Pensiero convergente: cos'è e quali vantaggi

Il pensiero convergente usa la logica, la ragione e l'esperienza per fornire rapidamente la soluzione giusta. Scoprite come funziona, quando usarlo e i suoi vantaggi principali.
Pensiero convergente: cos'è e quali vantaggi

Ultimo aggiornamento: 07 luglio, 2021

Sicuramente avrete sentito parlare del pensiero divergente o creativo, ma che dire del pensiero convergente? Sapete in cosa consiste o quando lo applichiamo?

La realtà è che ci sono molteplici modi di pensare, di riflettere e di arrivare a conclusioni più o meno affidabili. Scegliere il migliore è di per sé un’abilità che migliora con l’esperienza e l’apprendimento.

Oggi ci concentreremo sul pensiero convergente, basato sulla logica che ci aiuterà a risolvere i problemi con soluzioni uniche. Volete saperne di più? Continuate a leggere!

Che cos’è il pensiero convergente?

Nel 1967, lo psicologo americano Joy Paul Guilford propose due nuovi tipi di pensiero: il pensiero divergente e il pensiero convergente.

Egli definì il pensiero convergente come la capacità di dare la risposta corretta a una domanda ordinando logicamente le informazioni disponibili. In altre parole, sarebbe la capacità di risolvere problemi o rispondere a domande senza richiedere una grande abilità creativa.

Un esempio di pensiero convergente sarebbe il pensiero che usiamo per eseguire operazioni comuni, come l’addizione.

Donna che usa il pensiero convergente.

Attraverso il pensiero convergente, seguiamo modelli stabiliti e abituali per la soluzione dei problemi. Attraverso questo tipo di pensiero non “andiamo oltre” (come faremmo con il pensiero divergente, che spiegheremo più avanti) per applicare la strategia che abbiamo usato in precedenza nello stesso senso e campo in cui l’abbiamo già usata.

Al contrario, il pensiero divergente è stato definito come un approccio o risoluzione dei problemi attraverso la ricerca di nuove strategie e soluzioni. È stato anche chiamato pensiero creativo o pensiero laterale.

Secondo Guilford, i processi di innovazione alternano entrambi i tipi di pensiero. D’altra parte, uno degli obiettivi di questo tipo di pensiero è trovare soluzioni più efficaci.

Come funziona il pensiero convergente?

Come abbiamo visto, potremmo dire che il pensiero convergente sia l’antagonista del pensiero divergente (creativo).

Questo pensiero non si concentra su tutte le possibilità (e anche quelle che richiedono più immaginazione) del problema, ma cerca di trovare la soluzione più appropriata in modo rapido e preciso.

A tale scopo, usiamo le informazioni che crediamo ci aiuteranno a risolvere il problema, ma non immaginiamo scenari alternativi o atipici, come faremmo con il pensiero divergente. In tal senso, dunque, è un pensiero piuttosto ristretto.

Quando è più utile?

Sebbene possa sembrare più limitante perché non si nutre di immaginazione o creatività, può essere molto utile in certe situazioni.

Per esempio, in quelle situazioni in cui è possibile trovare un’unica risposta corretta, a cui si arriva attraverso un processo decisionale (o applicando la logica).

Cosa lo caratterizza?

È un tipo di pensiero che di solito ci dà risposte con poca incertezza. Inoltre, si basa sulla ragione e la logica, e con essa si ricorre alle informazioni disponibili per trovare rapidamente una risposta molto precisa (con il minor consumo di tempo possibile).

D’altra parte, il pensiero convergente è legato alla conoscenza che abbiamo già a disposizione. Questo perché quando lo applichiamo, usiamo i dati in modo standardizzato.

Infine, come caratteristiche da evidenziare troviamo che attraverso di esso usiamo anche un altro tipo di pensiero, il pensiero critico. Quest’ultimo si basa su informazioni, conoscenze precedenti, logica, statistiche e probabilità.

Vantaggi del pensiero convergente

Quali sono i vantaggi di usare questo tipo di pensiero e non un altro? Andiamo a conoscere due dei più importanti:

Perfetto per i problemi che non richiedono una soluzione migliore

Il pensiero convergente può anche aiutarci a prendere decisioni. Secondo lo psicologo Oscar Castillero, il processo decisionale comprende tutti quei processi attraverso i quali un soggetto prende la determinazione di selezionare una delle molteplici opzioni possibili tra quelle presentate. Per fare questo, la persona si basa su un gran numero di fattori che entrano in gioco.

Usare questo pensiero nella vita quotidiana è molto utile per la maggior parte dei problemi: guarderemo la mappa ogni giorno per andare da casa al lavoro? Continueremo a cercare una ricetta per migliorare quello stufato che sembra già ottimo?

In questo modo, ci sono momenti in cui non abbiamo bisogno di risultati migliori; le soluzioni e le strategie che già conosciamo sono sufficienti. È qui che il pensiero convergente ci dà fiducia e si presenta come la scelta migliore.

“Spesso qualsiasi decisione, anche quella sbagliata, è meglio di nessuna decisione”.

Donna che cammina per strada.

Sfrutta poche risorse cognitive

Usare strategie che già conosciamo fa risparmiare energia mentale. Sono sentieri o percorsi conosciuti, percorsi che abbiamo già esplorato e quindi prevedibili.

Se sentiamo freddo, sappiamo che accendere il riscaldamento lo farà passare. Se la nostra schiena ci dà fastidio, sappiamo che lo stretching ci donerà sollievo. Questi tipi di azioni vengono eseguiti quasi automaticamente.

Questo pensiero è quindi molto semplice nella sua applicazione. Con esso prendiamo moltissime decisioni al giorno di cui non siamo nemmeno consapevoli.

Imparare e pensare

Il pensiero convergente può essere utile in molti casi, e conoscere le sue caratteristiche può aiutarci a migliorarne l’uso e l’efficacia.

Esistono molti tipi di pensiero, e l’utilità di ognuno di essi, la scelta di quale sia migliore o peggiore, dipenderà dalle variabili circostanziali, dal nostro scopo e dalla natura del problema stesso.

L’importante sarà analizzare bene il contesto, conoscere le possibilità di risposta (e se non esistono, crearle, dare potere alla nostra immaginazione), sviluppare un piano d’azione ed eseguirlo per raggiungere la risposta desiderata.

Sbaglieremo di continuo, ma per fortuna gli errori ci consentono di imparare e crescere.

Potrebbe interessarti ...
Pensiero astratto: cos’è e a cosa serve?
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Pensiero astratto: cos’è e a cosa serve?

Il pensiero astratto "è ovunque" e offre grandi vantaggi. Quali sono e in che modo questa forma di pensiero differisce da quello concreto?



  • Espino, O.G. (2004) Pensamiento y razonamiento. Pirámide.
  • Manktelow, K. (1999). Reasoning and Thinking. Psychology Press.
  • Naqvi, N.; Shiv, B.; Bechara, A. (2006). The role of emotion in decision making: a cognitive neuroscience perspective. Current Directions in Psychological Science. 15 (5): 260–264.