Persone anticonformiste e il loro vuoto

Le persone anticonformiste sentono che nulla le soddisfa, quindi cercano continuamente qualcosa che le faccia sentire bene senza successo, in quanto si sentono perennemente insoddisfatte.
Persone anticonformiste e il loro vuoto

Ultimo aggiornamento: 22 settembre, 2021

Le persone anticonformiste sentono che nulla le soddisfa; è come se un’enorme sensazione di vuoto inondi le loro vite. “La mia giornata è pura routine, faccio sempre le stesse cose. Sento che niente mi motiva abbastanza e quindi non ho voglia di fare nulla”.

“Insieme alla mia bassa motivazione, non mi sento né bene né male, non sono capace di vivere gioia o tristezza, mi trovo in una terra di mezzo, mi sento apatico, la vita mi passa davanti senza che io ne prenda parte”. ” Mi sento vuoto dentro”. È la testimonianza di una persona che riferisce di sentirsi vuota, apatica, che non ha voglia di alzarsi dal letto mattina.

Sentirsi vuoti è una delle peggiori sensazioni che possiamo provare: è estenuante sentire che nulla ci riempie o ci motiva abbastanza per continuare a vivere.

Sono molte le persone anticonformiste che provano questa sensazione di vuoto a un certo punto della loro vita.

Quando diventa uno stato abituale, suona un campanello d’allarme: c’è qualcosa che non va potremmo aver bisogno dell’aiuto di un professionista per superarlo.

“Le grandi malattie del nostro tempo sono la mancanza di direzione, la noia e la mancanza di significato e scopo”.

-Víktor Frankl-

Da dove deriva il vuoto delle persone anticonformiste?

La noia, l’apatia e il vuoto che provano le persone anticonformiste possono indurre a cercare di riempirlo con attività che impediscono loro di pensare. Oppure vivendo situazioni e trascorrendo del tempo con persone le cui emozioni sono così forti da essere in grado di riempire in modo fittizio il vuoto che provano.

Ad esempio, alcune persone trovano conforto nelle sostanze che creano dipendenza, come le droghe e l’alcol, lo shopping o mangiano in maniera ossessivo-compulsiva.

Quando il vuoto esistenziale non viene affrontato nel modo giusto, la persona che sente quel vuoto dentro probabilmente proverà a riempirlo con tutto ciò che gli fa provare forti emozioni.

Tuttavia, nessuna di queste alternative rappresenta una soluzione definitiva: sono solo palliativi momentanei che servono solo ad aumentare ulteriormente la sensazione di vuoto interiore.

Le persone anticonformiste sono continuamente alla ricerca di qualcosa che le soddisfi senza successo, non si sentono mai soddisfatte di nulla, finiscono sempre per aver bisogno di qualcosa di più.

“È buffo constatare che più la vita è vuota, più pesa.”

-Leon Daudí-

Persone conformiste: come possono riempire il loro vuoto?

Riconoscere il vuoto

“Accettare quanto accaduto è il primo passo per superare le conseguenze di qualsiasi disgrazia”, ​​afferma William James, filosofo e psicologo americano. Con questa frase l’autore vuole dirci che il primo passo per superare ciò che accade è riconoscere di avere un problema.

Invece di rifiutare ciò che ci accade o cercare di nasconderlo rifugiandosi o perpetrando dei comportamenti dannosi, è più appropriato iniziare accettando che ci sentiamo vuoti e che abbiamo bisogno di dare un senso alla nostra vita.

Consentire a se stessi di sentirsi vuoti

A volte è meglio lasciare che il vuoto e l’apatia ci inondino. Se abbiamo bisogno di essere tristi, lasciarci andare e piangere; se ci sentiamo arrabbiati, dare sfogo alla rabbia. Ricordate che dare spazio alle emozioni negative può aiutarci a sentirci meglio.

“La tristezza e l’oscurità possono essere molto belle e curative”.

-Duncan Sheik-

Persone anticonformiste: conoscere se stessi

Lo diceva già Socrate quando affermava “conosci te stesso per prenderti cura della tua vita, per essere in grado di autogovernarti”.

Le persone anticonformiste che sentono un vuoto emotivo che le porta a cercare continuamente ciò che devono riempire, probabilmente hanno bisogno di smettere di guardare fuori e iniziare a guardare dentro se stesse.

A questo punto è fondamentale iniziare ad esplorare se stesso: di cosa ho bisogno? Cosa sento? Cosa voglio? Quali sono i miei desideri e le mie paure? Quali sono i miei punti di forza e di debolezza?

Queste domande possono essere un punto di partenza verso la conoscenza di se stessi e per trovare il significato della propria vita.

“Ricorda che più se impari a prenderti cura di te stesso e impari a conoscerti meglio, quella sensazione di vuoto scomparirà gradualmente, poiché il vuoto che cerchi fuori può essere riempito solo dentro di te”.

Autoconoscenza è guardarsi allo specchio


Cercare attività e situazioni che fanno stare bene

Le persone anticonformiste spesso cercano di riempire il loro vuoto ricercando situazioni estreme e dannose che fanno provare loro forti emozioni, come alcol o sostanze che creano dipendenza.

Per questo motivo, è importante dedicarsi ad attività, hobby, situazioni positive e salutari che ci aiutino a colmare quel vuoto ed esplorare ciò che ci piace in maniera sana, trascorrendo il proprio tempo libero nel migliore dei modi.

Insomma, è fondamentale, come afferma Jorge Bucay, non lasciarsi trasportare dal vuoto e dall’apatia che possono portarci a percorrere una brutta strada, ma piuttosto concentrarci sulla ricerca di situazioni sane che ci aiutino.

Nello specifico, Bucay afferma: “non siamo responsabili delle emozioni, ma siamo responsabili di ciò che ne facciamo”.

“L’uomo si auto-realizza nella stessa misura in cui si impegna a trovare il significato della propria vita.”

-Víktor Frankl-

Imparare ad apprezzare quello che si ha per non essere più persone anticonformiste

È importante che le persone anticonformiste si concentrino sul presente della loro vita, poiché concentrarsi su ciò che manca ci fa perdere di vista tutto ciò che abbiamo.

Dobbiamo imparare a valorizzare ciò che abbiamo, concentrandoci su ciò che ci fa sentire bene, sperimentando tutto ciò di cui siamo capaci e imparando a dare il giusto valore a tutto ciò che abbiamo nella vita.

Ricordate: tutte le volte in cui il filo conduttore della nostra vita sembra perduto, quel significato è lì, che aspetta solo di essere trovato.

“Finché non valuti te stesso, non valuti il ​​tuo tempo. Finché non valuti il ​​tuo tempo, non ne farai nulla.”

-M. Scott Peck-

Potrebbe interessarti ...

Vuoto esistenziale, sentire che la vita non ha senso
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Vuoto esistenziale, sentire che la vita non ha senso

Il vuoto esistenziale è una spirale senza fine. Il senso della vita scompare, e rimane solo sofferenza e di disconnessione con il mondo.