Il sentiero della felicità

· 24 maggio 2015

Per essere più felici, la prima cosa da fare sarà misurare il proprio livello di felicità attuale. Grazie al test per misurare la felicità, potrete farvi un’idea. Ricordate che completare un test come questo non significa ottenere una diagnosi come risultato, questa spetta ad un professionista che vi può sottoporre a test simili e ad altri tipi di esami.

Bene, è arrivato il momento di darsi da fare. Vi daremo 10 consigli ed esercizi da mettere in pratica nei prossimi giorni e nelle prossime settimane. Vi raccomandiamo di stamparli o di trascriverli a mano su un foglio e di appenderlo in un posto visibile della casa o dell’ufficio in modo da averlo sempre ben presenti. Ecco le nostre indicazioni:

1. Fate quello che vi piace: leggere, ballare, uscire con gli amici, stare a casa, vedere un film, etc. Ricordate che la felicità è una cosa soggettiva e che non tutti devono condividere i vostri stessi gusti. Cercate di ritagliarvi del tempo per voi, lo si trova sempre, e non smettete di fare quello che vi piace. Fate una lista di tutte le cose che amate fare, anche se vi sembrano insignificanti (ad esempio passeggiare sulla spiaggia) e cercate di farli in questi giorni.

2. Se il punto di partenza è che non a tutti piacciono le stesse cose, allora per essere felici è importante capire e rispettare, senza offendervi, le opinioni, le idee, i gusti degli altri. Anche se qualcuno la pensa diversamente da voi, non dovete arrabbiarvi. Questo non vi aiuterà a raggiungere la felicità. Mettetelo in pratica a partire da adesso: cercate di non offendervi se gli altri hanno un’opinione diversa dalla vostra e cercate di esprimere il vostro punto di vista utilizzando frasi  come “secondo me”, “io penso che”, “forse la pensiamo diversamente, ma va bene lo stesso”, etc.

3. Vivete il presente, vivete il presente e vivete il presente. Il passato serve per essere ricordato, ma soprattutto per trarre insegnamenti. Un eccesso di passato può portare a problemi di depressione legati ai “sensi di colpa passati, al pentimento”, mentre un eccesso di futuro, di anticipazione di ciò che non si conosce ancora, può portare a problemi di ansia. Cercate di vivere il momento presente al massimo. Godetevelo e soprattutto cercate di capire che, domani, il presente che state vivendo oggi farà già parte del passato. Godetevelo e date il meglio di voi. Vi suggeriamo di riflettere sulle cose del passato che non avete ancora superato, quelle a cui evitate di pensare; pensateci, invece, e cercate di capire se hanno avuto qualche lato positivo.

4. Tenendo conto di quanto detto finora, possiamo dedurre che la felicità non è la meta, ma il cammino da percorrere. Normalmente pensiamo di essere felici quando avremo una nuova casa, un nuovo lavoro, un figlio, quando vinceremo alla lotteria, etc. Questo modo di pensare non vi aiuterà ad essere felici perché la felicità non è QUANDO raggiungete qualcosa, piuttosto il CAMMINO, la strada che percorrete per raggiungere quello che volete. Un cammino che non solo attraversate, ma che vi godete appieno.

5. Un esercizio molto semplice: ogni giorno prendetevi 5 minuti per pensare alle cose “belle” che vi sono successe durante la giornata. Non devono per forza essere grandi avvenimenti. A volte sono le piccole cose a diventare grandi, a seconda del valore che vi attribuiamo. Vedere un amico, qualcuno che vi sorride, divertirvi, fare un lavoro che vi piace, dormire e riposare bene. Valorizzate le cose che avete. Pensate che non tutti possono contare su cose basilari come odorare, vedere, sentire, etc. Molte volte ci focalizziamo solo su quello che non abbiamo invece di pensare a quello che già fa parte della nostra vita. Solo cambiando prospettiva potrete raggiungere la felicità.

6. Se volete essere felici, cercate di far coincidere quello che pensate, sentite, dite e fate, che tutto segua la stessa direzione. Non c’è niente di più positivo di avvicinarsi alla felicità quando questi 4 aspetti sono in armonia. Ad esempio, vi piace ballare il twist, vi sentite bene quando lo fate, quindi non c’è motivo di provare imbarazzo, lo dite apertamente ai vostri cari e infine cercate un momento o un’occasione per ballare il twist.

7. Affrontate i vostri problemi e trovate una soluzione. Evitare i problemi vi farà sentire bene (forse) solo momentaneamente, ma a lungo andare sappiate che i problemi evitati sono problemi irrisolti che non vi aiuteranno a essere felici. A volte è necessario sedersi ad un tavolo e pensare o anche scrivere i pensieri, le idee e le possibili soluzioni, i pro e i contro, etc., per iniziare ad affrontare i problemi. Provateci!

8. Non fate paragoni con gli altri e non prendete sul personale i commenti degli altri. Se qualcuno giudica il vostro cammino, come dice il proverbio, prestategli le vostre scarpe. Pensate ai vostri amici e conoscenti e capirete che quelli che prendono la vita con “filosofia” e tranquillità sono molto più felici e allegri di quelli che prendono critiche e commenti troppo sul serio.

9. Prendetevi cura di voi. Molte volte, quando siamo infelici, dormiamo male, mangiamo meno e trascuriamo anche il nostro aspetto fisico. È sbagliato! Bisogna prendersi cura di sé. È dimostrato che dormire bene regala una sensazione di benessere. È dimostrato che l’attività fisica, anche se non se ne fa molta, apporta benessere. È dimostrato che le persone che seguono una dieta sana e varia, hanno una maggiore sensazione di benessere. Vi state prendendo abbastanza cura di voi e del vostro corpo?

10. Ultimo, ma non meno importante: il sorriso. Sorridete sempre e se potete, ridete. Le risate attivano molti muscoli e aiutano a rilasciare sostanze nell’organismo che aumentano la sensazione di benessere e di felicità. La risata è contagiosa e se sorridete e ridete, il vostro cervello reagirà in modo stupendo e si abituerà a questa sensazione di benessere perché fa bene alla salute.

Molto bene. Come vi abbiamo detto, dovrete seguire questi consigli almeno per qualche giorno. All’inizio forse non sarà facile, ma se ci mettete buona volontà e sarete costanti, il vostro cervello li assimilerà bene. Ben presto li seguirete senza rendervene conto.

Dopo qualche giorno, potrete ripetere il test e valutare i vostri progressi. La maggior parte delle persone può riuscire a migliorare il proprio livello di felicità solo con i propri sforzi. Siete tra queste? Sicuro! Se vi sentite male e non siete riusciti a fare progressi dopo un ragionevole periodo di tempo, allora vi consigliamo di affidarvi ad uno specialista che saprà come aiutarvi per migliorare la vostra qualità di vita ed essere finalmente felici.