Persone rancorose: tratti di personalità e consigli

Vi sarà capitato senz'altro di incontrare persone con condotte tossiche nei confronti degli altri e aver pensato "Che amarezza!". Ma cosa si cela dietro questo atteggiamento? Come comportarsi?
Persone rancorose: tratti di personalità e consigli

Ultimo aggiornamento: 26 luglio, 2022

Interagire con persone rancorose può essere fastidioso e persino intimidatorio. Si tratta di situazioni complesse in cui spesso non sappiamo come agire. Tuttavia, avere a che fare con certi individui non deve necessariamente rappresentare un’ardua sfida.

Capita a tutti di avere una brutta giornata e mostrare un atteggiamento poco ammirevole. Tuttavia, ci sono persone che vivono costantemente in questo stato, proiettano rabbia tutto il tempo, anche quando dovrebbero essere felici. Scopriamo di più su queste persone!

“Tutto il nostro malcontento per ciò che ci manca deriva dalla nostra mancanza di gratitudine per ciò che abbiamo”.

-Daniel defoe-

Come sono le persone rancorose?

Vi sarà senz’altro capitato di incontrare persone perennemente afflitte. È altamente probabile che noi stessi in più di un’occasione non siamo stati il ritratto della gioia.

Il dispiacere è una miscela abbastanza complessa di emozioni, tra le quali spiccano la tristezza e la rabbia. Questo non significa che tutti noi, quando proviamo rabbia o tristezza, diventiamo persone amareggiate.

Questo accade quando non possiamo gestirle in modo assertivo e invece di affrontare queste emozioni e rilasciarle, le conserviamo, trasformandole in rancore lungo il percorso.

Uomo che parla con una donna amareggiata.

Cosa genera rancore?

Delusione, sentirsi traditi, ingiustizia o mancato rispetto delle aspettative possono portare all’amarezza. Ciò può verificarsi in tutti gli ambiti della vita e avere un impatto negativo sulle relazioni interpersonali.

Queste persone giocano spesso con il senso di colpa. Non riescono ad assumersi le loro responsabilità, dunque cercano e additano coloro i quali identificano come la causa delle loro disgrazie.

Perché succede?

Capire perché una persona è rancorosa può essere un compito piuttosto impegnativo. Sono interessati, di fatto, vari elementi che influenzano la comparsa di questa sensazione; inoltre, si tratta spesso di persone molto riservate e che mettono alla prova gli altri prima di aprirsi.

C’è però un aspetto generale che possiamo citare: la gestione inadeguata delle emozioni. Il rancore è spesso solo la forma che assumono rabbia, delusione o tristezza.

Altre cause che spiegano il comportamento delle persone rancorose

La rabbia repressa e ignorata a lungo può essere un fattore determinante nell’insorgenza del rancore. Essere stati vittima di ingiustizie irrisolte può far emergere il rancore.

Le persone rancorose rimangono ancorate agli eventi del passato che le hanno ferite. Non essendo abili nel gestire questo disagio, rimangono intrappolate in uno stato dal quale non sono in grado di uscire.

Le pene degli uomini sarebbero minori se essi – e Dio solo sa perché son fatti cosi – non si accanissero a rievocare con la forza dell’immaginazione il male passato, piuttosto che accettare un tranquillo presente.

-Goethe-

Atteggiamenti comuni e tratti delle persone rancorose

Le persone rancorose spesso mostrano comportamenti ripetitivi, quali:

  • Credere che tutto quello che fanno andrà molto male.
  • Lamentarsi è una costante nella loro vita.
  • Rinfacciare qualsiasi evento.
  • Sentirsi vittime in tutte le situazioni.
  • Le loro conversazioni ruotano attorno ad argomenti spiacevoli e problemi.
  • Tendono ad allontanare e allontanarsi dalle persone, quindi in genere sono molto sole.
  • Cercano di ferire gli altri, spesso senza un motivo apparente.
  • Discutono continuamente con partner e parenti.
  • Sono egoiste, considerano i loro interessi superiori a quelli degli altri.
  • Creano ambienti ostili a casa e al lavoro.
Partner che si lamenta.

Come comportarsi?

Interagire con una persona rancorosa è piuttosto difficile e può anche metterci di pessimo umore. Tuttavia, è importante tenere a mente che le persone rancorose di solito non mantengono un simile stato tutto il giorno.

  • Ci sono momenti in cui il rancore risulta acuito, l’ideale è evitare di interagire con la persona.
  • Bisogna capire che le persone rancorose non entrano in conflitto solo con noi. È il loro modo di relazionarsi, non dobbiamo prenderla sul personale.
  • Può essere molto difficile avere a che fare con una persona amareggiata, ma dobbiamo ricorrere all’empatia e cercare di vedere oltre i suoi atteggiamenti negativi. La comprensione è la chiave per capire che non si comporta in un certo modo perché cattiva.
  • Non permettere condotte passivo-aggressive, una delle qualità più notevoli delle persone rancorose, ed è importante porvi fine per evitare problemi.
  • Essere comprensivi, ma decisi. Stabilire dei limiti ai loro atteggiamenti nei propri confronti, ma con una mente e un cuore aperti per cercare di capire perché si comportano così.

Conclusioni

Quell’aura di sconforto che le persone che ci circondano portano in un certo momento può provocarci grande disagio. Sebbene la nostra più grande tentazione potrebbe essere quella di allontanarci per evitare l’usura, quasi obbligatoria.

In questo articolo, tuttavia, abbiamo visto alcune strategie con cui possiamo provare a migliorare l’umore degli altri.

Potrebbe interessarti ...
Gestire il rancore grazie a 8 consigli
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Gestire il rancore grazie a 8 consigli

Se volete sapere come fare, per gestire il rancore, non perdetevi questi 8 consigli pratici che vi permetteranno di mantenere il controllo in modo ...



  • Goleman, D. (1996) Inteligencia emocional. Editorial Kairós.
  • Moya-Albiol L, Herrero N & Bernal MC. (2010). Bases neuronales de la empatía. Rev Neurol, 50, 89-100.
  • Pedrajas, N. et al. (s.f.). Gestión emocional: los primeros pasos desde la infancia.
  • Sober, E. (1998). El egoísmo psicológico. Isegoría, (18), 47-70