Pocketing: quando il partner ci nasconde agli altri

Avete mai avuto la sensazione che il partner vi stia nascondendo agli altri? State sempre da soli? In tal caso, potreste essere vittima di pocketing.
Pocketing: quando il partner ci nasconde agli altri

Ultimo aggiornamento: 13 gennaio, 2022

Negli ultimi anni sono sorti molti nuovi termini, spesso pubblicati sui social network. Oggi ci occuperemo di uno di essi che sebbene in apparenza si riferisce a un concetto nuovo, ci accompagna da più tempo di quanto pensiamo: il pocketing.

Questo termine si riferisce alle persone che tengono nascosti i propri partner. Per esempio non li presentano agli amici, trovano sempre una scusa quando si propongono progetti con altre persone o se incontrano un conoscente per strada si allontanano in fretta per non spiegare chi è la persona accanto a loro. Perché lo fanno? Quali sono le sue intenzioni?

“L’amore cessa di essere un piacere quando cessa di essere un segreto.”

-Aphra Behn-

Donna sconvolta di cattivo umore con il suo partner.

Da dove deriva il termine “pocketing”?

Il termine “pocketing” deriva dall’inglese pocket e significa ‘tasca’, con il suffico -ing che indica un’azione, dunque “mettere in tasca “. Applicato alle relazioni, si riferisce a quando il partner ci nasconde ad amici e parenti.

Si va oltre all’evitare il temuto incontro dei genitori. Come spiega la psicologa e life coach Ana Jovanovic : “Il pocketing è una situazione in cui la persona con cui stai uscendo evita o esita a presentarti ad amici, familiari o altre persone che conosce, di persona o sui social media, anche se si esce insieme da un po’. La relazione sembra inesistente agli occhi altrui. ”

Insomma, a livello pubblico il rapporto non esiste, è nascosto ed è visibile solo quando si è soli. Alcuni lo considerano un modo per creare spazio e distanza nella relazione, quindi gli incontri tendono a essere da soli e ovviamente lontano da luoghi pubblici o affollati.

“Che ne sa dell’amore chi non ha dovuto disprezzare proprio ciò che amava di più”.

-Friedrich Nietzsche-

Mi piaci, ma ti sto nascondendo: a cosa si deve il pocketing?

Sono molti i fattori da tenere in considerazione riguardo al pocketing, dal momento che non c’è una chiara ragione alla base. Tra questi possiamo trovare:

  • Aver finito da poco una relazione, motivo per cui si pensa sia troppo presto presentare la nuova persona ad amici e parenti. La causa è probabilmente la paura che non funzioni e che in seguito la rottura sia più dolorosa.
  • Avere una relazione parallela con un’altra persona.
  • Paura dell’impegno. In questo caso, la persona ha paura che la relazione diventi più seria di quanto vorrebbe o non è preparata.
  • Un altro motivo potrebbe essere che la sua cerchia ha un’immagine completamente diversa da quella che abbiamo noi e questo induce la persona a non voler mostrare tutti i suoi “volti”.
  • Può anche darsi che gli/le piaccia avere una relazione di nascosto. La sensazione di rischio lo/a fa stare bene.
  • Ragioni culturali o religiose.
  • La persona si trova in un momento della tua vita in cui non si sente pronta a dire al mondo che ha un partner.

Le cause del pocketing dipenderanno dalla situazione in cui ogni persona si trova, soprattutto a livello emotivo, e dalla sua storia personale.

“Un amore segreto è bello, dolce e sacro quando è solo una leggera infatuazione; ma quando quella persona si allunga e ti tocca nel cuore, rendendoti vivo in un modo che non hai mai conosciuto, quell’amore segreto diventa terrificante, perché Non puoi mai farti amare da loro, non vuoi mai farti amare da loro… Ma comunque, non importa da che parte guardi, loro non ti vogliono… e il tuo cuore non sa come batterlo.”

-Stefanie Schneider-

Persona che tiene un cuore in tasca.

Segnali per riconoscere il pocketing

È importante tenere a mente che è normale che nelle prime settimane e persino mesi; molte persone non si sentano ancora a proprio agio nel presentare il partner alla cerchia più intima.

In questo scenario, ci si può aspettare che vogliano conoscere bene l’altro, vedere se si condividono abbastanza interessi per avere una relazione seria.

Tuttavia, se si esce insieme già da diversi mesi e non si conosce ancora un solo amico o familiare, è probabile che stia nascondendo la relazione. Alcuni segnali che potrebbero aiutare a rilevare il pocketing sono:

  • Il partner non propone mai piani insieme ad altre persone.
  • Trova scuse per non far incontrare amici e familiari.
  • Ci si incontra in luoghi appartati, discreti o intimi.
  • Non parla molto delle persone della sua cerchia sociale.
  • Non pubblica foto sui social network.
  • Quando si è insieme e si incontra un conoscente il partner non presenta la persona.
  • I suoi amici e la sua famiglia non hanno mai sentito parlare della relazione.
  • Quando sorgono situazioni per incontrare un familiare o un amico (ad esempio, un compleanno o una cena in famiglia), il partner ha sempre una scusa o una spiegazione perché non è ancora il momento giusto.

Cosa fare?

Se in qualsiasi momento avete notato questi segnali, forse è il momento di esporre i vostri dubbi al riguardo, parlare della relazione e scoprire se state andando nella stessa direzione.

Cercate di promuovere un dialogo in cui il partner si senta a proprio agio e intavolate una conversazione onesta e sincera. Spiegate chiaramente che siete curiosi di sapere il motivo per cui non vi ha ancora presentato gli amici più cari e chiedete se accadrà prima o poi. Se si mette sulla difensiva, prendetelo come un segnale per considerare la separazione.

Se i motivi del pocketing non sono giustificabili, è il momento di lasciar perdere. Nessuno merita di star male in una relazione, bensì di avere accanto un partner che sappia apprezzare in pubblico e in privato.

Potrebbe interessarti ...

Ghosting: sparire invece di chiudere una relazione
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Ghosting: sparire invece di chiudere una relazione

sparire senza dire nulla, invece di porre fine al rapporto, è diventata una pratica frequente. È così comune che le è stato affibbiato un nome, gho...