Smettere di essere indecisi: 3 strategie

12 ottobre, 2020
Ogni giorno siamo costretti a fare delle scelte, facili, difficili, importanti o banali. Tutte hanno in comune un certo grado di incertezza, che spesso rende la nostra mossa sbagliata o corretta.

Spesso non riusciamo a prendere una decisione perché veniamo assaliti dal dubbio; restiamo bloccati, incapaci di scegliere un’alternativa o l’altra. Possiamo smettere di essere indecisi ricorrendo ad alcune strategie volte a neutralizzare la nostra tendenza a tentennare troppo.

Soppesare le diverse opzioni è un gesto sano, soprattutto quando dalla nostra scelta derivano conseguenze importanti. C’è un punto, tuttavia, in cui si oltrepassa il limite della prudenza. Non esiste più un sano valutare, ma un rimuginio ossessivo che ci fa precipitare in un circolo vizioso.

Per alcune persone, l’eterna indecisione è una costante. Questo esercizio per cui la menta pensa all’infinito prima di giungere a una conclusione spesso fa sì che sia la vita a decidere. Come uscire da questo vicolo cieco? Esiste un modo per smettere di essere indecisi?

“A volte prendiamo la decisione corretta, altre volte facciamo in modo che diventi.”

– Phil McGraw –

Ragazza che riflette appoggiata alle mani.

Strategie per smettere di essere indecisi

1. Evitare di concentrarsi sui risultati

La prima strategia per smettere di essere indecisi è cambiare approccio mentale. Di solito, quando ci troviamo di fronte a un bivio, la mente si concentra soprattutto sui possibili risultati piuttosto che sul processo stesso di scelta. A prima vista, crediamo di dover ipotizzare quello che accadrà, o meno, in seguito alla nostra decisione.

In questo modo, però, il problema è mal posto. Soprattutto perché le congetture non sono certe per definizione. In altre parole, pur avvicinandoci alla realtà delle cose, non possiamo averne una visione completa. Le conseguenze delle nostre azioni dipendono da molti fattori, non solo dalla nostra volontà.

Per essere più decisi, dunque, occorre in primo luogo ammettere che nessuna scelta o situazione sarà sotto il nostro totale controllo, sebbene ci sembri così. Ogni scelta è una scommessa, mai una certezza. È meglio concentrarci sugli elementi reali a nostra disposizione e accettare che l’incertezza è la regola.

2. Limitare le opzioni per smettere di essere indecisi

Un’altra strategia per smettere di essere indecisi è limitare le opzioni. Conviene, in altre parole, stabilire alcuni parametri entro i quali decidere. Se non fissiamo dei limiti, si potrebbe attivare una tempesta di idee o di emozioni capace di paralizzarci piuttosto che di stimolarci.

Limitare le opzioni significa, prima di tutto, fissare una scadenza. Quando lasciamo aperta la fine di tale processo, finiamo per posticipare all’infinito fino a quando sarà la realtà a decidere per noi. “Compro la giacca blu  o quella verde?”, fino a quando qualcuno compra quella verde e a noi resta solo una possibilità. Ecco perché è importante stabilire un limite temporale.

In secondo luogo, occorre considerare che il processo decisionale è primariamente un processo di scarto. Non si tratta di sommare possibilità, ma di sottrarle. Quando una delle alternative è debole, non dobbiamo continuare a vagliarla, occorre eliminarla.

Uomo che pensa a come smettere di essere indecisi.

3. Distaccarsi dalla situazione

Uno dei fattori paralizzanti è l’elevato carico emotivo che accompagna il processo di scelta. Molte volte, senza accorgercene, permettiamo alla paura o all’eccitazione di prendere il sopravvento. Se riteniamo di essere troppo coinvolti, potrebbe non essere il momento migliore per prendere una decisione.

È ovvio che le decisioni non coinvolgono solo la nostra parte cognitiva, ma anche quella emotiva. Non si tratta di aspettare che ogni emozione si spenga, ma evitare un sovraccarico emotivo, perché ci fa perdere lucidità e ci porta a vedere la realtà in modo distorto.

L’ideale, dunque, è rilassarci prima di affrontare una questione importante. Una buona tecnica consiste nel fingere che sia qualcun altro a chiederci consiglio su come agire. Scrivete, per esempio, una lettera indirizzata a voi stessi e provate a rispondere.

In definitiva, è importante abbandonare la convinzione che esista la decisione perfetta. Ciò che spesso perpetua il dubbio è la ricerca di un’alternativa in cui si vince tutto e non si perde nulla. Invece ogni scelta contiene una rinuncia, piccola o grande che sia.

Per rendere più agile il nostro processo decisionale, dobbiamo accettare che a ogni scelta è associato un certo grado di incertezza.

Braidot, N. (2012). Sácale partido a tu cerebro: todo lo que necesitas saber para mejorar tu memoria, tomar decisiones y aprovechar todo tu potencial. Ediciones Granica.