Poesie di pronto soccorso

24 novembre 2015 in Emozioni 4 Condivisi

La poesia è, senza ombra di dubbio, la medicina dell’anima. È un conforto, un rifugio di pace e tranquillità e un modo per sapere che non siamo soli al mondo.

Tante altre persone nel corso della storia hanno lasciato la loro testimonianza di vita attraverso le parole, facendoci identificare con le loro poesie e i loro racconti. E questo davvero non ha prezzo. I sentimenti universali come l’amore non passano mai di moda.

La poesia è un modo per sfogare le emozioni, se siamo noi a scriverla o, al contrario, può raggiungere l’anima di chi la legge e offrirle un valido aiuto.

Tutti noi possiamo avere un kit di poesie di pronto soccorso con i nostri componimenti preferiti. Poesie in cui ci identifichiamo in modo particolare e che possiamo leggere quando siamo soli, con una buona tazza di tè o mentre osserviamo il tramonto o il mare.

In quest’occasione, vi offriamo un primo kit di poesie di pronto soccorso, augurandoci che vi piacciano e vi siano di aiuto.

Mario-Benedetti

Non ti arrendereMario Benedetti

Ricomincia,
anche se ti mancano le forze
….

Ricomincia,
anche se ti sembra di non avere più mete da raggiungere
e che i tuoi sogni siano tutti realizzati.
Riprendili e ricomincia a realizzarli
….

Non disperatevi mai. La vita offre sempre un nuovo inizio.

Ci sono sempre sassi e ostacoli sulla strada, non solo per voi, ma per tutti. Di certo non mancheranno momenti in cui vi sentirete senza forze, non mancheranno giorni tristi, molto tristi, ma non dimenticate mai che “non c’è male che duri cent’anni”.

Ogni difficoltà, ogni circostanza avversa, è un’opportunità per continuare a crescere.

Viandante non c’è un sentieroAntonio Machado

Viandante sono le tue orme
il sentiero e null’altro;
Viandante non c’è un sentiero
il sentiero si fa camminando.

Non dobbiamo nasconderci per la paura.

Restare seduti sul divano per paura di vivere, di scoprire, di essere ingannati… Se lo facessimo, di sicuro vivremmo una vita priva di sofferenze, ma nel frattempo ci saremmo persi un sacco di cose meravigliose.

Camminate e scoprite tutto quello che il sentiero della vita vi riserva.

Strada

Il rimorso – Jorge Luis Borges

Ho commesso il peggiore dei peccati
che possa commettere un uomo, non sono stato
felice. Che i ghiacciai della dimenticanza
possano travolgermi e disperdermi senza pietà. 

La cosa certa è che dobbiamo essere felici sopra ogni cosa.

Dobbiamo provarci. Quando arriva un temporale, bisogna affrontarlo con integrità e forza, quella forza interiore che ci aiuta e ci protegge. Ma quando il temporale passa, dobbiamo cercare di essere felici, felici delle piccole cose.

Godetevi la vita, provate emozioni, ridete! Sarebbe un peccato guardarsi indietro e lamentarsi del passato, e pensare che avreste potuto essere davvero molto più felici.

E come? Semplicemente allontanando le persone che non portavano niente di buono e accogliendo quelle che invece vi facevano sentire felici, prendendo le redini della vostra vita in un certo momento e cambiando le situazioni che non vi piacevano. Non aspettate la vita, vivetela!

Anche la felicità è una forma di vita!

Poema 20 – Pablo Neruda

Io non l’amo più, è vero, ma quanto l’ho amata.
La mia voce cercava il vento per arrivare alle sue orecchie…

Ormai non l’amo più, è vero, ma forse l’amo ancora.
Amare è così breve, dimenticare è così lungo.

L’amore fa male. Disinnamorarsi è ancora più difficile da spiegare dell’amore, anche se ci sono grandi poesie che danno forma ai nostri sentimenti in modo unico e meraviglioso.

Per questo, se state sperimentando il disamore, leggete una poesia qualsiasi e capirete di non essere soli, che molti hanno vissuto la stessa situazione. Di sicuro vi sentirete confortati.

Fa’ come il sole – Miguel de Unamuno

Non aggrapparti al passato, né ai ricordi tristi.
Condividere
Non aprire la ferita che già si è rimarginata.
Condividere
Non rivivere dolori e sofferenze passate.
Condividere
Quel che è successo, è successo…
Condividere
Fa’ come il sole che nasce ogni giorno,
Condividere

senza pensare alla notte che è passata.

Si possono concentrare più verità in così poche parole? Una cosa è certa, non dobbiamo aggrapparci al passato. Il passato è passato, punto. Non entrate in una spirale di pensieri negativi. Lavorate sulla vostra intelligenza emotiva.

Concentratevi sul presente e godetevi ogni istante della vostra vita quotidiana!

Guarda anche