

5. Difendete ed evitate i pettegolezzi

Lo scopo delle microdichiarazioni è promuovere l’inclusione, il rispetto e la convivenza. Per questo motivo non possiamo ignorare il fatto che prendersi cura e rispettare qualcuno implichi anche prendersi cura di quella persona quando non è presente. Cosa significa? Significa che se terzi diffondono critiche o pettegolezzi su quella figura, noi agiamo da contenimento e disattiviamo quei comportamenti.

Il rispetto e la convivenza impongono di porre fine alle critiche, ai pregiudizi e a quelle voci avvelenate che tanto contaminano ogni scena sociale.

Tutti noi siamo costretti a lavorare ed esplorare noi stessi per identificare e ridurre al minimo i comportamenti micro-aggressivi.

Persone che lavorano in squadra che si scambiano micro-dichiarazioni
Le micro-dichiarazioni rendono più forte un gruppo di lavoro.

6. Offriamo microrinforzi per i comportamenti e gli sforzi compiuti

Abbiamo sottolineato all’inizio che a tutti noi piace sentirsi dire, a volte, che “quanto sei bello oggi” o “quanto sei bello”. Tuttavia, qualcosa che agisce come un rinforzo del benessere e dell’autoefficacia è sentirsi dire che stiamo facendo qualcosa di giusto.

Frasi come “amo il lavoro che hai fatto”, “nessuno fa cose come te”, “lo sforzo che hai fatto è valso la pena” dovrebbero essere nel nostro repertorio comunicativo .

Questi tipi di espressioni sono molto più credibili e utili perché supportano l’autostima e la propria visione di sé. Dopotutto, non siamo isole solitarie e tutti abbiamo bisogno di qualcuno che dica ogni tanto qualcosa di positivo.

Tutti i nostri scenari sociali e persino le nostre relazioni migliorerebbero se stabilissimo una cultura micro-affermativa. Pensiamo che, se durante la giornata l’unica cosa che riceviamo sono “microaggressioni”, quell’aggressività smetterà di essere piccola per essere un grosso problema.

Nessuno merita questo tipo di dinamica, facciamo uno sforzo e creiamo territori più nutrienti in termini di rispetto, connessione emotiva e convivenza. Ogni sforzo è valsa la pena.

Potrebbe interessarti ...
Incoraggiare chi si ama
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Incoraggiare chi si ama

Chi ci ama non ci sminuisce né ci limita. Incoraggiare chi si ama è un'ulteriore dimostrazione di affetto.



  • Estrada M, Young GR, Nagy J, Goldstein EJ, Ben-Zeev A, Márquez-Magaña L, Eroy-Reveles A. The Influence of Microaffirmations on Undergraduate Persistence in Science Career Pathways. CBE Life Sci Educ. 2019 Sep;18(3):ar40. doi: 10.1187/cbe.19-01-0012. PMID: 31441717; PMCID: PMC6755308.
  • Topor, A., Bøe, T.D. & Larsen, I.B. Small Things, Micro-Affirmations and Helpful Professionals Everyday Recovery-Orientated Practices According to Persons with Mental Health Problems. Community Ment Health J 54, 1212–1220 (2018). https://doi.org/10.1007/s10597-018-0245-9
  • Williams MT. Microaggressions: Clarification, Evidence, and Impact. Perspect Psychol Sci. 2020 Jan;15(1):3-26. doi: 10.1177/1745691619827499. Epub 2019 Aug 16. PMID: 31418642.
  • Williams, M.T., Skinta, M.D., Kanter, J.W. et al. A qualitative study of microaggressions against African Americans on predominantly White campuses. BMC Psychol 8, 111 (2020). https://doi.org/10.1186/s40359-020-00472-8