Stili di ragionamento disfunzionali nel disturbo ossessivo compulsivo

Il disturbo ossessivo-compulsivo è una delle condizioni cliniche più problematiche. Riuscite a immaginare che un evento catastrofico possa scatenare in voi la stessa reazione emotiva dell'evento in sè? Nell'OCD succede una cosa simile. Ne parliamo in questo articolo.
Stili di ragionamento disfunzionali nel disturbo ossessivo compulsivo

Ultimo aggiornamento: 13 dicembre, 2022

Il disturbo ossessivo-compulsivo (di seguito, OCD) è una condizione clinica spesso invalidante. È caratterizzato dalla presenza di ossessioni, che causano sofferenza, e alle quali la persona risponde con compulsioni o rituali, sia comportamentali che mentali. In questo articolo analizzeremo il meccanismo che spiega la formazione delle ossessioni: stili di ragionamento disfunzionali nel disturbo ossessivo compulsivo.

In questo tipo di disturbo le compulsioni o i rituali sono tutt’altro che piacevoli, sebbene alcune persone provino sollievo quando vengono eseguiti. Le risposte affettive associate al disturbo ossessivo compulsivo sono molto varie e anche intense. Inoltre, è comune che le persone sperimentino un travolgente “bisogno di perfezione”, che provoca loro frustrazione e disagio.

Pensiero della donna
Il disturbo ossessivo compulsivo ha una prevalenza dall’1 al 3% nella popolazione generale.

Cos’è il disturbo ossessivo compulsivo?

Prima di parlare di stili di ragionamento disfunzionali, riflettiamo su cosa caratterizza questo grave disturbo. Pertanto, l’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce questa entità clinica dalla presenza di ossessioni e compulsioni persistenti:

  • Le ossessioni assumono la forma di pensieri, immagini o impulsi persistenti e ricorrenti, o la sensazione che “è molto urgente farlo”. Questi pensieri sono molto fastidiosi, lungi dall’essere desiderati e sono spesso associati all’ansia. La persona cerca di ignorare o sopprimere le proprie ossessioni mettendo in atto comportamenti ripetitivi (compulsioni).
  • Le compulsioni sono comportamenti sia fisici che mentali che una persona mette in atto di fronte all’urgenza delle proprie ossessioni. Sono eseguiti secondo regole rigide.

Ad esempio, una persona con disturbo ossessivo compulsivo può pensare che qualcosa non sarà pulito fino a quando non sarà stato lavato 99 volte. Dato che prova un grande disagio quando pensa che sia sporco, lo pulirà 99 volte perché se non lo fa, potrebbe infettare le persone intorno a lui e di conseguenza potrebbero morire.

Inoltre, sia le ossessioni che le compulsioni consumano molto tempo di una persona. In alcuni casi sono state segnalate più di 8 ore dedicate al contenuto di ossessioni e compulsioni, che producono gravi interferenze e un sostanziale deterioramento personale, sociale, educativo e lavorativo.

Quali sono gli stili di ragionamento disfunzionali nel disturbo ossessivo compulsivo?

Il “dubbio” è l’elemento chiave e fondamentale, essendo alla base della formazione delle ossessioni. O’Connor lo definisce come ” un’interferenza su un possibile stato di cose come se stessero realmente accadendo”.

Cioè, le persone con disturbo ossessivo compulsivo vedono come reale qualcosa che sta accadendo solo nella loro mente. Ecco un esempio di questo stile di ragionamento:

Ho avuto un pensiero molto brutto. Mi è appena venuto in mente che posso uccidere mio figlio. Non posso stare con mio figlio perché sono pericoloso. Devo allontanarmi da mio figlio perché sono un assassino.

Così, in uno stato in cui la possibilità che qualcosa accada si confonde con il suo effettivo verificarsi, possiamo distinguere vari elementi.

1. Inferenza primaria

L’inferenza primaria si riferisce alla componente di base del dubbio. Pertanto, l’essenza del “dubbio” deve essere un contenuto significativo, importante, con un’elevata carica emotiva per la persona.

Il dubbio è l’inizio del disturbo ossessivo compulsivo. È l’innesco del dubbio perché assume la forma di un’inferenza (cioè un presupposto), con un forte significato personale oltre che emotivo.

Ho appena comprato un’auto e l’ho lasciata parcheggiata, ho chiuso a chiave l’auto? Torno indietro e controllo di averlo chiuso. 10 minuti dopo mi assale di nuovo il dubbio se ho davvero chiuso la macchina. L’ho davvero chiuso? Devo tornare a controllare.

2. Confusione inferenziale

Il dubbio ossessivo che costituisce l’inferenza primaria è il prodotto di un ragionamento errato. È sbagliato perché la persona con disturbo ossessivo compulsivo confonde “ciò che è reale” con “ciò che è possibile”. Questo è causato da due fattori:

  • Molti malati di disturbo ossessivo compulsivo finiscono per diffidare delle proprie percezioni e dei propri sensi. Di conseguenza, la persona non può distinguere chiaramente tra ciò che è reale e ciò che immagina essere reale.
  • Danno maggiore credibilità a possibilità remote e spesso fittizie rispetto alla realtà, accessibile attraverso i sensi (udito, vista, olfatto, gusto).

Inoltre, la confusione inferenziale può essere valutata utilizzando l’Inferential Confusion Questionnaire (ICQ), i cui punteggi spiegano una percentuale significativa delle relazioni tra i sintomi ossessivo-compulsivi e le convinzioni disfunzionali di cui stiamo parlando.

uomo con gli occhiali che dubitano
Le persone con disturbo ossessivo compulsivo spesso confondono ciò che è reale e ciò che è possibile quando ragionano sulle loro ossessioni.

3. Inferenze secondarie e stili di ragionamento disfunzionali

Di fronte al dubbio ossessivo che plasma l’inferenza primaria, la persona con disturbo ossessivo compulsivo anticipa le conseguenze negative (o inferenze secondarie) che potrebbero verificarsi nel caso in cui ciò che si teme (una possibilità fittizia, possibile e improbabile) si verifichi.

Di fronte a questa situazione, il paziente avverte un grado di disagio molto elevato (solitamente ansia); In questo momento la loro volontà è dirottata dalla necessità di attuare comportamenti che mitighino sia il disagio che le minacce che sono state anticipate.

Per concludere, vale la pena ricordare che questo fenomeno di errore di ragionamento è curioso perché le persone con disturbo ossessivo compulsivo commettono questi errori di ragionamento solo quando ragionano sulle loro ossessioni. Il resto del ragionamento gli piacciono le persone senza disturbo ossessivo compulsivo.

Potrebbe interessarti ...
Ossessioni nel disturbo ossessivo compulsivo
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Ossessioni nel disturbo ossessivo compulsivo

Le ossessioni nel disturbo ossessivo-compulsivo risultano estremamente fastidiose, in quanto causa di ansia e malessere estremi.



  • Belloch, A. (2022). Manual de psicopatología, vol II.
  • López, A. P. (2015). Cruzando el puente entre realidad e imaginación: Terapia basada en la inferencia para el TOC. Informació psicològica, (110), 92-107.
  • Borda, T., & Mazás, S. El Trastorno Obsesivo Compulsivo (TOC) es sustancialmente un trastorno emocional.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.