Sforzo mentale: come renderlo gratificante

Studiare, concentrarsi, riflettere profondamente per prendere una decisione... Qualsiasi sforzo mentale può essere estenuante. C'è un modo per rendere queste situazioni più sopportabili e persino gratificanti?
Sforzo mentale: come renderlo gratificante

Scritto da Valeria Sabater

Ultimo aggiornamento: 11 ottobre, 2022

Al bambino che deve fare i compiti ripetiamo “concentrati”. Non è facile né gratificante, concentrare tutte le tue risorse cognitive su un problema di matematica o una lettura. Fin da piccoli scopriamo di essere capaci di fare cose straordinarie, ma ogni attività richiede uno sforzo mentale da parte nostra.

Concentrazione, analisi, riflessione, attenzione, deduzione, memoria, creatività, etc. Tutti questi processi esecutivi non solo ci esauriscono, ma spesso non sono molto, o affatto, allettanti. Tuttavia, è impossibile ottenere qualcosa se non si affinano queste abilità.

Chiamiamo “avari cognitivi” quelle persone che si sforzano di pensare. C’è chi nota a stento la propria scarsa efficienza mentale, il modo rudimentale con cui risolve i problemi o di come si lascia trasportare dai pregiudizi. Fare uno sforzo mentale, portare a termine un processo neurocognitivo poco piacevole, ma necessario, è positivo in termini di intelligenza e benessere.

Sebbene possa sorprenderci, esistono meccanismi interessanti che ci permetteranno di godere molto di più degli sforzi psicologici. Scopriamo quale.

Lo sforzo mentale migliora l’autoefficienza e l’autostima della persona che scopre che grazie a esso ottiene risultati interessanti.

La donna si accende il cervello per fare uno sforzo mentale.
Suonare un nuovo strumento o imparare una lingua sono esempi di sforzi mentali gratificanti.

Rendere lo sforzo mentale più allettante

Secondo uno studio della Open University dei Paesi Bassi, lo sforzo mentale è stato definito per la prima volta nel 1982. Albert Bandura lo ha descritto come lo sforzo che una persona fa per elaborare una informazione. Secondo il famoso psicologo esperto in apprendimento, questo compito psicologico dipende da due fattori.

Il primo riguarda il grado di complessità soggettivo dell’attività, il secondo con la percezione di essere capaci o meno (autoefficacia). La psicologia e l’economia ricordano che lo sforzo mentale è qualcosa che tradizionalmente gli esseri umani preferiscono evitare.

Pensiamo all’universo dei social network, dove lo sforzo cognitivo è solitamente minimo. In media, la popolazione si limita ai titoli delle notizie e non sempre ne legge il contenuto. Allo stesso modo, di rado si ha l’abitudine di verificare tutte le informazioni.

Essere avari cognitivi o applicare la legge del minimo sforzo mentale è controproducente. Dovremmo, quindi, massimizzare questa risorsa fondamentale e appagante. Di solito non lo facciamo perché pensare stanca e fa perdere tempo. Questo potrebbe cambiare se prendiamo in considerazione una serie di dimensioni.

Lo sforzo mentale non dovrebbe diventare un mezzo per raggiungere un fine (lavoro sodo per ottenere qualcosa), ma un processo che incoraggia la motivazione intrinseca (lavoro sodo perché so che mi fa bene).

1. Allenare il cervello con compiti cognitivi impegnativi

Niente è positivo come dare al mondo persone critiche, curiose e attive in quanto a sforzi mentali. Ciò è possibile formando sin da subito alle sfide cognitive. In che modo?

  • Risolvere enigmi, svolgere sudoku o giochi di allenamento cognitivo in qualsiasi applicazione.
  • Imparare a suonare uno strumento o una lingua straniera. È un modo per abituare il cervello all’apprendimento, alla scoperta e al piacere che deriva dall’essere competenti in vari ambiti.
  • Una buona lettura è un mezzo eccezionale per affinare tutte le facoltà cognitive.
  • Sviluppare curiosità e piacere nello scoprire e innovare.

Dobbiamo pensare al cervello come a un muscolo. Se lo alleniamo a vedere lo sforzo mentale come un elemento quotidiano, come quell’esercizio fisico che permette di essere più abili e di godere della conoscenza, sarà meno faticoso.

2. Circondarsi di persone stimolanti

L’ambiente ci condiziona in molti modi; alcuni in modo positivo e altri limitando il nostro potenziale. Al fine di rendere gratificante lo sforzo mentale, conviene circondarsi di qualcuno che stimoli il pensiero, la creatività e il piacere di apprendere. In questo modo, non sarà stancante concentrarsi su un compito, riflettere o pensare fuori dagli schemi.

Se qualcuno che fa parte della nostra vita ci arricchisce mentalmente, smetteremo di essere avari cognitivi e ci appassioneremo alla conoscenza.

Amici che parlano in ufficio.
Circondarsi di persone stimolanti attiva il cervello e rende ogni sforzo mentale meno estenuante.

3. Valutare lo sforzo mentale intrinsecamente, non come mezzo per raggiungere un fine

C’è chi usa lo sforzo mentale per superare un esame, risolvere un problema, capire una bolletta, decifrare un manuale di istruzioni, documenti legali… In media aumentiamo la spesa neurocognitiva solo per ottenere qualcosa, ma mai per puro divertimento.

Non ci viene insegnato ad allenare il cervello, impegnarsi mentalmente può essere gratificante. Nessuno ci rivela che massimizzando concentrazione, ragionamento e analisi possiamo dare il meglio di noi.

Imparare a valorizzare intrinsecamente lo sforzo mentale è positivo in termini di autoefficacia e autostima. È positivo, ci permette di essere più competenti e sviluppare le facoltà cognitive.

Questa profonda concentrazione può anche essere piacevole, come dimostrato dagli esperti. Basti ricordare la teoria del flow dello psicologo Mihaly Csikszentmihalyi.

Quando ci colleghiamo in modo intenso e significativo con un’attività, è come se il tempo non passasse.  Anche quell’esperienza ottimale che chiamiamo flusso, o flow, fa parte dello sforzo mentale.

Un approccio rivolto alla crescita consente di valutare lo sforzo in modo più positivo e l’impegno come positivo per il proprio benessere e l’immagine di sé.

Mindfulness per concentrare e rilassare la mente

La mindfulness o piena attenzione è una pratica ideale per migliorare la salute mentale e le funzioni esecutive. Non fa per tutti, ma è una risorsa che vale la pena provare. Uno studio della Duke University, di fatto, ne evidenzia gli effetti positivi.

Dedicare almeno mezz’ora al giorno alla mindfulness migliora l’attenzione e la memoria, al tempo stesso riduce lo stress e la reattività emotiva. Si tratta di limitare il rumore mentale e di abituare il cervello a prestare attenzione al momento presente.

In questo modo, lo sforzo mentale cesserà di essere fastidioso ed estenuante, ma sarà visto come una risorsa abituale e necessaria nel nostro quotidiano. Teniamo conto di questi fattori e cerchiamo di non diventare avari cognitivi.

Potrebbe interessarti ...
Raggiungere il silenzio mentale: perché e come
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Raggiungere il silenzio mentale: perché e come

Raggiungere il silenzio mentale è una tecnica di base per uscire dal pantano dello stress, quando ci invade. Vale la pena provarlo.



  • Trujillo LT. Mental Effort and Information-Processing Costs Are Inversely Related to Global Brain Free Energy During Visual Categorization. Front Neurosci. 2019 Dec 5;13:1292. doi: 10.3389/fnins.2019.01292. PMID: 31866809; PMCID: PMC6906157.
  • Keng SL, Smoski MJ, Robins CJ. Effects of mindfulness on psychological health: a review of empirical studies. Clin Psychol Rev. 2011 Aug;31(6):1041-56. doi: 10.1016/j.cpr.2011.04.006. Epub 2011 May 13. PMID: 21802619; PMCID: PMC3679190.
  • Kirschner, P.A., Kirschner, F. (2012). Mental Effort. In: Seel, N.M. (eds) Encyclopedia of the Sciences of Learning. Springer, Boston, MA. https://doi.org/10.1007/978-1-4419-1428-6_226