Philippe Pinel: agli albori della psichiatria

Ai tempi di Philippe Pinel era normale che i "malati di mente" fossero incatenati ai muri o subissero punizioni fisiche. Questo medico è riuscito a regolare le istituzioni psichiatriche e proporre un nuovo modo di intendere le patologie mentali.
Philippe Pinel: agli albori della psichiatria

Ultimo aggiornamento: 07 aprile, 2021

Philippe Pinel è considerato il padre della psichiatria in Francia. Il suo grande contributo è stato quello di studiare le persone considerate “malate di mente” con una visione più umana. Pinel ha anche proposto una nuova categorizzazione della malattia mentale, che ha gettato le basi per le classificazioni moderne.

Pinel aveva il pragmatismo e la disciplina sufficiente per osservare attentamente i malati e prendere appunti. Tutto ciò ha fornito le linee guida per il trattamento clinico, nonché per la classificazione delle diverse manifestazioni mentali.

“Un diluvio di studi estremamente fastidiosi, di vane compilazioni scritte nella lingua delle scuole, e con quella furia di spiegare tutto, è un difetto comune a quasi tutte le scienze”.

-Philippe Pinel-

Grazie a Philippe Pinel, le istituzioni psichiatriche abbandonarono diverse pratiche molto crudeli in Francia. Ha anche presentato una serie di ipotesi sulle cause dei problemi mentali e ha sottolineato l’importanza di offrire un trattamento completo.

Mente in frantumi.


Philippe Pinel, un inizio difficile

Philippe Pinel nasce a Jonquières (Francia) il 25 aprile 1745, figlio di un chirurgo. Porta a termine i suoi studi presso il collegio di Lavaur e in seguito intraprende la carriera religiosa. Durante la sua permanenza in seminario, impara il latino e il greco.

Presto abbandona la vita religiosa per andare a studiare matematica e medicina a Tolosa. Lì ottiene il dottorato nel 1773, a soli 28 anni. Poco dopo si reca a Montpellier, dove si avvicina agli approcci di Boissier de Sauvages e Barthez.

Non è stato facile per lui iniziare la pratica medica. Inizialmente, per mantenersi, scriveva tesi per studenti facoltosi e pigri, nessuno dei quali proponeva dei nuovi approcci. Nel 1778 si trasferisce a Parigi dove si guadagna da vivere dando lezioni private di matematica e scrivendo articoli medici.

Una nuova tappa

Durante i suoi primi anni a Parigi, Philippe Pinel traduce anche diverse opere mediche. Tra queste, Elementi di medicina pratica di Guglielmo Cullen. All’inizio non si occupava dei pazienti, ma nel 1786 ebbe l’opportunità di curare alcuni malati di mente, nel manicomio del dottor Belhomme.

L’obiettivo principale di Pinel era quello di migliorare le proprie condizioni economiche. All’inizio, decise di collaborare con alcune istituzioni accademiche, ma senza riuscirci. Provò anche a diventare medico per le “Mesdames“, che erano le zie di Luigi XVI. Neanche stavolta ebbe successo.

Simpatizzò per la Rivoluzione francese, scoppiata nel 1789, ma poi prese le distanze dall’attività politica durante il periodo del terrore. Tuttavia, fece amicizia con Thouret e lo aiutò a essere nominato medico presso l’ospizio di Bicêtre, dove lavorò dal 1793 al 1795.

Una nuova psichiatria con Philippe Pinel

Nell’ospizio di Bicêtre c’era un custode, non un medico, che si chiamava Jean-Baptiste Pussin. Sebbene non fosse incaricato di curare i malati, Pussin aveva implementato diverse misure che catturarono l’attenzione di Philippe Pinel.

Pussin applicava quello che veniva chiamato “trattamento morale” ai pazienti. Questo principio partiva dall’idea che tutti i pazienti mantenessero intatta una parte della loro ragione, per cui bisognava lavorare su di essa per cercare di guarirli. Credeva anche che i malati non dovessero essere sottoposti a trattamenti crudeli.

Pussin trovò in Philippe Pinel un grande alleato e viceversa. Quest’ultimo chiedeva il permesso di non legare i malati con catene, cosa che a quel tempo era una pratica quotidiana. All’inizio non ci riuscì, ma poi George Couthon gli diede ascolto. A quel tempo di trovava già sulla sedia a rotelle, ma visitò l’ospedale per soddisfare le richieste di Pinel.

Uomo triste per il suicidio di un caro e gli effetti della postvenzione.


Grandi cambiamenti

Philippe Pinel fu nominato capo dell’Hospital de la Salpêtrière nel 1795. Lì iniziò ad attuare riforme simili a quelle che aveva portato avanti nell’ospizio di Bicêtre. Proibì di legare i malati con le catene e apportò diversi miglioramenti alla qualità della reclusione psichiatrica.

Introdusse una prospettiva psicologica nel trattamento dei malati. I suoi metodi furono i precursori di quella che sarebbe poi diventata la psicoterapia individuale. Credeva che la malattia mentale includesse aspetti fisici e anche “problemi morali”. Questi ultimi dovevano essere trattati attraverso il dialogo con il paziente.

Pinel ha lavorato tutta la sua vita per regolamentare la reclusione psichiatrica. Prima di lui, i manicomi erano come delle prigioni. Allo stesso modo, ha contribuito a definire quattro malattie mentali di base o “follie”: semplice malinconia, mania, idiozia e demenza.

Nel 1801 pubblicò il Trattato medico-filosofico sull’allineamento mentale. Si tratta dell’antecedente diretto dei moderni manuali diagnostici psichiatrici. È stato insignito da Napoleone e dai suoi successori. Nel 1822 fu rimosso dall’incarico per poi morire a Parigi quattro anni dopo.

Potrebbe interessarti ...
David Healy, storico della psichiatria
La Mente è MeravigliosaRead it in La Mente è Meravigliosa
David Healy, storico della psichiatria

David Healy, medico, psichiatra e ricercatore, è una delle voci più critiche ed autorevoli contro le pratiche delle aziende farmaceutiche.



  • Peset, J. L. (2003). La revolución hipocrática de Philippe Pinel. Asclepio, 55(1), 263-280.