Quando avere buone intenzioni non aiuta

20 novembre 2015 in Psicologia 0 Condivisi
“La più piccola azione è migliore della più grande intenzione
Condividere

A volte dire “è il pensiero che conta” non è sufficiente. Avere la volontà di aiutare qualcuno può causare problemi… ma, come? Se sto solo cercando di aiutare?!

Avete chiesto se l’altro ha bisogna della vostra assistenza?

due mani l'una verso l'altra

Forse vi è successo di voler aiutare qualcuno oppure una persona ha cercato di assistervi ed i risultati non sono stati quelli sperati. A volte gli altri (e noi stessi) spingiamo verso la direzione opposta.

Le persone che più amiamo sono quelle che più ci vogliono aiutare, in termini generali. Tuttavia, a volte questa forza non ci aiuta, perché non ci porta dove volevamo arrivare.

Questo vuol dire che i parenti e gli amici sono cattive persone? Ovviamente no! Essi credono di farvi un favore, quando in realtà vi stanno “affondando”.

Ti do un consiglio”, dice vostra madre. “Devi fare questa cosa” afferma vostro padre. “Perché non lavori come me?” chiede vostro cugino. “Quando avrai più esperienza, lo capirai” sostiene vostra nonna.

Quando tutti quelli che ci circondano iniziano a dare giudizi sulla nostra vita, lo fanno perché cercano di aiutarci. Ma a quale prezzo? Come facciamo ad agire come ci dicono tutti? Dove risiede quello che vogliamo fare noi? 

Se ci facciamo trascinare dalle opinioni esterne, anche se “stanno solo cercando di aiutare”, corriamo il rischio di perdere l’equilibrio, di non sapere verso dove ci dirigiamo, né cosa vogliamo ottenere. Se a questo sommiamo che a volte non siamo molto sicuri di noi stessi, il problema sarà peggiore perché soccomberemo alle pressioni.

piedi legati da una corda

È impossibile fare contenti tutti, marchiatevi questo concetto a fuoco. Chi vi ama dirà che vuole aiutarvi, ma in realtà è possibile che vogliano depositare in voi le loro frustrazioni oppure cerchino di cambiarvi per plasmarvi a loro piacere.

Il fatto di voler aiutare l’altro, senza tenere in conto le sue vere necessità, si può estendere a molti ambiti.

Ad esempio, il vostro partner ha detto che oggi preparerà la cena, di non preoccuparvi di nulla. Invece di rimanere seduti sul divano guardando la televisione mentre la vostra dolce metà finisce la benedetta cena, vi alzate ogni secondo e andate ad “ispezionare” quello che sta facendo: “Vuoi che peli le patate?”, “Non si taglia così la carne”, “nel frattempo lavo le pentole”, “Apparecchio la tavola?”.

“Dai, ti ho detto di restare sul divano e che voglio prepararti una buona cena perché te lo meriti dopo aver lavorato tutto il giorno”.

Perché è così difficile non provare ad aiutare? Potete avere le intenzioni migliori, ma state solo riuscendo a far sentire il vostro partner inutile, di non essere in grado di preparare una cena oppure, cosa peggiore, fate capire che dovete sempre avere tutto sotto controllo.

“Volevo solo aiutare”… Il modo migliore di farlo è restare seduti sul divano guardando il programma in televisione, ma se proprio non riuscite a resiste alla tentazione di aiutare, potete fare un bagno oppure uscire a fare una passeggiata. Al vostro rientro, la cena sarà già pronta e passerete una serata meravigliosa. Non era poi così difficile, vero?

uomo in equilibrio su un filo

Cosa fare per aiutare e “non disturbare”?

Non si tratta di smettere di dare consigli, tanto meno di restare con le braccia conserte quando qualcuno ha bisogno di aiuto, ma di sapere qual è il momento adatto per dare la nostra opinione o dare una mano. Un semplice frase come, per esempio, “Se vuoi, ti dico quello che penso, decidi tu” oppure una semplice domanda come “hai bisogno che ti aiuti”?” sono vitali per non intrometterci troppo nella vita degli altri.

Non dobbiamo pressare l’altro e aiutarlo senza tenere in considerazione se ne ha davvero bisogno. È vero che esistono persone molto orgogliose che non chiedono aiuto, ma forse se trovate il modo di analizzarne le reazioni o gli atteggiamenti, potete capire quando potrebbero volere il vostro sostegno.

Nel caso in cui qualcuno si intrometta troppo nella vostra vita e desideri “aiutarvi” tutto il tempo, ditegli che apprezzate la sua preoccupazione e le sue intenzioni, che valorizzate i suoi consigli e poi analizzate tutte le opzioni prima di prendere la vostra decisione personale. 

Guarda anche