Si chiama calma, poesia del Dalai Lama

05 novembre, 2020
"Si chiama calma", una poesia del Dalai Lama che ci insegna il valore di riportare la mente alla tranquillità, di placare la paura, le preoccupazioni e l' ansia. Impariamo ad apprezzare il presente per raggiungere uno stato di benessere e di auto-realizzazione.

Si chiama calma e mi costò molte tempeste. Si chiama calma e quando scompare… esco di nuovo a cercarla“. Comincia così una delle poesie più belle del Dalai Lama, un gioiello dal punto di vista emotivo e psicologico. Solo quando raggiungiamo la pace mentale, possiamo pensare e agire con maggiore chiarezza, efficacia e armonia.

Paul Ekman, una delle figure di riferimento nel campo della psicologia, vanta uno stretto rapporto con il Dalai Lama. Considerato un pioniere della ricerca sulle emozioni, racconta spesso nelle sue conferenze che la sua amicizia con il capo spirituale del buddismo tibetano è stata per lui un’esperienza rivelatrice.

Lo ha aiutato a capire che l’anima dei luoghi, così come l’essenza stessa della vita, non dimora nelle persone frettolose. La fretta, la preoccupazione, l’invidia, la paura o la rabbia offuscano la ragione e ostacolano il cammino verso la felicità. Perché, ci piaccia o no, la calma è tutto. È lo specchio di acque cristalline in cui la luna e le stelle possono danzare. E anche il nostro equilibrio psichico.

Una mente rilassata e un cuore tranquillo reagiscono meglio alle difficoltà della vita. Raggiungere questa sensazione, questo sottile equilibrio interiore non si può ottenere facilmente. Come dice il Dalai Lama, in un solo giorno non si creano né una stagione speciale né una mente illuminata. Dobbiamo sfoltire.

“Si chiama calma e mi insegna a respirare, pensare e ripensare.

Si chiama calma e quando la follia la tenta, si scatenano venti terribili difficili da dominare.

Si chiama calma e arriva con gli anni, quando l’ambizione giovanile, la lingua sciolta e la pancia fredda cedono il posto a più silenzi e più saggezza (…)”.

Pontile sul lago e poesia del Dalai Lama Si chiama calma.

Si chiama calma, una poesia del Dalai Lama

La calma è una delle competenze della sfera emotiva più sofisticate e difficili da raggiungere. Un dato di fatto che lo psicologo Paul Ekman sapeva perfettamente. Ciononostante, la guida spirituale del Tibet gli ha insegnato che la pace interiore e la serenità mentale sono anche un impulso verso l’etica, il rispetto. ⇔ Si chiama calma e il mondo la evita, la ignora, inventandosi guerre che nessuno vincerà mai.

Chi non possiede questa calma raramente comprende le conseguenze delle proprie azioni. Difficilmente si può offrire benessere e rispetto agli altri se dentro di noi c’è troppo rumore e un carico eccessivo di emozioni negative.

Siamo, in un certo senso, una società che ha smesso di godere del silenzio, che si è fatta intrappolare dalla tristezza, dall’ansia e dalla paura. Nessuna società può progredire quando mancano due nutrienti essenziali per l’anima: la calma e la compassione.

“Si chiama calma quando s’impara bene ad amare, quando l’egoismo cede il posto al dare e l’anticonformismo svanisce per aprire il cuore e l’anima arrendendosi interamente a chi vuole ricevere e dare.

Si chiama calma quando l’amicizia è così sincera che tutte le maschere cadono e tutto può essere raccontato.

Si chiama calma e il mondo la evita, la ignora, inventandosi guerre che nessuno vincerà mai.

Si chiama calma quando si gode il silenzio, quando i rumori non sono solo musica e follia ma il vento, gli uccelli, la buona compagnia o il rumore del mare (…)”.

Paesaggio autunnale con nebbia.

La persona calma è come un albero che fa ombra

Molti di noi conoscono certamente una persona così, dal carattere discreto, calmo e sempre attento. Sono figure che irradiano pace e con le quali tutto sembra semplice. Una giornata al loro fianco trascorre tranquilla, le insicurezze si placano, svanisce lo stress e persino le preoccupazioni.

Le persone dotate di calma interiore sono come le grandi querce dalla bellezza ancestrale che offrono ombra e al tempo stesso saggezza. Oltre ad ammirarle, però, non fa mai male prenderle da esempio, sforzarci di imitarne l’atteggiamento, il loro saper essere, la tranquillità mentale.

La mindfulness può essere un utile strumento per raggiungere questo stato. La ricerca condotta dagli psicologi Brown e Ryan e pubblicata sulla rivista Journal of Personality and Social Psychology mostra che la pratica della consapevolezza ci permette di gestire meglio le emozioni e genera un più alto grado di benessere psicologico.

Due margherite in un campo.

Calma non è solo imparare a vivere in pace, è anche saper affrontare in pace le crisi e le avversità

La calma non è solo uno stato mentale. Le emozioni hanno il potere di condizionare pensiero e azioni. La poesia del Dalai Lama non è, quindi, un insieme di versi su cui riflettere. È un invito ad agire.

Lavorare alla nostra quiete interiore è una strategia che serve a migliorare il nostro comportamento e ad acquisire strategie di affrontamento. Perché non basta fare uso della serenità per vivere in pace.

La calma ci permette di muoverci con maggiore equilibrio in mezzo al caos. È, al tempo stesso, l’ormeggio che ci aiuta a prendere decisioni migliori, il timone con cui superare le avversità con risorse adeguate.

Facciamo entrare, quindi, nella nostra vita quotidiana questa lezione di saggezza e crescita personale. Impariamo a ricercare l’equilibrio, accettando quello che ci accade, ma cercando sempre di risolverlo, facendo della pace interiore il riflesso attraverso cui capire il mondo.

Si chiama calma…

“Si chiama calma e non si paga con niente, non c’è moneta di alcun colore che possa coprire il suo valore quando diventa realtà.

Si chiama calma e mi è costata tante tempeste e le attraverserei mille volte ancora pur di tornare a incontrarla.

Si chiama calma, la godo, la rispetto e non la voglio lasciar andare…”.

  • Brown, KW, y Ryan, RM (2003). Los beneficios de estar presente: la atención plena y su papel en el bienestar psicológico. Revista de Personalidad y Psicología Social . American Psychological Association Inc. https://doi.org/10.1037/0022-3514.84.4.822
  • Ekman, Paul. Dalai Lama (2008) Emotional Awareness: Overcoming the Obstacles to Psychological Balance and Compassion. HENRY HOLT