Non do mai le spalle: regalo la mia indifferenza a viso aperto

· 13 gennaio 2017

In questo mondo in cui tutti agiscono alle spalle, c’è bisogno di persone che facciano le cose a viso aperto, faccia a faccia, senza paura e tentennamenti. Quando dovete regalare la vostra indifferenza a qualcuno, è meglio farlo senza titubare, con lo sguardo fermo e tranquillo di chi sa dire “basta”, di chi non ha paura di mettere dei limiti a ciò che non vuole fare o che turba il suo equilibrio.

Tutti sappiamo che, nei rapporti umani, ci sono pochi ingredienti essenziali come il riconoscimento dell’altro. Grazie a questa interazione, a questa deferenza quasi sempre significativa e autentica, esistiamo, impariamo e cresciamo come persone. Tuttavia, quando un legame specifico ci fa male o ci provoca infelicità, è necessario saper riconoscere l’offesa e reagire, invece di fuggire e dare le spalle.

“Il vero conflitto non è quello tra il bene e il male, ma tra la conoscenza e l’ignoranza”.

(Buddha)

Non possiamo dimenticare che è sempre meglio perdere un rapporto con una persona che la propria salute. Per disfarvi di un legame o di una relazione problematica, dovete agire con maturità, congruenza e un’adeguata intelligenza emotiva. Perché chi sceglie di dare semplicemente le spalle non sa affrontare le situazioni.

È necessario armarvi delle giuste abilità per gestire le situazioni di questo tipo. Così, vi sentirete più competenti e soddisfatti e allo stesso tempo godrete di una migliore qualità di vita e di una maggiore salute mentale.

coppia-arrabbiata-di-spalle

Scegliete di non dare le spalle e di agire con intelligenza

Se ci pensate bene, viviamo in un mondo colmo di persone che danno le spalle a molte delle cose che le circondano. Non lo fanno sempre con cattiveria o intenzionalmente. È solo una questione di ego, di quell’identità inventata che costruiscono con il tempo fino a rimanere bloccati su un’isola di solitudine, un posto in cui prestano attenzione solo a ciò che accade ai limiti della loro piccola bolla psichica ed emotiva.

Forse è per questo che chi non è abituato a trattare le persone che ama con empatia e riconoscimento non è neanche capace di gestire in modo corretto i conflitti. Se c’è qualcosa che non va, non serve a nulla scappare o assumere un atteggiamento infantile con il fine di rendere invisibile chi non ci piace, chi non corrisponde ai nostri dettami mentali o semplicemente chi non ci va a genio.

I problemi vanno affrontati, così come i conflitti. La nostra vita non è una linea retta senza intoppi o uno scenario asettico in cui avanziamo come esseri immuni alle differenze o agli scontri. A volte non è solo la difficoltà a infastidirci, ma anche il modo in cui reagiamo. Reagire con maturità ed intelligenza ci permetterà di costruire un’idea di noi stessi più valida, chiara e arricchente.

ragazza-con-vegetazione-e-uccelli

Imparate a gestire le vostre differenze e i vostri conflitti

A tutti piacciono le persone che si impegnano, che prendono una posizione, che hanno voce e un’opinione sulle cose e che hanno il coraggio di difendere i loro pensieri. Questa energia vitale è unita ad un impegno quasi magico con se stessi. Le persone dotate di una buona autostima non si nascondono e non danno le spalle, ma fanno uso di una corretta assertività per dire con chiarezza ciò che non vogliono e perché.

“È il tuo atteggiamento di fronte alle cose a fare davvero la differenza nella vita”.

(Winston Churchill)

Ora vi proponiamo di considerare le seguenti strategie per affrontare meglio le differenze tra voi e le persone che vi circondano.

omini-lanciano-testa

Strategie per affrontare con coraggio ciò che vi infastidisce

La terapia Gestalt è sempre utile per trattare le situazioni di questo tipo. La sua visione olistica ci permette di considerare principi importanti come quello dell’auto-responsabilità, dell’onestà e del rispetto verso se stessi.

Riflettiamo assieme sulle categorie a seguire:

  • Quando dovete affrontare un conflitto, concentratevi sul “qui ed ora. Non importa se, in passato, quella persona o situazione vi ha portato equilibrio e felicità. Se ciò che ricevete adesso è un insulto pesante o un’offesa affilata, reagite. Tutto il dolore che provate nel momento presente non accetta il tempo condizionale: “Forse si tratta di un caso isolato. Se sopportassi ancora per un po’, magari…”.
  • Mantenete sempre la calma; l’ira è un cavallo imbizzarrito che vi porta in posti in cui non volete andare. Chi dà le spalle fugge, agisce con paura o codardia. Chi aggredisce con rabbia e disprezzo non sempre trova il benessere che sta cercando. Le persone coraggiose e dotate di intelligenza emotiva, invece, hanno imparato a costruire un palazzo di temperanza nella loro mente per agire a viso aperto, per guardare le complicazioni con serenità senza mai arrivare ad usare l’aggressività o il disprezzo.
  • Parlate con assertività. Dovete mettere bene in chiaro cosa vi infastidisce e cosa non siete disposti a tollerare. Se non parlate con chiarezza, l’individuo che avete di fronte tenterà ancora varie volte di oltrepassare i vostri limiti personali. Se adotterete semplicemente un comportamento schivo, è probabile che assisterete a nuovi episodi di attacco e di offesa.

Per concludere, in questo mondo pieno di individui che danno le spalle, è bene imparare ad agire sempre a viso aperto. Anche se dovesse essere solo per regalare un silenzio, per offrire un elegante sguardo in cui risplende la più saggia indifferenza.

Immagini per gentile concessione di Christian Schloe