Siamo tutti normali fino a prova contraria

Pensiamo tutti di essere persone normali e giudichiamo chi è diverso da noi. In realtà, ogni individuo è unico ed è questo che ci rende ricchi.
Siamo tutti normali fino a prova contraria

Ultimo aggiornamento: 14 dicembre, 2021

La normalità e la rarità sono due concetti molto soggettivi al punto che siamo tutti normali sulla base di un’analisi personale.

Abbiamo sentito o fatto dichiarazioni come “perché non riesco a trovare un partner normale?”, “Non cercare amici su internet, ci sono solo persone strane lì” o “è una persona molto strana, non parlarle”. Ma a cosa ci riferiamo con questi termini?

Probabilmente, per ognuno di noi il significato è diverso; quindi, non abbiamo il potere di giudicare chi sono le persone normali e chi no.

Una delle più grandi preoccupazioni dell’essere umano è adattarsi alla società. Questo perché la nostra specie ha bisogno dell’interconnessione per sopravvivere e svilupparsi.

Essere criticati, rifiutati o isolati può causare gravi danni all’autostima; d’altra parte, costringersi ad aderire ai modelli imposti è una via sicura verso l’infelicità. Allora perché facciamo di tutto per etichettare le persone? Perché cerchiamo di essere uguali agli altri quando ognuno di noi è un universo complesso e unico?

Chi sono le persone normali?

Se ci atteniamo alla semantica, si definisce normale ciò che è conforme alla norma; ovvero quello che soddisfa le caratteristiche più comuni senza eccedere o mancare.

Alla luce di ciò, consideriamo persone normali coloro che si adattano a quanto accettato socialmente nel momento vitale in cui si trovano.

Praticamente dalla nascita veniamo valutati in base a questa presunta normalità. Se un bambino impiega più di tempo per iniziare a camminare o per dire le sue prime parole, l’ambiente critica e i genitori si preoccupano.

Ma anche quando un bambino è più curioso e intelligente della media è oggetto di critiche e di sguardi. Si spera che si dica che è diverso o speciale. Man mano che cresciamo, i giudizi e gli standard continuano.

Dobbiamo essere bravi a scuola, avere una vita sociale attiva, mantenere una relazione, trovare un buon lavoro, sposarci, avere figli… E tutto questo nel momento in cui la società lo ritiene opportuno. Il prezzo del mancato rispetto di uno di questi passaggi? Essere considerato strano e ricevere continue domande.

Il pericolo di cercare la normalità

Nel tentativo rientrare in questi rigidi standard, ci sforziamo ogni giorno di adattarci. La persona timida si sforza di essere socievole, chi odia il suo lavoro non  lo lascia, le relazioni vuote e dannose continuano per anni. Se ci fermiamo ad analizzare la situazione, noteremo che la pressione è più forte di quanto immaginiamo.

Il problema è che questa normalità non cerca la nostra felicità o il nostro benessere, non vuole che cresciamo e ci sviluppiamo come individui, ma piuttosto che ci adattiamo. Non ci vuole liberi e diversi, come le linee su un murale, bensì omogenei e vincolati, come i mattoni di un muro.

La necessità di soddisfare queste richieste esterne può farci ammalare fisicamente ed emotivamente. Disturbi d’ansia, depressione, paure, frustrazione, insoddisfazione, ma anche dolore, disagio, malattie psicosomatiche.

Coloro che escono dalla norma subiscono il rifiuto e coloro che si conformano a essa subiscono la restrizione. È davvero questo ciò che vogliamo per noi stessi e per gli altri?

Siamo tutti normali… Se accettiamo le nostre stranezze

La soluzione a questa situazione estenuante, dolorosa e ingiusta è nelle nostre mani e comporta l’apertura alla diversità. Smettere di inquadrare e categorizzare per capire che siamo tutti diversi e che proprio queste differenze arricchiscono la società.

Gli introversi portano profondità, gli estroversi portano gioia. Ci sono individui pratici e altri sognatori, ci sono quelli che amano ascoltare e ci sono quelli che sono ottimi comunicatori.

Il nostro sogno potrebbe essere quello di mettere su famiglia, mentre un’altra persona desidera viaggiare per il mondo, è tutto valido.

Quando smettiamo di giudicare gli altri, ci concediamo anche la libertà di essere. Scopriamo che forse i nostri obiettivi non sono quelli che gli altri ci hanno prefissato, che siamo molto diversi da come ci atteggiamo per ottenere l’approvazione.

Siamo tutti normali

Siamo tutti normali finché non viene dimostrato il contrario, finché non scopriamo l’oceano di peculiarità che abita in noi.

Nessuna persona è uguale a un’altra, e questo è il nostro potere. Abbracciamo le nostre stranezze e ammiriamo quelle che ci circondano. Infine, siamo tutti esseri magicamente unici che lottano inutilmente per apparire normali.

This might interest you...
Normopatia: l’ossessione di essere normale
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Normopatia: l’ossessione di essere normale

Normopatia è un termine che indica di per sé, che non c'è niente di più anormale dell'ossessione di essere come tutti gli altri.



  • Carmona Schiller, E. (1972). Motivaciones de la conducta humana: necesidad de aprobación en el hombre. Recuperado de: https://redined.educacion.gob.es/xmlui/handle/11162/90790
  • Aranda, A.E., García-Campos, T., Domínguez-Espinosa, A., García y Barragán, L.F., García-Alcaraz, J.G. (2015) Efectos de la cultura en la necesidad de aprobación social y en la ansiedad. XLII Congreso Nacional de Psicología 2015. México.