Riabilitazione psicosociale: l’arte di ricostruire le vite

28 Settembre 2019
Convivere con un disturbo mentale non è facile. Spesso si perde completamente il contatto con la vita precedentemente vissuta e ciò non ne facilita la guarigione. La riabilitazione psicosociale si propone come un approccio olistico che aiuta i pazienti/clienti a ricostruire la propria vita e a viverla nel modo più completo possibile.

Oggi parleremo di un approccio che aiuta sempre più persone affette da disturbi psicologici a vivere una vita migliore. La riabilitazione psicosociale occupa un posto di rilievo tra i trattamenti che stimolano i pazienti a gestire i propri sintomi. Ciò comporta un notevole miglioramento nella loro capacità di adattamento.

La riabilitazione psicosociale è una parte molto importante nei programmi di trattamento integrale e olistico. Promuove la guarigione, favorisce l’integrazione nella comunità e migliora notevolmente la vita delle persone che si sottopongono a essa.

L’obiettivo principale di questa strategia terapeutica è quello di sviluppare le competenze dei pazienti e individuare i loro punti di forza. Tutto ciò contribuisce nettamente a migliorare le abilità di chi ha subito una qualche alterazione psicologica. I pazienti cronici possono così riprendere in mano la propria vita, il lavoro e le relazioni.

Fino agli anni ’70 i pazienti che soffrivano di gravi disturbi mentali venivano stigmatizzati. Oggi, invece, l’idea è che possano vivere in modo più indipendente, lontani dai pregiudizi e pienamente integrati nelle comunità in cui vivono.

Riabilitazione psicosociale: l’arte di ricostruire le vite

Terapia di gruppo

Empowerment

La riabilitazione psicosociale è, in realtà, un processo il cui obiettivo è la completa guarigione della persona. È volta a fornire le competenze e le capacità necessarie per affrontare i problemi che si possono presentare nella vita.

Proprio perché ogni persona è unica e individuale, la riabilitazione psicosociale lavora attraverso programmi individualizzati che aiutano i pazienti a trovare nuovi significati di vita, di speranza e di crescita personale.

Metodi della riabilitazione psicosociale

I metodi possono variare, ma gli interventi principali hanno tutti lo scopo di creare consapevolezza del disturbo, allenare le capacità cognitive, fornire supporto, formazione e agevolare il reinserimento lavorativo e il tempo libero.

Molti pazienti mancano completamente di consapevolezza della propria malattia. Nella riabilitazione psicosociale, le persone imparano a riconoscere i sintomi del proprio disturbo, a chiedere aiuto quando lo riconoscono e a seguire degli schemi comportamentali riguardo alla cura di sé.

L’allenamento delle abilità cognitive è un altro dei punti di forza della riabilitazione psicosociale e si concentra su tecniche di attenzione, concentrazione, classificazione, pianificazione e memoria. Allo stesso modo, vengono svolti programmi per l’acquisizione di abilità sociali, familiari e lavorative.

I principi chiave della riabilitazione psicosociale

I professionisti della salute mentale che lavorano in questo campo aiutano e guidano i pazienti attraverso i principi base di tale approccio.

Si ritiene che tutte le persone abbiano un potenziale che può essere sviluppato e che, pertanto, sia necessario lavorare sui punti di forza del singolo individuo. Allo stesso modo, tutti i pazienti hanno diritto all’autodeterminazione. Si pone più enfasi sui punti di forza dell’individuo che sui sintomi, nonché sulla diversità dei propri bisogni.

Omini in gruppo

Un approccio olistico

Questo approccio terapeutico lavora su diversi aspetti dell’individuo al fine di aiutarlo a sviluppare le sue capacità. Le abilità sociali, l’autostima, la risoluzione dei problemi, la resilienza e la gestione dello stress sono tutte abilità che vengono rafforzate grazie alla riabilitazione psicosociale.

I professionisti della riabilitazione psicosociale sanno che se la persona si sente produttiva in ambito lavorativo, migliora significativamente le sue relazioni sociali. Questo fatto ne aumenta l’autostima e migliora la qualità di vita in generale. In tal senso, vengono sviluppati piani personalizzati per aiutare il paziente a ristabilire la sua vita professionale.

Anche l’alloggio e le relazioni sociali fanno parte dei programmi di riabilitazione psicosociale. L’obiettivo è che queste persone vivano nelle loro case, da sole o in famiglia. Contempla, inoltre, la sistemazione in comunità.

La formazione di abilità sociali legate alla comprensione emotiva, alle abilità verbali e alla comunicazione non verbale consente ai pazienti, che hanno visto le loro relazioni danneggiate a causa del disturbo mentale, di recuperare il senso di appartenenza e di soddisfare le loro esigenze di socializzazione.

L’efficacia della riabilitazione psicosociale

Esiste una rilevante quantità di prove scientifiche a supporto dell’efficacia di tali trattamenti e dei loro benefici su persone che soffrono di un disturbo psicologico che indebolisce o riduce la loro qualità di vita. È un approccio che sta mostrando la su efficacia in molti paesi del mondo.

La riabilitazione psicosociale è fondamentale per il recupero di aree come il funzionamento sociale, il reintegro professionale e la possibilità di godere di una vita indipendente in caso di disturbi mentali gravi, come la schizofrenia.

Wang, L., Zhou, J., Yu, X., Qiu, J., & Wang, B. (2013). Psychosocial Rehabilitation Training in the Treatment of Schizophrenia Outpatients: A Randomized, Psychosocial Rehabilitation training-and Monomedication-Controlled Study. Pakistan journal of medical sciences, 29(2), 597–600.

Sundaram, S. K., & Kumar, S. (2018). Tracing the development of psychosocial rehabilitation from its origin to the current with emphasis on the Indian context. Indian journal of psychiatry, 60(Suppl 2), S253–S257. doi:10.4103/psychiatry.IndianJPsychiatry_437_17

Cherry, Kendra (2019) What Is Psychosocial Rehabilitation? Verywell Mind. Recuperado de https://www.verywellmind.com/psychosocial-rehabilitation-4589796