Una giornata di lavoro produttiva

A volte siamo molto stanchi, ma tendiamo a soffermarci sulle fonti di tensione che sulla mancanza di spazi di riposo in cui queste sono assenti.
Una giornata di lavoro produttiva

Ultimo aggiornamento: 01 agosto, 2022

Le giornate di lavoro possono essere molto diverse in termini di produttività, e spesso non ci è chiaro il perché. Se c’è qualche fattore esterno che influenza, di solito consideriamo l’enigma risolto. Il mistero rimane, invece, quando ci rendiamo conto che nulla è cambiato, ma che le prestazioni lavorative oscillano. Come rendere, dunque, una giornata di lavoro produttiva?

A volte si è altamente produttivi, mentre altre accade il contrario: si commettono errori, la testa è pesante e si guarda l’orologio ogni mezz’ora come per avvicinare la fine del turno.

In linea di massimo, questo è normale. Ci sono molti fattori che possono influenzare le prestazioni lavorative e non sorprende che la produttività non sia una costante.

Tuttavia, molto spesso una giornata di lavoro diventa molto proficua o meno a seconda di un fattore essenziale che tendiamo a tralasciare: il riposo.

“La complessità è il tuo nemico. Qualsiasi pazzo può fare qualcosa di complicato. La parte difficile è mantenere le cose semplici”.

-Riccardo Branson-

Una donna lavora sodo per fare rapporti.
Per rendere sul lavoro, sono essenziali abitudini di vita sane.

Una giornata di lavoro produttiva

Il segreto per avere una giornata lavorativa veramente produttiva è un sonno di qualità. Svegliarsi sentendosi riposato rende capaci di rivolgere correttamente e mantenere l’attenzione, le facoltà cognitive acute e la disposizione emotiva.

In simili condizioni, si lavora senza intoppi. E quando ciò accade, la motivazione cresce e tutte le abilità vengono migliorate. È ovvio che durante la giornata la sensazione di vitalità e vigore diminuisce, ma l’essenza rimane. Nel pomeriggio si conferma che la giornata è stata proficua.

Per ovvie ragioni, può accadere anche il contrario. Se la persona non ha dormito bene, si sveglia al mattino con una sensazione di pesantezza mentale, distrazione e cattivo umore. Questi sono anche fattori che generano una catena di eventi: si fa tutto più lentamente e con meno precisione, si è poco motivati e a metà giornata ci si può sentire molto annoiati.

Queste circostanze non rendono più produttivi, tutto il contrario. È difficile concentrarsi e svolgere correttamente i compiti. Al tempo stesso, ritardi o errori risultano demotivanti ed è molto probabile non sfruttare al meglio il tempo a disposizione.

La “sbornia” da lavoro

Uno dei motivi per cui una giornata di lavoro diventa improduttiva a causa dello scarso riposo notturno è la cosiddetta “sbornia da lavoro”. Si riferisce al fatto che in uno o più giorni precedenti si è verificato un sovraccarico di lavoro.

In questo modo, non è stato possibile riposarsi a sufficienza perché c’erano compiti in sospeso e si è dedicato essi più tempo di quanto fosse ragionevole. Questo crea ulteriore affaticamento che non scompare con una sola notte di sonno. Spesso, di fatto, incide sulla qualità del riposo.

Una simile situazione è in genere la conseguenza di una inadeguata organizzazione del tempo o di numerose questioni in sospeso. È comune che la fatica porti a rimandare alcuni compiti, cadendo in un circolo vizioso: non è possibile riposare bene a causa dello stress degli impegni posticipati e la mancanza di un buon riposo impedisce di recuperare le energie.

Uomo con stress lavorativo che lavora.
Il sovraccarico di lavoro genera affaticamento mentale.

Come rendere una giornata di lavoro produttiva?

Il riposo è una condizione sine qua non per la produttività. Lo sappiamo, o almeno lo percepiamo; tuttavia, cosa possiamo fare quando non ci sentiamo in grado di interrompere un ciclo di stress crescente? Se non possiamo prendere diversi giorni liberi, la gestione delle pause diventa fondamentale.

Quando la notte è stata frenetica, è meglio aumentare il numero delle pause durante il giorno. Cerchiamo di non superare le due ore senza fare una pausa; se invece lavoriamo seduti, è consigliabile fare queste pause in piedi e in movimento.

Se siamo in casa, possiamo cogliere l’occasione per mettere una lavatrice, spolverare una stanza della casa. Se siamo in ufficio, possiamo scendere e salire qualche rampa di scale. Pensiamo che il tuo è progettato per lavorare in movimento.

Potrebbe interessarti ...
I nemici della produttività
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
I nemici della produttività

I 7 grandi nemici della produttività sono fattori che portano a sprecare tempo e risorse nel normale svolgimento dei compiti lavorativi.



  • Atalaya, M. (2001). El estrés laboral y su influencia en el trabajo. Industrial data, 4(2), 25-36.
  • Domínguez-Rodríguez, Inmaculada, Prieto-Cabras, Vicente, & Barraca-Mairal, Jorge. (2017). Un estudio de caso de trastorno adaptativo con ansiedad por situación de sobrecarga laboral. Clínica y Salud28(3), 139-146. https://dx.doi.org/10.1016/j.clysa.2017.05.003