Usate gli occhi per comunicare

· 14 febbraio 2015

Di sicuro vi sarà capitato di parlare con persone che per tutta la durata della conversazione non vi hanno guardato negli occhi oppure che hanno incrociato il vostro sguardo solo per un attimo, per poi distoglierlo subito. La capacità di mantenere un buon contatto visivo è una delle maggiori abilità sociali che tutti dovremmo avere; e, se non ce l’abbiamo, è bene lavorarci, visto che è stato dimostrato che produce grandi benefici.

Il contatto visivo

Le persone che mantengono un maggiore contatto visivo con gli altri vengono percepite come persone vicine, calde, gradevoli, simpatiche, potenti, competenti, oneste, sincere, sicure ed emotivamente stabili. Per questo motivo tendono a essere considerate più attraenti in tutti gli aspetti, e chi mantiene un contatto visivo con loro sente delle emozioni molto positive e un senso di connessione.

Riuscire ad avere un maggiore contatto visivo con gli altri può aumentare la qualità delle nostre relazioni faccia a faccia, e riuscire a mantenere questo contatto con una persona migliora la nostra connessione con lei, per esempio quando siamo ad un colloquio di lavoro, quando dobbiamo esporre una nostra idea in pubblico o siamo alla ricerca di un partner.

Come realizzare un contatto visivo adeguato

Ecco qualche consigli perché il vostro contatto visivo sia efficace:

  • Il contatto genera contatto, per cui quando una delle due persone che stanno conversando inizia ad aumentare il contatto visivo, l’altra persona tende a fare lo stesso. Per questo non dovete avere paura nel fare il primo passo e stabilire un contatto visivo.
  • Non abbiate uno sguardo troppo fisso e aggressivo: perché il contatto visivo sia efficace, deve essere appropriato e gradito, visto che se si tratta di un contatto indesiderato può mettere in imbarazzo l’altra persona. Perché il contatto visivo vada a buon fine, entrambe le persone devono partecipare. Se notate che l’altro non risponde al contatto, non insistete.
  • Mano a mano che aumentate il contatto visivo, inclinatevi all’indietro: questo permetterà che la persona che avete di fronte non si senta sotto pressione e vi aiuterà ad accrescere in modo graduale il livello di fiducia tra voi. Se invece conoscete già bene la persona con cui parlate, sarà lei a richiedere il vostro contatto visivo e la vostra vicinanza, per essere sicura che siete concentrati su di lei.
  • Concentrate il vostro sguardo su un solo occhio alla volta, e non spostatevi da uno all’altro troppo frequentemente, in caso contrario il vostro sguardo diventerà sgradevole.
  • Non esagerate con gli sguardi: anche se il contatto visivo è positivo, non dovete causare l’effetto contrario durante la conversazione. Se vi sentite un po’ persi, guardate uno dei due occhi, poi l’altro, e poi la bocca, per poi ripetere il ciclo.
  • Se lo sguardo tra voi si interrompe, non guardate mai verso il basso; è molto meglio spostare lo sguardo di lato, orizzontalmente, perché guardare in giù esprime vergogna o timidezza, mentre in realtà non è questo che volete dimostrare.

 

Immagine per gentile concessione di Nhoj Leunamme == Jhon Emmanuel