Non ti amo più: come dirlo?

Smettere di amare qualcuno significa affrontare la sfida di parlare con quella persona e dire una cosa difficile: non ti amo più.
Non ti amo più: come dirlo?

Ultimo aggiornamento: 24 febbraio, 2022

Con il suo caratteristico umorismo, Woody Allen ha detto: “Una relazione è come uno squalo, sai? Deve muoversi costantemente, altrimenti muore. E penso che quello che abbiamo tra le mani sia uno squalo morto”. In questi casi è giunto il momento di dire: non ti amo più.

Tutti noi abbiamo amato e conosciamo le conseguenze emotive della delusione che si prova quando qualcuno ci dice che non ci ama più, così come il dolore che si prova quando si pronunciano queste parole.

Il “cuore spezzato” è stato trattato in letteratura, filosofia, cinema, psicologia e molti altri ambiti, eppure quando ci riguarda in prima persona, rimaniamo senza parole.

Associamo il crepacuore a qualcosa di negativo: la rottura di una relazione è intesa come un fallimento personale e sociale; seguono schemi che assomigliano a uno stato di lutto per la morte di una persona cara. Avere il cuore spezzato è legato a un sentimento di abbandono.

I segreti del “cuore spezzato”

Una coppia può attraversare momenti di crisi, ma alcune crisi non hanno soluzione. Non dimentichiamo che una relazione è viva e può cambiare per molte ragioni.

Quando arriva il momento di mettere fine a una relazione e dire “non ti amo più”, rabbia, dolore e isolamento prendono il sopravvento e ci sentiamo piccoli e traditi.

Secondo John Cacioppo, direttore del Center for Cognitive and Social Neurology dell’Università di Chicago, Stati Uniti. “Siamo stati progettati per instaurare legami ed è molto doloroso porvi fine perché la persona di cui ci fidavamo e in cui credevamo ci delude”.

“Sebbene nulla possa riportarci l’ora dello splendore nell’erba, della gloria nei fiori, non dobbiamo addolorarci, perché la bellezza sussiste nella memoria”

-William Wordsworth-

Il cuore spezzato

Quella del cuore spezzato è una delle metafore più utilizzate per esprimere la sofferenza emotiva a seguito di rottura. È scientificamente provato che quando ci si lascia si verifica un calo della frequenza cardiaca al di sotto dei 60 battiti al minuto, soprattutto nei primi giorni dopo la separazione.

La rottura di coppia, di fatto, può provocare la cosiddetta sindrome del cuore spezzato o sindrome tako-tsubo.

Il gruppo di ricerca di Núñez-Gil (2012) la descrive come una cardiomiopatia apparentemente effimera che produce un grado variabile di disfunzione ventricolare, prevalentemente sinistra e, per definizione, reversibile. È occasionalmente correlata a situazioni stressanti”.

La Spanish Heart Foundation (FEC) afferma che “è comune trovarsi in presenza di sindrome tako-tsubo a seguito di evento stressante forte e improvviso”.

Evidenzia, in questi casi, l’assenza di fattori di rischio cardiovascolare come ipertensione, diabete, dislipidemia o fumo.

Cuore spezzato.

Dolore al corpo

Secondo uno studio olandese pubblicato sulla rivista Psychological Science, quando ci dicono “non ti amo più, si attivano le stesse aree cerebrali del dolore fisico; vi è dunque una relazione tra sentimenti e dolore fisico.

Perdere un partner quando si è innamorati

Secondo vari studi scientifici, perdere un partner quando siamo innamorati è simile a quello che si prova quando si perde una persona cara. Questa perdita attiva le stesse aree del cervello legate al dolore.

Perché non posso piangere?

Non ti amo più: le probabilità di rottura

L’antropologa Helen Fisher afferma che il quarto anno di relazione di solito è il momento in cui la coppia è unita dall’amore e non dall’innamoramento basato sulla semplice attrazione.

Modi per dire non ti amo più

È molto difficile dire a qualcuno “non ti amo più”. È importante prima riflettere sui sentimenti che si provano e sulle motivazioni che ci hanno spinto a terminare la relazione.

Non c’è un momento buono per farlo sapere all’altra persona, ma è importante essere onesti e sinceri. Quando si comunica la notizia al partner, è fondamentale mantenere un atteggiamento sincero e, soprattutto, ascoltare attivamente l’altra persona.

La conversazione dovrebbe svolgersi faccia a faccia e senza deviazioni, per mostrare rispetto. È positivo mostrare convinzione, empatia e ascolto.

Compagno e non ti amo più.

Se l’altra persona non accetta la situazione o ci rimprovera o ci critica, bisogna lasciarla parlare e ascoltarla, ma rimanere saldi nella decisione.

Bisogna saper evitare ricatti emotivi, ecco perché è così importante meditare in anticipo sulla decisione. Usare un tono di voce fermo e una postura eretta aiutano a trasmettere il messaggio con sicurezza e danno la sensazione di essere pienamente convinti.

È molto importante essere onesti e comprensivi e dire ciò che si pensa e si prova in modo gentile. Dire “non ti amo più” richiede molto coraggio.

This might interest you...

Superare la fine di una relazione
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Superare la fine di una relazione

Possiamo cadere in una spirale di inerzia e malessere. In questi casi superare la fine di una relazione sembra impossibile.