35 frasi di Gabriel García Márquez con cui ricordarlo per sempre

· 13 luglio 2015

Gabriel García Márquez fu un uomo sagace e molto impegnato, che riuscì a distinguersi per il suo stile leggero, divertente e trasgressivo e per la sua capacità di convertire in pagine meravigliose i desideri e le brame del lettore.

Conosciuto con i nomignoli “Gabito” o “Gabo”, fu un uomo carismatico e profondo, che si portò sempre dietro una certa polemica dovuta alla sua amicizia con il leader cubano Fidel Castro e ai suoi litigi con Mario Vargas Llosa (altro maestro della letteratura ispanica). Le sue opere sono colme di frasi e paesaggi che regalano al lettore intense emozioni e che gli fanno vibrare la coscienza.

Oggi vi offriamo una selezione delle sue migliori frasi per onorare la sua grandezza e per omaggiare il suo lavoro e le meraviglie che ci fa vedere attraverso i suoi libri.

  1. L’amore è eterno finché dura. (Sono venuta solo per telefonare).
  2. Constatai con orrore che si invecchia di più e peggio nei ritratti che nella realtà. (Buon viaggio, signor Presidente)
  3. L’illusione non si mangia , disse la donna. – Non si mangia, ma alimenta – ribatté il colonnello. (Nessuno scrive al Colonello)
  4. È un trionfo della vita che la memoria dei vecchi si esaurisca per le cose che non sono essenziali, ma che di rado venga meno per quelle che ci interessano davvero. (Memoria delle mie puttane tristi)
  5. Non abbiamo un altro mondo nel quale possiamo traslocare.
  6. «Torneranno» disse. «la vergogna ha la memoria debole.»
  7. Il corpo umano non è fatto per gli anni che uno potrebbe vivere. (Dell’amore e altri demoni).
  8. Il mare crescerà con le mie lacrime. (La mala ora).
  9. Aprì gli occhi e ricordò un vecchio detto spagnolo: “Dio non ci conceda mai quel che siamo capaci di sopportare”. (Notizia di un sequestro).
  10. Sento che, quanto più la conosco, meno la conosco. (Dell’amore e altri demoni).
  11. Cura il tuo cuore … Stai marcendo vivo. (Cent’anni di solitudine).
  12. Il peggior modo di sentire la mancanza di qualcuno è esserci seduto accanto e sapere che non l’avrai mai.
  13. Il primo segno della vecchiaia è iniziare ad assomigliare al proprio padre. (Memoria delle mie puttane tristi).
  14. La vita non è altro che una serie di opportunità per sopravvivere.
  15. Nella vita, nessun luogo è più triste di un letto vuoto.

 gabo (2)

 

  1. Solo perché qualcuno non ti ama come tu vorresti, non significa che non ti ami con tutto sé stesso.
  2. Ricorda sempre che la cosa più importante di un matrimonio non è la felicità, bensì la stabilità. (L’amore ai tempi del colera).
  3. Il segreto per una vecchiaia serena non è altro che un solenne patto con la solitudine.
  4. La vita è la cosa migliore mai inventata.
  5. Non c’è medicina che guarisca quel che non guarisce la felicità. (Dell’amore e altri demoni).
  6. Nessuno si merita le tue lacrime, e coloro che se le meritano non ti faranno piangere.
  7. Mi sconcerta pensare che Dio esiste, quanto pensare che non esiste.
  8. L’amore diventa più grande e nobile durante le calamità.
  9. In realtà, l’unico momento della vita in cui mi sento me stesso è quando sto con i miei amici.
  10. No, non auguro il successo a nessuno. È come per gli alpinisti: si ammazzano per raggiungere la cima e quando arrivano cosa fanno? Scendono o cercano di scendere con prudenza, con la maggiore dignità possibile.
  11. La memoria del cuore elimina i brutti ricordi ed enfatizza quelli buoni, è grazie a questo trucco che possiamo sopportare il passato.
  12. Quando un neonato stringe con il suo piccolo pugno il dito di suo padre per la prima volta, lo ha catturato per sempre.
  13. Puoi essere solo una persona per il mondo, ma per qualcuno il mondo sei tu.
  14. Il problema del matrimonio è che finisce tutte le notti dopo aver fatto l’amore, e bisogna ricominciare a costruirlo tutte le mattine prima della colazione. (Amore ai tempi del colera)
  15. La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
  16. L’unica cosa che mi fa soffrire del morire è che non sia d’amore. (L’amore ai tempi del colera)
  17. Un uomo ha diritto di guardare dall’alto in basso un altro uomo solo per aiutarlo a rialzarsi.
  18. Non smettere mai di sorridere, nemmeno quando sei triste, perché non sai chi si potrebbe innamorare del tuo sorriso.
  19. Non piangere perché è finita, sorridi perché è successo.
  20. La saggezza ci arriva quando non serve più.